Vai al contenuto

La Barriera Forum uses cookies. Read the Privacy Policy for more info. To remove this message, please click the button to the right:    I accept the use of cookies
HOME || NEWS || GEORGE R.R. MARTIN || BIBLIOGRAFIA || INTERVISTE || WIKIBARRIERA || FORUM || SOCIAL || LINKS || ARCHIVIO

Foto

La canzone del giorno


  • Per cortesia connettiti per rispondere
1958 risposte a questa discussione

#1951 ziowalter1973

ziowalter1973

    confratello

  • Utente
  • 1169 messaggi
    • Time Online: 20d 19h 52m 23s

Inviato 07 feb 2017 - 22:14

Visto che è inziato sanremo mi sembra giusto condividere una delle canzoni mitiche di questa fantastica manifestazione..


  • 0

#1952 Lady Monica

Lady Monica

    Pasticcera Reale della Barriera

  • Ranger
  • 8551 messaggi
    • Time Online: 299d 23h 34m 44s

Inviato 07 feb 2017 - 23:08

Per me Sanremo è questo

 


  • 0

#1953 ziowalter1973

ziowalter1973

    confratello

  • Utente
  • 1169 messaggi
    • Time Online: 20d 19h 52m 23s

Inviato 07 feb 2017 - 23:28

Non sono mai riuscito a farmeli piacere.. ;)


  • 0

#1954 Darklady

Darklady

    Bardo Spadaccino dalla corte di Kellgeard

  • Attendente
  • 5200 messaggi
    • Time Online: 50d 18h 31m 36s

Inviato 08 feb 2017 - 10:26

Purtroppo, per ciò che mi concerne, non esiste più il concetto del "per me Sanremo è questo".......era, in passato, il festival del "bel canto", la vetrina della nostra musica, aveva fama internazionale.....ora, cara grazia se gli italiani stessi si degnino di (s)guardarlo.

Ieri sera, per mia somma gioia e fortuna, ho avuto da fare fino a tardi, quindi non mi sono "divanata" prima delle 23; nel mentre, il mio moroso, si è guardato Sanremo. Ho sentito più brutture che altro e non parlo di canzoni, quelle vanno a gusto e, come ben noto, de gustibus non disputandum est (il genere mi schifa, quindi non mi permetto di giudicare). Parlo piuttosto di mero livello canoro; cioé un sacco di gente calante, un sacco di gente che sbaglia........la Giusy Ferreri ne avesse azzeccata una di nota! L'ho sempre detto che è una sopravvalutata oltre ogni limite.......

A Sanremo ogni artista porta una sola canzone; ha 3/4 minuti di tempo per tirare fuori il meglio di sé, immagino che siano settimane, no MESI, che provino queste dannate canzoni......ma allora, emozione a parte (che però giustifico solo limitatamente ed indulgo maggiormente sui giovani, non certo sui cosidetti "big"), com'è che molte esibizioni erano piatte e ridotte al "mero compitino" e a volte manco a quello?

 

Ho assistito ad un sacco di concerti nella mia vita, ho visto un sacco di artisti calcare il palco (alcuni anche in condizioni fisiche pessime, con influenze varie, acciacchi e malanni da raffreddamento) eppure si sparavano le loro 2/3 ore di concerto.......nell'ambito dei quali la stecca capita, la resa calante pure, ma parliamo di episodi minimi diluiti in un tempo piuttosto lungo non in miseri 3 minuti......da "one shot, one go".......Paradossalmente i ragazzi che partecipano all'ESC (European Song Contest) sono molto più preparati!!!!

 

Bha..........tutto questo, ovviamente "only IMHO"......


  • 1

#1955 Lady Monica

Lady Monica

    Pasticcera Reale della Barriera

  • Ranger
  • 8551 messaggi
    • Time Online: 299d 23h 34m 44s

Inviato 08 feb 2017 - 11:38

Io non sono una grande amante di Sanremo: lo seguivo nei gloriosi anni della Gialappas in radio e quindi in realtà non seguivo neanche all'epoca. 

Ho lurkato i commenti di ieri sera su Twitter, ma non mi pareva poi tutto sto gran che. Anche perchè il problema vero è che il festival riflette solo una parte della musica italiana e ahimè, non la parte che mi piace. 


  • 1

#1956 ziowalter1973

ziowalter1973

    confratello

  • Utente
  • 1169 messaggi
    • Time Online: 20d 19h 52m 23s

Inviato 08 feb 2017 - 13:54

Io non seguo il festival da 20 anni almeno.. Ho dato uno sguardo su twitter ieri e tutti erano in crisi perchè i cosidetti big erano degli emeriti sconosciuti.. :D


  • 0

#1957 ziowalter1973

ziowalter1973

    confratello

  • Utente
  • 1169 messaggi
    • Time Online: 20d 19h 52m 23s

Inviato 12 feb 2017 - 22:48

 

Le tambours du bronx.. Suoni industriali e metropolitani. Non li ascoltavo da parecchio e noto che hanno aggiunto anche i suoni elettronici ai barili usati come tamburi.


  • 0

#1958 Clitennestra

Clitennestra

    confratello

  • Utente
  • 635 messaggi
    • Time Online: 23d 16h 51m 46s

Inviato 14 feb 2017 - 12:22

Io Sanremo non l’ho quasi mai seguito e di canzoni me ne intendo pochissimo e non ne sono portata. Però mi piacciono quelle melodiche, e sono pure un po’ retrò.

Perciò oggi che è san Valentino penso alla canzone che ancor oggi è la più amata dai francesi e forse anche dagl’italiani, mi riferisco all’Inno all’amore della mitica Edith Piaf, definita un passerotto, ma in realtà era un’aquila con una voce che arrivava diritta in paradiso.

 


  • 0

#1959 AemonTargaryen

AemonTargaryen

    confratello

  • Utente
  • 135 messaggi
    • Time Online: 18d 15h 21m 12s

Inviato 20 feb 2017 - 16:36

Non c'è dubbio che i Nirvana siano stati, musicalmente, una delle band più celebri, innovative ed influenti dei primi anni novanta e, a più ampio respiro, fra le più rilevanti della storia del rock.

 

E non c'è dubbio che, dopo aver letto le prime due righe, il 50% di coloro che leggerà questo post sarà già passato al topic dedicato alla cura dei gatti o a quello sull'uscita di TWOW.

Comunque, se è vero che i Nirvana (come ogni altro artista) possano piacere o meno, è altrettanto vero che, musicalmente, risultano spesso un tema divisivo.

 

Sono d'accordo con chi afferma che essi, tecnicamente, non siano stati degli innovatori. E non penso che il punto meriti approfondimenti particolari.

 

Per converso, ritengo che artisticamente siano stati rivoluzionari. I Nirvana non sono stati la tipica rock band dai testi leggeri e spassosi la cui narrazione, spesso, non va oltre le tradizionali tematiche sesso, droga e rock 'n' roll.

 

Credo che la forza – artisticamente – rivoluzionaria dei Nirvana sia stata il loro essere spudoratamente realisti.

Hanno comunicato alla gente qualcosa che la stessa, in senso lato, aveva trasmesso loro. Ma soprattutto credo che, la peculiarità di questo gruppo, sia stata l'aver rappresentato il proprio tempo comunicando un disagio che le persone vivevano (rectius: vivono) in maniera assolutamente incosciente.

 

Mi sono spesso chiesto cosa ne sarebbe stato, dei Nirvana, se fossero stati ancora in attività. La loro parabola è stata breve.

 

Sono arrivato alla conclusione che, forse, il gruppo di Aberdeen avesse già detto, dal punto di vista artistico, tutto ciò che aveva da dire.

In questo senso, se sette anni di attività son considerati pochi, essi hanno comunque dato un senso alla loro esistenza artistica. Più di molti altri.

 

Oggi sono cinquant'anni dalla nascita di Kurt Cobain.

 

La mia canzone del giorno, fra versi ambigui, accuse di plagio, il vinile di Unplugged in New York ed una chitarra acustica, è Come as You Are.

 


  • 1