Jump to content

AryaSnow

Guardiani della Notte
  • Content Count

    17,663
  • Joined

  • Last visited

Everything posted by AryaSnow

  1. Mah questo non saprei, visto che quasi sicuramente Loras sarebbe morto stecchito
  2. Voto Eddard anche se mi piace più di alcuni altri ancora in gioco, perché mi ha convinto questo motivo
  3. Scusate, mi sono accorta solo adesso che è già in lavorazione un'altra voce sui corvi bianchi. Se volete farla come voce separata, direi di limitarci a dire poche informazioni sintetiche nel sottoparagrafo e poi rimandare al link.
  4. Nello schedone ci sono anche alcune circostanze particolari delle loro applicazione: annunciare l'autunno nel 299, diffondere le notizie dell'illegittimità di Joffrey, essere portati nella spedizione oltre la Barriera. Però forse nessuno di questi casi è adatto a essere messo nella voce, perché alla fine sono esempi di usi abbastanza normali dei corvi. Però ditemi voi. Ho anche notato che nella voce di Chayle c'è un link ai corvi bianchi come voce autonomea mentre nella maggioranza delle altre voci sono trattati come sottoparagrafo. Io mi sono attenuta a quest'ultimo approccio anche perché lo preferisco, ma ditemi voi. Comunque modificherei il link delle voci "incoerenti".
  5. Hmm... concordo abbastanza con Koorlick e Maya
  6. Scusa perché valutare se aggiungere ACOK58? Mi sono un po' persa su questo Premetto che la mia memoria delle serie tv non è più limpida come un tempo. in ACOK34 i GdN sono sul Pugno dei Primi Uomini, e Jon trova il corno con le armi di ossidiana; nella serie (scena 12) il protagonista è Samwell---->sì, perché l'evento è quello. in ACOK38 Arya apprende che Tywin sta per lasciare Harrenhal; anche nella serie (scena 7) lo apprende, ma nel corso di un concilio di guerra cui assiste come sua coppiera----> qui c'è un grande problema, ne parlo in fondo. in ASOS02 a Delta delle Acque viene scoperta la fuga di Jaime; anche nella serie (scena 4) viene scoperta, ma non siamo a Delta delle Acque ma nell’accampamento di Robb, che è il protagonista della scena------>hmm sì, il concetto sempre quello è. in ASOS14 a Delta delle Acque si tiene un concilio tra i lord in cui Catelyn viene messa di fronte le sue responsabilità per la cosa, da parte di Robb e con la rabbia di lord Karstarsk; nella serie (scena 5) non è un consiglio e non siamo a Delta delle Acque----->il significato della scena resta simile e restano quelle le motivazioni dei principali protagonisti della scene, quindi sì In ACOK58 c’è la Battaglia delle Acque Nere, con immediati antefatti, dal pov di Davos; nella serie (scena 18) si vedono Stannis e Davos che stanno arrivando ad Approdo del Re per la Battaglia delle Acque Nere---->direi di no, visto che in ACOK58 Stannis manco c'è. Anche gli argomenti della conversazione non c'entrano molto con i contenuti di ACOK58 Per ACOK38, la difficoltà deriva dal fatto che i ruoli di Tywin e Roose Bolton sono stati fusi insieme. Per gran parte del tempo Tywin equivale al Roose Bolton dei libri. Il problema è che quella scena potrebbe corrispondere sia ad ACOK38 (quando Arya scopre che Tywin se ne va) che ad ACOK64 (quando Arya scopre che Roose se ne va). Come significato in sé della scena, forse è più vicino ACOK64, perché è la conclusione della storyline di Arya e la notizia che la spinge alla fuga. C'è pure la prospettiva da parte di entrambi di lasciare Arya con gente poco raccomandabile (Vargo nei libri, Gregor nella serie). Il problema però è che nella serie quello lì non è Roose ma è Tywin e in questo siamo più vicini ad ACOK38. Ci sono somiglianze con entrambi i capitoli ma anche differenze molto marcate. Da un lato le differenze con entrambe sono troppo grosse, dall'altro mi fa strano non metterne nessun capitolo, dato che nella storyline di Arya c'è comunque quel genere di evento lì (il lord lascia il castello) che la fa scappare. Quindi boh, sono molto dubbiosa.
  7. AryaSnow

    Gilly

    Per me va bene, correggo solo un refuso: Vivendo oltre la [[Barriera, ha una certa conoscenza di Ha familiarità con gli [[Estranei]] e i [[Non-morti|non-morti]], di cui conosce i occhi blu. Mi sa che sarebbe "gli occhi blu".
  8. Per me tutte le modifiche sono ok. Volevo correggere una svista di Beric, ma ha già fetto Erin, quindi per me potete procedere
  9. AryaSnow

    Meryn Trant

    Direi che per me ok a tutte le modifiche
  10. AryaSnow

    Meryn Trant

    {{Personaggio | Nome = Meryn | Cognome = Trant | POV = | Organizzazioni = [[Guardia Reale]] | Titoli = Ser | Casata = [[Nobile Casa Trant]] | Apparizioni = [[A Game of Thrones]] – [[A Clash of Kings]] | Attore = [[Ian Beattie]] | Doppiatore = Alessandro Ballico | Stagioni = [[Prima stagione]] – [[Seconda stagione]] | StemmaF = St_Trant | StemmaP = St_Guardia_Reale }} [[Meryn Trant]] è un confratello della [[Guardia Reale]] sotto il regno di [[Robert Baratheon]] e del suo successore [[Joffrey Baratheon|Joffrey]].<ref name="AGOTAA">[[AGOT - Appendici#Appendice A|AGOT - Appendice A]]</ref> __TOC__ == Descrizione fisica == Ha una bocca carnosa e dei lineamenti cascanti<ref name="AGOT08">[[AGOT08]]</ref>, con borse sotto gli occhi<ref name="AGOT67">[[AGOT67]]</ref> Ha i capelli rossicci e striati di grigio<ref name="AGOT67" />, e porta barba<ref name="AGOT08" /> e baffi color ruggine<ref name="AGOT50">[[AGOT50]]</ref>. Indossa l'armatura bianca della [[Guardia Reale]] con sopra una casacca a scaglie smaltate e istoriate d'oro, un elmo con cresta a raggi di sole, guanti di seta bianca e stivali d'acciaio lucidato. Ha anche un mantello di lana pesante con un fermaglio d'oro a forma di leone.<ref name="AGOT57">[[AGOT57]]</ref> == Descrizione psicologica == Pur essendo un membro della [[Guardia Reale]], la sua fedeltà va prima di tutto alla regina [[Cersei Lannister]].<ref name="AGOT30">[[AGOT30]]</ref> Esegue con prontezza e indifferenza gli ordini che gli vengono assegnati, anche quando si tratta di azioni ingiuste o crudeli. <ref name="AGOT67" />È freddo<ref name="ACOK02">[[ACOK02]]</ref> e disinteressato a quello che gli altri pensano di lui.<ref name="AGOT67" /> == Resoconto biografico == Nel [[298]] scorta [[Robert Baratheon]] nella sua visita a [[Grande Inverno]].<ref name="AGOT08" /> Sulla strada di ritorno, insieme a [[Boros Blount]] e una dozzina di altri armigeri, accompagna il re quando questi va a svegliare [[Eddard Stark]] prima dell'alba per una cavalcata nelle [[Terre dei Tumuli]], durante la quale i due cavalieri della [[Guardia Reale]] vengono seminati insieme al resto della scorta.<ref name="AGOT12">[[AGOT12]]</ref> Tornato ad [[Approdo del Re]], partecipa al [[Torneo di Approdo del Re (Torneo del Primo Cavaliere del 298)|Torneo del Primo Cavaliere]], disarcionando [[Harwin]] al primo scontro<ref name="AGOT29">[[AGOT29]]</ref> ma venendo poi a sua volta sconfitto da [[Loras Tyrell]]<ref name="AGOT30">[[AGOT30]]</ref>. Scorta [[Robert Baratheon|Robert]] e [[Cersei Lannister|Cersei]] a far visita a [[Eddard Stark|Eddard]] dopo che questi viene aggredito da [[Jaime Lannister]]. In quell'occasione, dopo aver colpito la moglie in seguito a un litigio, il re ordina a Ser Meryn si riaccompagnarla nelle sue stanze.<ref name="AGOT39">[[AGOT39]]</ref> Dopo la morte di [[Robert Baratheon|Robert]], si trova nella [[Fortezza Rossa#La Sala del Trono|Sala del Trono]] quando [[Joffrey Baratheon|Joffrey]] convoca il [[Concilio Ristretto]], assistendo quindi all'arresto di [[Eddard Stark|Eddard]] e al massacro dei suoi uomini<ref name="AGOT49">[[AGOT49]]</ref>. Subito dopo, su ordine della regina, va a cercare [[Arya Stark]] con l'aiuto di cinque guardie [[Nobile Casa Lannister|Lannister]], trovandola ad allenarsi insieme a [[Syrio Forel]]. Chiede alla ragazza di venire con lui dicendole che suo padre lo ha mandato a chiamarla, ma [[Syrio Forel|Syrio]] capisce che Ser Meryn sta mentendo e la dissuade dal seguirlo. Dopo altre manifestazioni di ribellione da parte di [[Arya Stark|Arya]], il cavaliere ordina alle guardie di prenderla con la forza, ma lo spadaccino braavosiano si interpone e Ser Meryn ordina ai suoi uomini di ucciderlo. Rimane tuttavia sorpreso dalle abilità di [[Syrio Forel|Syrio]], che sconfigge tutte e cinque le guardie usando solo un bastone da allenamento, e solo allora avanza lui stesso ad affrontarlo. Avvantaggiato dalla protezione offertagli dell'armatura, dopo quattro colpi riesce a spezzare il bastone dell'avversario.<ref name="AGOT50" /> È presente nella [[Fortezza Rossa#La Sala del Trono|Sala del Trono]] durante la prima corte di giustizia del regno di [[Joffrey Baratheon]], ai piedi del [[Trono di Spade]]. Quando [[Barristan Selmy|Ser Barristan]], dopo l'annuncio della sua deposizione, sfodera la sua spada, Ser Meryn e [[Boros Blount|Ser Boros]] avanzano allarmati verso di lui, ma l'ex confratello assicura di non avere intenzioni ostili pur sostenendo di poterli fare a pezzi tutti e due e lascia la sala.<ref name="AGOT57" /> Dopo la morte di [[Eddard Stark]] accompagna, insieme ad [[Arys Oakheart]], [[Joffrey Baratheon|Joffrey]] a visitare [[Sansa Stark|Sansa]]. Quando, dopo i tentativi di ribellione della giovane, il re gli ordina di colpirla al posto suo, Meryn esegue l'ordine sferrandole un rovescio dietro l'orecchio e facendola cadere in ginocchio. Poco dopo fa ritorno alla camera di [[Sansa Stark|Sansa]], questa volta da solo, per portarla a corte. Ha una breve conversazione con la ragazza, in cui ribadisce le sue intenzioni ad eseguire qualunque ordine di [[Re dei Sette Regni|Re]] [[Joffrey Baratheon|Joffrey]], incluso l'uso della violenza nei suoi confronti, e reagisce con indifferenza quando [[Sansa Stark|Sansa]] lo accusa di non essere un vero cavaliere.<ref name="AGOT67" /> Quello stesso giorno, dopo un'altra corte di giustizia, affianca [[Joffrey Baratheon|Joffrey]] insieme a [[Sandor Clegane]] quando questi incontra [[Sansa Stark|Sansa]] nella [[Fortezza Rossa#La Sala del Trono|Sala del Trono]] e poi la conduce in cima al torrione per mostrarle la picca con la testa di suo padre. Giunti lassù, dopo nuove parole ostili da parte della fanciulla, Meryn obbedisce di nuovo all'ordine del re colpendola due volte fino a farle sanguinare il labbro.<ref name="AGOT67" /> Il giorno del tredicesimo compleanno di [[Re dei Sette Regni]] [[Joffrey Baratheon|Joffrey]], partecipa al [[torneo|Torneo di Approdo del Re (Torneo per il tredicesimo compleanno del Principe Joffrey)]] indetto per celebrare l’evento ed è il primo a scendere in campo contro [[Hobber Redwyne]], disarcionandolo alla seconda carica. <ref name="ACOK02" /> Nei giorni successivi, quando [[Sansa Stark|Sansa]] manifesta la sua soddisfazione nello scoprire che [[Janos Slynt]] è stato mandato alla [[Barriera]], Ser Meryn esegue nuovamente l’ordine di [[Joffrey Baratheon|Joffrey]] di punirla, picchiandola sullo stomaco con una mano guantata di maglia di ferro.<ref name="ACOK18">[[ACOK18]]</ref> Dopo la vittoria nella [[Battaglia di Oxcross]] da parte di [[Robb Stark]], [[Joffrey Baratheon|Joffrey]] sfoga la propria ira su [[Sansa Stark|Sansa]], facendola di nuovo percuotere dalla [[Guardia Reale]] dopo averla convocata al cospetto della corte. Quando il giullare [[Dontos Hollard]] cerca di proteggere la ragazza, Ser Meryn lo allontana bruscamente scaraventandolo via. Quando sopraggiunge [[Tyrion Lannister (il Folletto)|Tyrion]], interrompendo la punizione, Ser Meryn estrae la spada per minacciare pure lui, ma viene fatto desistere dalle parole di [[Bronn]]. <ref name="ACOK32">[[ACOK32]]</ref> Durante la [[Sommossa del Pane]] Ser Meryn, ritrovandosi vicino alle regina [[Cersei Lannister|Cersei]], a [[Lancel Lannister]] e al principe [[Tommen Baratheon]], si dedica a proteggere soprattutto questi ultimi e riesce a rifugiarsi con loro nella [[Fortezza Rossa]]. Quando più tardi [[Tyrion Lannister (il Folletto)|Tyrion]] ordina a lui e ad altri confratelli della [[Guardia Reale]] di tornare in strada per imporre il coprifuoco, cerca di sottrarsi al rischioso compito obiettando che il suo posto è al fianco del sovrano, ma questo fa infuriare [[Cersei Lannister|Cersei]], che lo rimprovera per la disobbedienza.<ref name="ACOK41">[[ACOK41]]</ref> Durante la [[Battaglia delle Acque Nere]] e Ser Meryn e a [[Osmund Kettleblack|Ser Osmund Kettleblack]] viene affidato il compito di proteggere [[Re dei Sette Regni]] [[Joffrey Baratheon|Joffrey]] restando sempre al suo fianco. <ref name="ACOK54">[[ACOK54]]</ref> Dopo la vittoria nella [[Battaglia delle Acque Nere]], nel corso della cerimonia nella [[Fortezza Rossa#Sala del Trono|Sala dal Trono]] in cui vengono premiati gli alleati e giudicati i prigionieri di guerra, Ser Meryn insieme agli altri confratelli della [[Guardia Reale]] si dedica a investire più di seicento nuovi cavalieri. Quando uno degli sconfitti si ribella e inizia a inveire contro [[Re dei Sette Regni]] [[Joffrey Baratheon|Joffrey]], su ordine di [[Tywin Lannister]] Ser Meryn provvede a giustiziarlo sul posto. <ref name="ACOK65">[[ACOK65]]</ref> == Note == <references /> {{Portale | Argomento1 = Personaggi}} <noinclude>[[Categoria:Guardia Reale]] [[Categoria:Guerra dei Cinque Re]] [[Categoria:MP]] [[Categoria:Nobile Casa Trant]] [[Categoria:Personaggi]] [[Categoria:Ser]] [[Categoria:Terre della Corona]] [[Categoria:Terre della Tempesta]] [[Categoria:Torneo di Approdo del Re (Torneo del Primo Cavaliere del 298)]] (si mette una categoria a parte anche per il torneo del compleanno?)</noinclude>
  11. AryaSnow

    Gilly

    Io ricordo che era Giglio solo in ACOK, mentre nei libri successivi è sempre Gilly. Ah non lo so. Jon dalla conversazione e dal fatto che conosce i loro occhi desume che li abbia visti. ok il resto.
  12. AryaSnow

    Nella

    Per la domanda in blu, non so proprio. C'è solo una frase su di lei in tutto il libro, ed è quella con le informazioni che ho scritto Per la seconda questione, ok.
  13. Per me va bene, ma terrei anche il fatto che si disinteressa delle faccende governative, che non significa per forza solo benessere del popolo. Ad esempio a Tywin penso che del popolo freghi poco, ma la politica in generale è qualcosa in cui si impegna molto. Invece a Joffrey proprio non frega niente, vuole solo usare il potere per soddisfare i propri capricci sadici.
  14. Il testo per me va bene. Mi piace la descrizione wikipediana della scena di sesso tra Dany e Drogo
  15. AryaSnow

    Nella

    {{Personaggio | Nome = Nella }} [[Nella]] è una donna del [[Popolo Libero]], moglie di [[Craster]].<ref name="ACOK23">[[ACOK23]]</ref> __TOC__ == Resoconto biografico == Vive nella [[Fortezza di Craster]] come moglie di [[Craster]] e genera con lui sei figli.<ref name="ACOK23" /> Quando [[Gilly]] rimane incinta a sua volta incinta di [[Craster]], Nella le predice che il nascituro sarà maschio, e viene ritenuta dalla ragazza una fonte di informazione affidabile per via della sua lunga esperienza nel generare figli.<ref name="ACOK23" /> AWOIAF aggiunge anche che i figli di Nella sono stati tutti maschi e che sono stati tutti sacrificati, ma nel testo non mi sembra così esplicita questa cosa: “For the baby, not for me. If it’s a girl, that’s not so bad, she’ll grow a few years and he’ll marry her. But Nella says it’s to be a boy, and she’s had six and knows these things. He gives the boys to the gods. Come the white cold, he does, and of late it comes more often. That’s why he started giving them sheep, even though he has a taste for mutton. Only now the sheep’s gone too. Next it will be dogs, till... She lowered her eyes and stroked her belly. == Note == <references /> {{Portale | Argomento1 = Personaggi}} <noinclude>[[Categoria:NP]] [[Categoria:Personaggi]] [[Categoria:Popolo Libero]]</noinclude>
  16. A questo punto prenoto anche Nella, visto che e breve ed è strettamente legata a Gilly.
  17. AryaSnow

    Gilly

    {{Personaggio | Nome = Gilly | Nascita = [[283]] - [[284]] (ha qui 15-16 anni) | Apparizioni = [[A Clash of Kings]] | Attore = [[Hannah Murray]] | Doppiatore =Valentina Favazza | Stagioni = [[Seconda Stagione]] }} [[Gilly]] è una donna del [[Popolo Libero]], figlia e moglie di [[Craster]].<ref name="ACOK23">[[ACOK23]]</ref> __TOC__ == Descrizione fisica == Ha il volto scarno e i capelli scuri.<ref name="ACOK23" /> Indossa pelli cucite insieme.<ref name="ACOK23" /> (ho omesso il dettaglio dei piedi pieni di fango perché non so se sia così sempre o si auna cosa del momento dovuta al tempo atmosferico/ad una qualche mansione che sta svolgendo) Nel [[299]] ha in ventre gonfio per una gravidenza.<ref name="ACOK23" /> == Descrizione psicologica == E' terribilmente spaventata da [[Craster]] e dalla possibilità che questi possa sacrificare il figlio che porta in grembo agli [[Estranei]].<ref name="ACOK23" /> Sembra avere famigliarità con gli [[Estranei]] e i [[Non-morti|non-morti]], in quanto conosce i loro caratteristici occhi blu.<ref name="ACOK23" /> == Resoconto biografico == Nasce nella [[Fortezza di Craster]]. Come tutte le altre figlie di [[Craster]], ne diventa anche la moglie.<ref name="ACOK23" /> Quando rimane incinta del padre, [[Nella]] le predice che il nascituro sarà maschio. Da allora Gilly vive nel terrore che il figlio verrà sacrificato da [[Craster]] agli [[Estranei]]. Si spaventa ancora di più quando vede il marito sbarazzarsi delle pecore, convinta che siano state usate come sacrificio e che dopo i cani sarà il turno del neonato<ref name="ACOK23" /> Alcuni mesi dopo, alla [[Fortezza di Craster|fortezza]] si presenta un gruppo di duecento [[Guardiani della Notte]] provenienti dal [[Castello Nero]], guidati dal [[Lord Comandante dei Guardiani della Notte|Lord Comandante]] [[Jeor]] Mormont|Mormont]]. [[Craster]] concede loro la propria ospitalità, ma li ammonisce di non avere contatti con le sue mogli. In quell'occasione, mentre [[Gilly]] si occupa dell'allevamento dei conigli improvvisato per far fronte alla mancanza di pecore, viene spaventata da [[Spettro]], il [[Metalupi|metalupo]] del [[Guardiani della Notte|Guardiano della Notte]] [[Jon Snow]], che azzanna due conigli tenuti in gabbia. Il giovane confratello accorre al suo grido allarmato, tranquillizzandola e promettendole che sarebbero stati ripagati per la perdita degli animali. Quando Gilly gli si rivolge chiamandolo "lord" e [[Jon Snow|Jon]] le dice di non esserlo, sopraggiungono anche [[Lark]] e [[Chett]], che con derisione ipotizzano che il [[Metalupo|metalupo]] possa essere interessato a cibarsi del figlio che la ragazza porta in grembo. [[Jon Snow|Jon]] cerca di zittirli, ma nel frattempo Gilly si ricorda del divieto di parlare con i [[Guardiani della Notte]] e si allontana.<ref name="ACOK23" /> Tuttavia la mattina seguente Gilly approfitta del fatto gli [[Craster]] è addormentato per il troppo vino e parla con un altro [[Guardiani della Notte|Guardiano della Notte]], [[Samwell Tarly|Sam]], confidandogli le proprie paure sul futuro del nascituro. Il giovane allora le consiglia di rivolgersi di nuovo a [[Jon Snow|Jon]], prestandole temporaneamente il proprio mantello, in modo che possa muoversi tra i confratelli in nero senza essere subito riconosciuta. Quando giunge da lui, la ragazza gli chiede conferma della sua parentela con il [[Re del Nord]], in quanto ha sentito che un [[Re dei Sette Regni|re]] ha compito di proteggere i più deboli e fare giustizia. Lo implora quindi di portarla via dalla [[Fortezza di Craster]], facendogli anche notare che, non avendo né dormito all'interno dell'edificio né condiviso la cena con il proprietario, Jon non ha obblighi legati all'ospitalità nei confronti del [[Popolo Libero|bruto]]. Precisa inoltre di voler fuggire in quanto preoccupata per il destino del figlio e poi, interrogata dal confratello sull'aspetto degli [[Estranei]], descrive i loro inconfondibili occhi blu. Nonostante le sue suppliche, Jon le fa presente che in questo momento il gruppo di [[Guardiani della Notte]] si sta inoltrando ancora più in profondità nelle [[Terre Oltre la Barriera]], in luoghi ancora più pericolosi, e che anche al ritorno dalla spedizione non è detto che passino di nuovo presso la [[Fortezza di Craster|fortezza]]. Scoraggiata da quel rifiuto, Gilly corre via.<ref name="ACOK23" /> Poco dopo, quando la confraternita sta per ripartire, restituisce a [[Samwell Tarly|Sam]] il mantello. Mentre lo aiuta a rimetterselo sulle spalle, vede di nuovo [[Jon Snow|Jon]] e si allontana.<ref name="ACOK23" /> == Note == <references /> {{Portale | Argomento1 = Personaggi}} <noinclude>[[Categoria:GP]] [[Categoria:Personaggi]] [[Categoria:Popolo Libero]]</noinclude>
  18. {{Personaggio | Nome = Joffrey | Cognome = Baratheon |Soprannomi = Joff | Casata = [[Nobile Casa Baratheon]] | Titoli = Principe<br />[[Re dei Sette Regni]] | Nascita = [[286]] | Apparizioni = [[A Game of Thrones]] – [[A Clash of Kings]] | Attore = [[Jack Gleeson]] | Doppiatore = Manuel Meli | Stagioni = [[Prima stagione]] – [[Seconda stagione]] | StemmaP = St_Joffrey_Baratheon | StemmaF = St_Baratheon }} [[Joffrey Baratheon]] è ufficialmente il primogenito di [[Re dei Sette Regni|Re]] [[Robert Baratheon]] e sua moglie [[Cersei Lannister]]<ref name="AGOTAA">[[AGOT - Appendici#Appendice A|AGOT - Appendice A]]</ref>, generato in realtà dall'incesto della regina con il fratello [[Jaime Lannister|Jaime]]<ref name="AGOT45">[[AGOT45]]</ref>. Alla morte del padre diventa a sua volta [[Re dei Sette Regni]].<ref name="AGOT49">[[AGOT49]]</ref> __TOC__ == Descrizione fisica == È alto di statura<ref name="AGOT04">[[AGOT04]]</ref> e fisicamente attraente<ref name="AGOT07">[[AGOT07]]</ref>. Ha capelli i ricci e biondi, che talvolta porta raccolti in una coda, gli occhi verdi e le labbra carnose.<ref name="AGOT05">[[AGOT05]]</ref> Porta lo stemma diviso a metà, con il cervo incoronato della casa reale da un lato e il leone dei [[Nobile Casa Lannister|Lannister]] dall'altro, dando alla casata di sua madre lo stesso onore che a quella del padre.<ref name="AGOT07" /> È solito vestirsi in modo sfarzoso ed elegante.<ref name="AGOT29">[[AGOT29]]</ref> Quando sale al trono inizia a indossare una corona d'oro tempestata di rubini.<ref name="AGOT57">[[AGOT57]]</ref> Possiede una spada che ha chiamato [[Dente di Leone]], che però finisce gettata nel [[Tridente]] da [[Arya Stark]].<ref name="AGOT15">[[AGOT15]]</ref> In seguito gli viene forgiata una nuova spada, [[Divoratrice di Cuori]]<ref name="ACOK57">[[ACOK57]]</ref> == Descrizione psicologica == È molto orgoglioso del proprio titolo di principe<ref name="AGOT07" /> e ama ribadire la superiorità della propria posizione sociale. Si rivolge spesso agli altri in modo sprezzante e si diverte a trattare con prepotenza i più deboli.<ref name="AGOT15" /> Convinto di essere ormai un uomo adulto, pretende di essere trattato come tale.<ref name="AGOT07" /> Non tollera essere contraddetto, specialmente se in pubblico, <ref name="ACOK02">[[ACOK02]]</ref> e tende a portare molto rancore per le umiliazioni subite. <ref name="ACOK52">[[ACOK52]]</ref> (ho spostato un paragrafo qui per maggiore continuità con la parte sopra) Prima di diventare re cerca spesso la protezione di sua madre<ref name="AGOT09" />, ma dopo l'incoronazione inizia ad acquisire più autonomia, prendendo decisioni drastiche contrarie ai desideri di [[Cersei Lannister|Cersei]] e diventando difficile da tenere sotto controllo.<ref name="AGOT65">[[AGOT65]]</ref> E’ consapevole che sua madre non gli farebbe mai del male e approfitta della cosa. Interpreta il suo essere sovrano come possibilità di agire arbitrariamente secondo i propri desideri e non presta grande attenzione nemmeno ai suggerimenti dei suoi consiglieri. <ref name="ACOK03">[[ACOK03]]</ref> Non è dotato di particolare acume e non è in grado di rispondere a tono a battute ironiche e sottili allusioni. <ref name="ACOK02" /> È insensibile verso le disgrazie altrui<ref name="AGOT09">[[AGOT09]]</ref> e spietato con quelli che considera suoi nemici<ref name="AGOT47">[[AGOT47]]</ref>. Ha una forte propensione per il sadismo, che emerge più chiaramente quando diventa re e inizia a esercitare la propria crudeltà in modo spesso gratuito, disinteressandosi invece alle faccende governative.<ref name="AGOT67">[[AGOT67]]</ref> Malgrado ciò, per brevi periodi riesce a fingere atteggiamenti galanti e cavallereschi.<ref name="AGOT15" /> Non ha il coraggio di ammettere le proprie colpe e preferisce mentire per nasconderle.<ref name="AGOT16">[[AGOT16]]</ref> Quando è annoiato o irritato, la sua tendenza alla crudeltà diventa più evidente. <ref name="ACOK02" /> E’ completamente indifferente al benessere del suo popolo e alle sue richieste durante il periodo di carestia. <ref name="ACOK17">[[ACOK17]]</ref> E’ molto impulsivo. Per un certo tempo, nelle occasioni ufficiali riesce a mantenere un’aria solenne e disciplinata, ma ogni minimo incidente è in grado di farlo crollare, mostrando in pubblico la sua scarsa capacità di autocontrollo.<ref name="ACOK65">[[ACOK65]]</ref> E’ attratto dall’attività militare e dopo lo scoppio della [[Guerra dei Cinque Re]] desidera uccidere in duello i propri nemici [[Robb Stark]] <ref name="ACOK02" /> e [[Stannis Baratheon]], pur non essendo ancora in grado di affrontare personalmente un combattimento.<ref name="ACOK57" />. Gli piace anche vedere la gente duellare fino alla morte.<ref name="ACOK02" /> Ritiene che le donne siano tutte deboli.<ref name="AGOT67" /> Prima di diventare re cerca spesso la protezione di sua madre<ref name="AGOT09" />, ma dopo l'incoronazione inizia ad acquisire più autonomia, prendendo decisioni drastiche contrarie ai desideri di [[Cersei Lannister|Cersei]] e diventando difficile da tenere sotto controllo.<ref name="AGOT65">[[AGOT65]]</ref> Mostra poco affetto anche verso suo fratello [[Tommen Baratheon|Tommen]], trattandolo con derisione e disinteressandosi della sua salute. <ref name="ACOK02" /> Da piccolo piange quando il padre [[Robert Baratheon|Robert]] lo prende in braccio <ref name="ACOK52" /> e non si mostra particolarmente addolorato per la sua morte.<ref name="ACOK02" /> Ama andare a caccia e uccidere.<ref name="AGOT44">[[AGOT44]]</ref> Sa cantare con voce alta e suadente.<ref name="AGOT15" /> == Resoconto biografico == === Erede al Trono di Spade === Nasce nel [[286]] da un incesto tra [[Cersei Lannister|Cersei]] e [[Jaime Lannister]], che però resta nascosto. Viene quindi considerato ufficialmente un principe, figlio legittimo di [[Re dei Sette Regni|Re]] [[Robert Baratheon]].<ref name="AGOT45" /> Il parto con cui viene alla luce è molto travagliato.<ref name="ACOK52" /> Un giorno, quando il fratello [[Tommen Baratheon|Tommen]] adotta un cerbiatto, Joffrey scuoia l’animale per farsi un gilet.<ref name="ACOK49">[[ACOK49]]</ref> Nel [[298]] viene organizzato un [[Torneo di Approdo del Re (Torneo per il dodicesimo compleanno del Principe Joffrey)|torneo]] in occasione del suo dodicesimo compleanno. Dopo l'evento Joffrey si mette in viaggio con la famiglia della madre alla volta di [[Castel Granito]], ma ben presto vengono raggiunti da una missiva di [[Pycelle]] che comunica la morte del [[Primo Cavaliere]] [[Jon Arryn]].<ref name="AGOT25">[[AGOT25]]</ref> Quando [[Re dei Sette Regni|Re]] [[Robert Baratheon|Robert Baratheon]] decide di recarsi a [[Grande Inverno]] per proporre a [[Eddard Stark]] il posto di [[Primo Cavaliere]], Joffrey lascia [[Approdo del Re]] e si dirige verso il [[Nord]] insieme alla sua famiglia e alla corte reale.<ref name="AGOT02">[[AGOT02]]</ref> Una volta giunto al castello della [[Nobile Casa Stark|Casa Stark]], in occasione del banchetto di benvenuto organizzato in onore del re sfila insieme a [[Sansa Stark]] guardando la [[Grande Inverno#La Sala Grande|sala]] in modo annoiato e disdegnoso. Cena seduto ai piedi della piattaforma rialzata insieme ai suoi fratelli e ai figli legittimi di [[Eddard Stark|Lord Eddard]]<ref name="AGOT05" /> e si complimenta con Sansa per la sua bellezza<ref name="AGOT07" />. Pochi giorni dopo [[Eddard Stark|Eddard]] e [[Catelyn Tully|Catelyn Stark]] decidono di accettare la proposta di [[Robert Baratheon|Robert]] di fidanzare [[Sansa Stark|Sansa]] con Joffrey.<ref name="AGOT06">[[AGOT06]]</ref> Partecipa agli allenamenti nel cortile di [[Grande Inverno]] e si scontra con [[Robb Stark]], ma dopo una pausa evita di rimettersi in gioco in altri allenamenti pretendendo di poter usare armi d'acciaio. Al rifiuto del maestro d'armi [[Rodrik Cassel]], che ritiene delle vere spade troppo pericolose per dei ragazzi così giovani, sbeffeggia [[Robb Stark|Robb]] accusandolo di essere un bambino e lascia il cortile.<ref name="AGOT07" /> Il giorno precedente al previsto ritorno per [[Approdo del Re]] partecipa, assieme al padre ed altri uomini, ad una battuta di caccia.<ref name="AGOT08">[[AGOT08]]</ref> Il rientro nella capitale viene però posticipato a causa della caduta di [[Brandon Stark (Bran)|Bran]] dai tetti della [[Grande Inverno#La Prima Fortezza|Prima Fortezza]]: il bambino entra in coma e viene vegliato giorno e notte dai genitori. Durante il coma di [[Brandon Stark (Bran)|Bran]] fatica a dormire per gli ululati di [[Estate]] davanti alla finestra del bambino; una mattina inizia a lamentarsi dell'animale con [[Sandor Clegane]] e approva la sua idea di ucciderlo. Quando [[Tyrion Lannister (Folletto)|Tyrion]] lo rimprovera per non aver ancora porto i propri rispetti ai genitori di [[Brandon Stark (Bran)|Bran]] per la tragedia capitata al loro figlio si rifiuta esprimendo il proprio disinteresse per le condizioni del piccolo [[Nobile Casa Stark|Stark]]. In risposta, lo zio lo schiaffeggia ripetutamente, e Joffrey si trova costretto a sottomettersi al suo volere, minacciando però di raccontare tutto alla madre.<ref name="AGOT09" /> Alcuni giorni dopo riparte verso sud insieme alla carovana reale, di cui questa volta fanno parte anche [[Eddard Stark]] e le sue due figlie.<ref name="AGOT14">[[AGOT14]]</ref> Un giorno il gruppo si ferma in una locanda vicino al [[Tridente]]. In quell'occasione, sollecitato da sua madre, Joffrey difende la propria promessa sposa [[Sansa Stark|Sansa]], spaventata dalla vista di [[Ilyn Payne]], e poi si offre di tenerle compagnia. Le propone quindi di passare la giornata da soli, assicurandole di essere in grado di proteggerla lui stesso con la propria spada [[Dente di Leone]]. Insieme cavalcano lontani dal resto del gruppo, visitando caverne e seguendo le tracce di una [[Pantere ombra|pantera ombra]]. Si fermano a pranzare con trota appena pescata e Joffrey offre a [[Sansa Stark|Sansa]] del vino. Dopo il pranzo le canta una canzone e poi le propone di vedere il luogo dove suo padre [[Robert Baratheon|Robert]] ha ucciso [[Rhaegar Targaryen]] quindici anni prima.<ref name="AGOT15" /> Giunti in vicinanza del posto si imbattono [[Arya Stark|Arya]] e [[Mycah]], intenti a combattere con dei bastoni di legno. Vedendo la sorella di [[Sansa Stark|Sansa]] colpita alle dita da un colpo sferrato dal garzone del macellaio si avvicina a lui e lo sfida a duello estraendo [[Dente di Leone]], ignorando le richieste di [[Arya Stark|Arya]] di lasciarlo in pace. Al rifiuto di [[Mycah]] lo sbeffeggia per la sua posizione sociale e lo accusa di essersi permesso di colpire la sorella della sua promessa sposa; poi punta [[Dente di Leone]] contro il viso del ragazzo, commentando ironicamente di non volergli fare molto male, e inizia a ferirlo alla guancia. All'improvviso [[Arya Stark|Arya]] interviene in difesa dell'amico e colpisce Joffrey con il proprio bastone, ferendolo alla testa e consentendo così a [[Mycah]] di fuggire. Ne segue una lotta, in cui Joffrey contrattacca tirando fendenti con [[Dente di Leone]], urlando parole oscene alla bambina e riuscendo presto a metterla in difficoltà. Proprio in quel momento però compare [[Nymeria (Metalupo)|Nymeria]], che lo morde al braccio facendogli perdere la presa sulla spada. Dopo aver richiamato la [[Metalupi|metalupa]], [[Arya Stark|Arya]] afferra [[Dente di Leone]] e la punta contro il principe, ma alla sua preghiera di non fargli del male getta la spada nel [[Tridente]]. Quando [[Sansa Stark|Sansa]] cerca di assisterlo e si offre di chiamare aiuto, Joffrey le risponde di sbrigarsi con fare aggressivo.<ref name="AGOT15" /> Quattro giorni dopo, durante una sosta al castello di [[Darry (Castello)|Darry]], [[Arya Stark|Arya]] e Joffrey vengono invitati a raccontare l'accaduto davanti a [[Re dei Sette Regni|Re]] [[Robert Baratheon|Robert]]. Il principe narra una versione falsata degli eventi, presentando [[Arya Stark|Arya]] e [[Mycah]] come primi e unici aggressori. Viene poi deriso da [[Renly Baratheon|Renly]] per essersi lasciato disarmare da una bambina più piccola di lui. [[Robert Baratheon|Robert]] decide di chiudere la faccenda senza incolpare nessuna delle due controparti, ma acconsente alla richiesta di [[Cersei Lannister|Cersei]] di far uccidere [[Lady]], cosa che strappa un sorriso a Joffrey.<ref name="AGOT16" /> Durante il resto del viaggio si riprende in fretta dalla ferita inflittagli da [[Nymeria (Metalupo)|Nymeria]].<ref name="AGOT20">[[AGOT20]]</ref> Ad [[Approdo del Re]] assiste al [[Torneo di Approdo del Re (Torneo del Primo Cavaliere del 298)|Torneo del Primo Cavaliere]], e durante il [[Torneo di Approdo del Re (Torneo del Primo Cavaliere del 298)#Il banchetto in riva al fiume|banchetto]] che si svolge alla fine della prima giornata si siede alla destra di [[Sansa Stark|Sansa]]. La saluta con il baciamano e alle sue domande circa l'esito del [[Torneo di Approdo del Re (Torneo del Primo Cavaliere del 298)|torneo]] risponde che saranno [[Sandor Clegane|Sandor]] o [[Jaime Lannister|Jaime]] a trionfare. Per tutta la sera si comporta in modo galante, versando [[Vino dell'estate|vino dell'estate]] ghiacciato a lei e a [[Septa]] [[Mordane]] e spiegandole le battute di [[Ragazzo di Luna]]. Le mostra inoltre come rompere l'involucro di argilla delle trote e come estrarre le lumache dal guscio, facendole assaggiare il primo boccone. Dopo il litigio tra [[Cersei Lannister|Cersei]] e [[Robert Baratheon|Robert]] però si incupisce improvvisamente e ordina a [[Sandor Clegane|Sandor]] di scortare la ragazza fino ai suoi alloggi.<ref name="AGOT29" /> Alcuni mesi dopo partecipa ad una battuta di caccia nel [[Bosco del Re]] insieme a [[Re dei Sette Regni|Re]] [[Robert Baratheon|Robert]] e a svariati armigeri.<ref name="AGOT44" /> Rientra al castello prima del padre insieme a [[Sandor Clegane]] e [[Balon Swann|Ser Balon Swann]].<ref name="AGOT45" /> Dopo la morte del padre Joffrey si affretta a convocare il [[Concilio Ristretto]] nella [[Fortezza Rossa#Sala del Trono|Sala del Trono]] e ordina di preparare la sua incoronazione, pretendendo che essa avvenga entro quindici giorni e chiedendo ai consiglieri di giurargli fedeltà. Quando [[Eddard Stark]] lo accusa di essere un figlio illegittimo, si infuria e lo definisce bugiardo, ordinando alle guardie di uccidere il [[Primo Cavaliere]] e tutti i suoi uomini. Assiste al massacro di soldati compiuto dalle [[Guardia Cittadina di Approdo del Re|Cappe Dorate]] e all’arresto di [[Eddard Stark|Eddard]] .<ref name="AGOT49">[[AGOT49]]</ref> Poco tempo dopo viene celebrata l'incoronazione di Joffrey, che diventa ufficialmente [[Re dei Sette Regni]].<ref name="AGOT56">[[AGOT56]]</ref> === Re dei Sette Regni === Joffrey riceve da [[Cersei Lannister|Cersei]] e dagli altri membri del [[Concilio Ristretto]] il suggerimento di concedere la grazia a [[Eddard Stark!Lord Stark]] e di permettergli di entrare nei [[Guardiani della Notte]], in modo da evitare l’inasprirsi della guerra. Quando il giovane sovrano chiede un capro espiatorio per la morte del padre, [[Varys]] gli consiglia di far ricadere la colpa su [[Barristan Selmy]] per la suo fallimento nel proteggere il re. <ref name="ACOK03" /> Tiene la sua prima corte di giustizia nella [[Fortezza Rossa#Sala del Trono|Sala del Trono]], incaricando [[Maestri della Cittadella|Maestro]] [[Pycelle]] di annunciare punizioni e ricompense. Quando viene comunicata la deposizione di [[Barristan Selmy|Ser Barristan Selmy]] dalla [[Guardia Reale]], Joffrey accusa l'anziano cavaliere di essere troppo vecchio per proteggerlo e ride quando [[Petyr Baelish]] lo prende in giro con una battuta sarcastica. Sentendo le parole ostili pronunciate da [[Barristan Selmy|Ser Barristan]] prima di allontanarsi, si insospettisce e ordina che venga imprigionato e interrogato. Poi insieme a [[Cersei Lannister|Cersei]] offre un posto nella [[Guardia Reale]] al [[Sandor Clegane|Mastino]], il quale accetta la carica. Alla fine, quando [[Sansa Stark|Sansa]] si presenta per invocare il perdono reale per suo padre [[Eddard Stark|Eddard]], Joffrey si mostra attento e disposto ad ascoltarla. Si dichiara commosso della sue parole e promette clemenza per [[Eddard Stark|Lord Stark]] se questi ammetterà le proprie colpe.<ref name="AGOT57" /> Tempo dopo, quando [[Eddard Stark|Eddard]] viene portato al cospetto del popolo nella piazza del [[Grande Tempio di Baelor]], ascolta la confessione in cui [[Eddard Stark|Lord Stark]] lo riconosce come legittimo [[Re dei Sette Regni]] e si dichiara colpevole di tradimento. Dopo che l'[[Alto Septon]] giudica l'accusato degno del perdono dei [[Sette Dei]] Joffrey commenta che anche [[Cersei Lannister|Cersei]] e [[Sansa Stark|Sansa]] hanno chiesto clemenza, ma poi, dopo aver rivolto un sorriso alla promessa sposa, si volta verso la folla e conclude che entrambe hanno il cuore molle tipico delle donne. Dichiara quindi che, fino a quando lui sarà il re, il tradimento non resterà mai impunito e condanna [[Eddard Stark]] alla decapitazione, che viene eseguita immediatamente.<ref name="AGOT65" /> Fa collocare la testa di [[Eddard Stark|Eddard]] su una picca insieme a quelle di tutte le persone uccise che erano al servizio degli [[Nobile Casa Stark|Casa Stark]]. Predispone due picche vuote per gli zii [[Stannis Baratheon|Stannis]] e [[Renly Baratheon]], colpevoli di contestare la sua sovranità. <ref name="AGOT67" /> Ordina che la testa di [[Eddard Stark|Lord Stark]] non venga tolta fino a quando non saranno collocate accanto ad essa anche quelle degli altri nemici. <ref name="ACOK03" /> Esprime inoltre il proprio desiderio di marciare in guerra contro [[Robb Stark]] e ucciderlo, ma [[Cersei Lannister|Cersei]] insiste affinché il figlio rimanga ad [[Approdo del Re]].<ref name="AGOT67" /> Qualche giorno dopo visita [[Sansa Stark|Sansa]] nelle sue stanze e le ordina di prepararsi per raggiungerlo a corte nel pomeriggio. La ragazza è ancora sconvolta per la morte del padre e cerca di ribellarsi, ma Joffrey ordina a [[Sandor Clegane|Sandor]] di tirarla fuori al letto a forza. Alle accuse di [[Sansa Stark|Sansa]] di non aver mantenuto le sue promesse di clemenza risponde di averlo fatto concedendo a [[Eddard Stark|Eddard]] una morte rapida e poi, quando la ragazza dichiara di odiarlo, comanda a [[Meryn Trant|Ser Meryn Trant]] di colpirla. Quello stesso giorno tiene un'altra corte di giustizia nella [[Fortezza Rossa#Sala del Trono|Sala del Trono]]. Si annoia davanti a gran parte delle questioni affrontate, ma approfitta di alcune occasioni per esercitare la propria crudeltà. Al termine della seduta incontra Sansa e la invita a passeggiare con lui. La umilia verbalmente, definendola stupida e dicendole di aver intenzione di metterla incinta appena sarà possibile e di farla uccidere se gli darà un figlio altrettanto sciocco. Poi le ordina di salire sulla torre di guardia dove sono disposte le teste sulle picche e la obbliga di guardare quella di suo padre. Deluso dell'imperturbabilità che la ragazza riesce a mostrare, le fa vedere anche la testa di [[Septa]] [[Mordane]], definendo anch'essa una traditrice. Le promette poi di regalarle la testa di [[Robb Stark|Robb]] e, quando [[Sansa Stark|Sansa]] gli risponde che forse sarà suo fratello a ucciderlo, ordina a [[Meryn Trant|Ser Meryn]] di colpirla di nuovo.<ref name="AGOT67" /> Fa percuotere [[Sansa Stark|Sansa]] in diverse altre occasioni, affidando questo compito a tutti i cavalieri della [[Guardia Reale]] presenti eccetto [[Sandor Clegane|Il Mastino]]. Si astiene da tali abusi solo in presenza di [[Cersei Lannister|Cersei]]. Quando viene a sapere che [[Robb Stark]] si è proclamato [[Re del Nord]], incarica [[Boros Blount|Ser Boros Blount]] di punire la promessa sposa. <ref name="ACOK02" /> == Il giovane tiranno == Il giorno del suo tredicesimo compleanno, nella capitale viene indetto un [[torneo|Torneo di Approdo del Re (Torneo per il tredicesimo compleanno del Principe Joffrey)]] per festeggiare l’evento. Sedendo accanto a [[Sansa Stark]], Joffrey le comunica compiaciuto la notizia della morte truculenta di [[Viserys Targaryen (Re Mendicante)|Viserys Targaryen]]. Lo svolgimento del torneo non entusiasma il giovane sovrano, data la mediocrità di molti partecipanti che in numerose occasioni non fanno che coprirsi di ridicolo. Con il trascorrere del tempo, il suo umore peggiora sempre di più, fino ad arrivare al momento in cui lo sfidante [[Dontos Hollars|Ser Dontos Hollard]], presentandosi ubriaco, non riesce nemmeno a montare in sella. Joffrey decide allora di intrattenersi facendo annegare l’uomo in una barile di vino. A quel punto [[Sansa Stark|Sansa]] protesta, dicendo che uccidere un uomo nel giorno del compleanno sia causa di sventura, e quando anche [[Sandor Clegane]] interviene a sostegno di questa tesi Joffrey si lascia persuadere rimandando l’esecuzione al giorno dopo. Infine, sempre su suggerimento della promessa sposa, decide di punire [[Dontos Hollars|Ser Dontos]] spogliandolo del titolo di [[Ser|cavaliere]] invece che con la morte. Vorrebbe poi porre fine al torneo in anticipo, ma alla fine acconsente di far giostrare [[Tommen Baratheon|Tommen]] contro un pupazzo imbottito di paglia, deridendo poi il fratello minore per la caduta da cavallo.<ref name="ACOK02" /> Prima che l’esibizione abbia termine, nel cortile della [[Fortezza Rossa]] fa il suo ingresso [[Tyrion Lannister (il Folletto)|Tyrion Lannister]] insieme a [[Bronn]] e ai membri dei [[Clan delle Montagne della Luna]]. <ref name="ACOK02" /> Joffrey accoglie lo zio con freddezza, e reagisce con indifferenza quando questi gli porge le condoglianze per la morte del padre. Dopo aver incassato alcune battute sarcastiche ed essersi lamentato per l’andamento negativo della guerra, si congeda insieme ai fratelli. <ref name="ACOK02" /> Nelle settimane successive, mentre prosegue i suoi preparativi per l’attacco ad [[Approdo del Re]], [[Stannis Baratheon]] fa diffondere in ogni luogo dei [[Sette Regni]] lettere che denunciano l’illegittimità di Joffrey. <ref name="ACOK10">[[ACOK10]]</ref> Nel frattempo, mentre la popolazione è sempre più affamata per via dei blocchi ai rifornimenti provocati dalla guerra, il giovane sovrano trascorre il proprio tempo giocando con una balestra, esercitandosi senza particolare successi a colpire lepri. <ref name="ACOK17" /> Quando [[Sansa Stark|Sansa]] manifesta la sua soddisfazione nello scoprire che [[Janos Slynt]] è stato mandato alla [[Barriera]], Joffrey si arrabbia e la fa nuovamente picchiare da [[Meryn TRrnt|Ser Meryn Trant]]. <ref name="ACOK18">[[ACOK18]]</ref> La notte in cui i popolani insorgono dopo aver saputo dei preparativi per la festa di nozze di [[Tyrek Lannister]], Joffrey giuda insieme ai cavalieri della [[Guardia Reale]] una sortita fuori dalle mura della [[Fortezza Rossa]]. <ref name="ACOK18" /> In seguito, quando un’altra folla accorre sotto le mura chiedendo cibo, il giovane reagisce tempestandola di frecce, uccidendo quattro persone e invitando i rimanenti a nutrirsi dei cadaveri. Comunque, su insistenza di [[Tyrion Lannister (il Folletto)|Tyrion]], accetta di sospendere qualsiasi festeggiamento fino alla fine della guerra. <ref name="ACOK20">[[ACOK20]]</ref> Quando [[Tyrion Lannister (il Folletto)|Tyrion]] gli procura una nuova balestra, proveniente da [[Myr]] e capace di lanciare tre dardi alla volte, Joffrey si dedica subito a provarla, disertando la corte di giustizia del re e lasciandola così nelle mani del [[Tyrion Lannister (il Folletto)|Folletto]]. <ref name="ACOK25">[[ACOK25]]</ref> Dopo la vittoria nella [[Battaglia di Oxcross]] da parte di [[Robb Stark]], Joffrey sfoga la propria ira su [[Sansa Stark|Sansa]]. Dopo averla convocata al cospetto della corte, la accusa per le azioni di sue fratello e, nonostante la ragazza prenda le distanze dalla propria famiglia, ordina la [[Guardia Reale]] di picchiarla, raccomandando però di evitare di colpirla in viso per non rovinarne l’aspetto. Dopo diverse percosse, comanda a [[Boros Blount|Ser Boros Blount]] di strapparle i vestiti in pubblico. La punizione viene interrotta da [[Tyrion Lannister (il Folletto)|Tyrion]] che lo rimprovera per la mancanza di rispetto verso l’onore della promessa sposa e lo avvisa che con la brutalità non otterrà il consenso dei sudditi. Joffrey gli fa presente che preferisce suscitare timore piuttosto che amore, ma non reagisce quando [[Tyrion Lannister (il Folletto)|il Folletto]] conduce via [[Sansa Stark|Sansa]], non desiderando che [[Cersei Lannister|Cersei]] venga a conoscenza della faccenda. <ref name="ACOK32">[[ACOK32]]</ref> In ACOK36 il consiglio ristretto ipotizza già di far sposare Joffrey con Margaery, ma non so quando Joffrey viene a conoscenza personalmente della cosa. Il giorno in cui la sorella [[Myrcella Baratheon|Myrcella]] parte per [[Dorne]], Joffrey si reca al porto ad accompagnarla insieme ad una nutrita parte della corte reale. Vedendo [[Tommen Baratheon|Tommen]] piangere nel salutarla, lo rimprovera per la sua debolezza dicendo che i principi non piangono e zittisce [[Sansa Stark|Sansa]] quando questa gli ricorda esempi storici del contrario. Dopo la partenza della flotta, il sovrano ed i suoi cortigiani riprendono la via della [[Fortezza Rossa]], facendosi strada tra la popolazione ormai allo stremo. Ad un certo punto una donna si para davanti al corteo, presentando alla loro vista il corpo esanime di un neonato. Su suggerimento di [[Sansa Stark]], Joffrey getta alcuni [[Monete#Dragoni d'oro|dragoni d'oro]] alla donna, ma lei ignora il gesto e poco dopo qualcuno dalla folla inizia a lanciare dello sterco contro i nobili, beccando in pieno viso il re. Questi, adirato, insiste affinché il colpevole venga catturato, ma ciò accentua ancora di più il clima di tensione, spingendo i popolani ad una vera e propria [[Sommossa del Pane|rivolta]]. Diversi ribelli cercano di afferrare Joffrey, ma lui viene protetto dalla [[Gurdia Reale]] e alla fine riesce a rifugiarsi nella [[Fortezza Rossa]]. Mentre inveisce contro i traditori, [[Tyrion Lannister (il Folletto)|Tyrion]] lo insulta per aver esasperato la situazione e lo aggredisce, per poi essere bloccato da [[Mandon Moore|Ser Mandon Moore]].<ref name="ACOK41">[[ACOK41]]</ref> Dopo la morte di [[Preston Greenfield|Ser Preston Greenfield]] e la destituzione di [[Boros Blount|Ser Boros Bount]], il giovane sovrano celebra la cerimonia di investitura dei nuovi cavalieri della [[Guardia Reale]] di [[Balon Swann|Ser Balon Swann]] e [[Osmund Kettleblack|Ser Osmund Kettleblack]] appoggiando i mantelli bianchi sulle loro spalle. <ref name="ACOK49" /> == La grande battaglia == In vista della [[Battaglia delle Acque Nere]], per Joffrey viene preparata la migliore e più costosa armatura. [[Tyrion Lannister (il Folletto)|Tyrion]] desidera che, per infondere coraggio, durante la battaglia resti sui bastioni con i soldati, anche se protetto dalle [[Guardia Cittadina di Approdo del Re|Cappe Dorate]]. <ref name="ACOK54">[[ACOK54]]</ref> A Joffrey viene inoltre assegnato il comando delle catapulte [[Tre Puttane]], con cui scagliare gli [[Uomini Cervo]], colpevoli di tradimento a favore di [[Stannis Baratheon]|Stannis]] .<ref name="ACOK57">[[ACOK57]]</ref> Prima della [[Battaglia delle Acque Nere|battaglia]], ha un breve incontro con [[Sansa Stark|Sansa]], in cui le mostra la sua nuova spada [[Divoratrice di Cuori]] e la costringe a baciarla come gesto di benedizione. Le ribadisce inoltre le proprie intenzioni di uccidere [[Stannis Baratheon|Stannis]] e in seguito anche [[Robb Stark]]. <ref name="ACOK57" /> Joffrey osserva lo svolgimento del combattimento dalle mura e si lamenta nel vedere numerose navi della flotta avvolta dalle fiamme dell’[[Altofuoco|altofuoco]] insieme a quella nemica. Poi, quando [[Tyrion Lannister (il Folletto)|Tyrion]] impartisce degli ordini sulla rotazione delle [[Tre Puttane]], Joffrey insiste nel prenderne il comando per scagliare gli [[Uomini Cervo]] e [[Tyrion Lannister (il Folletto)|il Folletto]] lo accontenta, permettendogli di dirigersi verso la catapulte insieme alla [[Guardi Reale]]. <ref name="ACOK59">[[ACOK59]]</ref> Successivamente, quando la parte dell’esercito di [[Stannis Baratheon|Stannis]] sopravvissuta all’incendio inizia a dare l’assalto alle porte di [[Approdo del Re]], [[Cersei Lannister|Cersei]] insiste affinché Joffrey venga messo al sicuro nel castello. <ref name="ACOK60">[[ACOK60]]</ref> Alla fine, la [[Battaglia delle Acque Nere|battaglia]] si conclude con la vittoria dei [[Nobile Casa Lannister|Lannister]], che riescono a mantenere il controllo di [[Approdo del Re]] grazie all’intervento di [[Tywin Lannister|Lord Tywin Lannister]] insieme all’esercito dei [[Nobile Casa Tyrell|Tyrell]]]. <ref name="ACOK62">[[ACOK62]]</ref> Seduto sul [[Trono di Spade]], Joffrey celebra la vittoria nella [[Fortezza Rossa#Sala del Trono|Sala dal Trono]] Riceve il nonno [[Tywin Lannister|Tywin]] con tutti gli onori, proclamandolo salvatore della capitale e [[Primo Cavaliere]]. In seguito scende dal trono per ringraziare i [[Nobile Casa Tyrell|Tyrell]]]. Concede a [[Mace Tyrell|Lord Mace Tyrell]] un posto nel [[Concilio Ristretto]] e acconsente alla richiesta di [[Loras Tyrell|Ser Loras]] di entrare nella [[Guardi Reale]]. Quando [[Garlan Tyrell|Ser Garlan]] gli offre la mano della sua giovane sorella [[Margaery Tyrell]], dapprima Joffrey si finge sorpreso e riluttante a rompere il patto di fidanzamento con [[Sansa Stark|Sansa]], ma poi, dopo che [[Cersei Lannister|Cersei]] ha insistito sull’inopportunità di rimanere legato alla figlia di un traditore e l’[[Alto Septon]] ha fatto decadere la sacralità di quella promessa, accetta dichiarandosi finalmente libero di seguire il proprio cuore.<ref name="ACOK65">[[ACOK65]]</ref> Dopo una serie di ricompense di vario genere ad altri alleati che si sono distinti in combattimento o hanno in qualche modo contribuito alla vittoria, per Joffrey, ormai stanco della lunga cerimonia, giunge il turno di ricevere i prigionieri di guerra. A quelli che decidono di giurare fedeltà alla corona o che hanno già cambiato la propria alleanza nel corso della battaglia, viene concesso il perdono reale. Tuttavia alcuni nemici rimangono fedeli fino all’ultimo a [[Stannis Baratheon|Stannis]] e iniziano a insultare e minacciare Joffrey. Adirato, il giovane assesta un pugno sul bracciolo di [[Trono di Spade]], ferendosi con una delle lame, cosa che viene indicata da uno dei dissidenti come segno della sua inadeguatezza al trono. Mentre questi viene subito giustiziato, Joffrey viene assistito da [[Cersei]] e da alcuni [[Maestri|maestri]] e portato via dalla sala.<ref name="ACOK65" /> == Famiglia e genealogia == <table style="border-collapse:collapse;"> {{Genealogia | Quantità = 7 | Arg1 = E | Arg2 = D | Arg3 = A | Arg4 = H | Arg5 = A | Arg6 = B | Arg7 = C | Arg8 = D | Nome3 = [[Tywin Lannister]] | Nome5 = [[Joanna Lannister]]}} {{Genealogia | Quantità = 12 | Arg1 = E | Arg2 = D | Arg3 = C | Arg4 = K | Arg5 = L | Arg6 = L | Arg7 = N | Arg8 = L | Arg9 = M | Arg10 = B | Arg11 = C | Arg12 = E}} {{Genealogia | Quantità = 9 | Arg1 = C | Arg2 = A | Arg3 = G | Arg4 = A | Arg5 = J | Arg6 = A | Arg7 = B | Arg8 = C | Arg9 = D | Nome2 = [[Robert Baratheon|Robert I Baratheon]] | Nome4 = [[Cersei Lannister]] | Nome6 = [[Jaime Lannister]]}} {{Genealogia | Quantità = 16 | Arg1 = E | Arg2 = B | Arg3 = K | Arg4 = L | Arg5 = L | Arg6 = L | Arg7 = L | Arg8 = P | Arg9 = Q | Arg10 = P | Arg11 = L | Arg12 = L | Arg13 = L | Arg14 = M | Arg15 = C | Arg16 = D}} {{Genealogia | Quantità = 9 | Arg1 = D | Arg2 = C | Arg3 = B | Arg4 = A | Arg5 = C | Arg6 = A | Arg7 = C | Arg8 = A | Arg9 = C | Nome4 = [[Joffrey Baratheon]] | Nome6 = [[Myrcella Baratheon]] | Nome8 = [[Tommen Baratheon]]}} </table> == Titoli == {{Successione | Carica = [[Re dei Sette Regni]] | Logo = St_Baratheon | Nome = [[Joffrey Baratheon]] | Durata1 = [[298]]-??? | Predecessore1 = [[Robert Baratheon|Robert I Baratheon]] | Successore1 = ???}} == Note == <references /> {{Portale | Argomento1 = Personaggi}} <noinclude>[[Categoria:JP]] [[Categoria:Guerra dei Cinque Re]] [[Categoria:Nobile Casa Baratheon]] [[Categoria:Personaggi]] [[Categoria:Re dei Sette Regni]] [[Categoria:Terre della Corona]]</noinclude>
  19. Sicuramente Eddard Stark, uno dei personaggi meglio trasposti della serie, in maniera pressoché impeccabile. Dany invece risente parecchio della brutta sceneggiatura dell'ultima stagione (ma anche nelle altre la trasposizione non è ai livelli di quella di Eddard, anche perché con tutto il rispetto per Emilia Sean Bean è su un altro livello).
  20. Voto Olenna. Ygritte non mi dispiace come attrice, ma la sua storyline ha una sceneggiatura troppo brutta, poverina.
×
×
  • Create New...