Jump to content

Amberlith

Utente
  • Content Count

    1,081
  • Joined

  • Last visited

4 Followers

About Amberlith

  • Rank
    Confratello
  • Birthday 06/27/1980

Profile Information

  • Sesso
    Femmina
  • Location
    BS
  • Interests
    Libri (soprattutto libri), nuoto, sci, serie tv (meglio se comiche), GdR, giochi da tavolo, viaggi.

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. Non mi pare di aver scritto da nessuna parte che ha un qualche dovere morale verso i fan. Ho solo scritto che manca di rispetto ai suoi lettori e ai suoi collaboratori, tirandola così in lunga. Non riesce più ad andare avanti che si è incartato? Ok, lo dichiari apertamente. Ce ne faremo una ragione. Il lavoro dello scrittore, del pittore, dello sceneggiatore, dello stilista, del compositore, ecc ecc sono tutte professioni che dipendono pesantemente dall'ispirazione artistica ... che può anche venire meno. Il punto, comunque, non era il dovere morale nè il rispetto, citati solo come corollario. Contestavo la dichiarazione di Gaiman sull'associazione scrittore-prostituta, su cui non mi trovo affatto d'accordo. Uno scrittore riceve un compenso per il suo lavoro, come qualsiasi onesto lavoratore di qualsiasi altro settore con un qualsiasi tipo di contratto. Trovo offensivo per tutti quello che ha detto Gaiman.
  2. E dopo anni di assenza, ogni tanto si ritorna XD Neil Gaiman NON ha ragione nel difendere Martin (o qualsiasi altro scrittore) in questo modo. Sta solo parando il c**o a se stesso e ai suoi colleghi. Per uno scrittore, scrivere, appunto, è un lavoro. E' come se avesse paragonato qualsiasi lavoratore a una prostituta solo per il fatto che si viene pagati per il proprio lavoro. Sostituite "scrittore" con "spazzino" "medico" "operaio" "revisore di bozze" ecc e vedete se continuate a condividere questa dichiarazione. E' vero che non si può forzare l'impulso creativo, ma è anche vero che uno scrittore, come ogni altro lavoratore a questo mondo, viene pagato per il suo lavoro e questo non è solo normale, è anche una cosa onesta e giusta ed è altrettanto giusto che chi riceve un compenso per un suo lavoro rispetti tutti i termini del contratto che ha liberamente accettato. Essendo un lavoro di ingegno e fantasia, è anche giusto che gli si conceda una certa elasticità, nulla da dire. Ma qui Martin tira un po' troppo la corda, mancando di rispetto ai fan, ma soprattutto a quelli che devono lavorare con lui o che in qualche modo dal suo lavoro dipendono.
  3. Fantastico vedere come si è evoluta la storia, pur mantenendo i 3 filoni fondamentali che aveva ipotizzato. La mia impressione finale è che la storia gli sia cresciuta fra le mani, un po' come se avesse esagerato con il sapone e avesse fatto troppa schiuma, e che la situazione gli sia un po' sfuggita di mano a un certo punto. Speriamo che nel frattempo sia riuscito a schiarirsi un po' le idee e a riprendere le redini della situazione. PS: sono scoppiata a ridere (e in ufficio non è bello) quando ho letto che se avesse già saputo tutto della storia avrebbe perso interesse a scriverla!!!
  4. preferisco sedere a tavola con lui che trovarmelo di fronte in battaglia Se possibile, nè l'uno nè l'altro
  5. Lo trovo odioso. Ma ho anche l'impressione che non sia un "semplice" Gregor. Non ha certo l'acume politico di Tywin, ma mi è parso di capire che come stratega in guerra non sia proprio l'ultimo arrivato. Insomma, è abbastanza intelligente da guadagnarsi il comando degli eserciti Tyrell e ha una certa nomea. Sul resto non saprei dire. Di certo non è uno con cui vorrei trovarmi a conversare a tavola
  6. Amberlith

    one piece

    Sempre che possa usarlo su se stesso. Fino ad ora lo ha sempre e solo utilizzato sugli altri, per quel che ci è dato sapere. Il potere di "vita eterna" può essere utilizzato solo su qualcun altro, per esempio. Rimane cmq il dottor Chopper ;)
  7. Infatti ho detto sarebbe, ma pure io credo che sia il suo sangue di drago ad averle dato la "capacità" di risvegliare i draghi. Sui tratti tipici : non penso che siano quelli a far sì che uno possa essere più o meno Targaryen. L'esempio più classico sono i primi tre figli di Rhaenyra : tutti e tre con capelli scuri e occhi scuri, eppure avevano molto più sangue Targaryen di Daenerys ed infatti cavalcarono tutti e tre i loro draghi. Al contrario il "mio" Alyn Velaryon pur avendo i tratti valyriani, non riuscì a addomesticare nessun drago. Poi ovviamente è chiaro che quel sangue sia molto più forte in lei rispetto, ad esempio, ad un Baratheon,ma io dico solo che non sarei sorpreso che sia più una caratteristica sua, invece che semplicemente del suo sangue. Per capirsi un Viserys (stesso identico sangue) difficilmente sarebbe stato capace, secondo me, di addomesticare un drago e meno che mai di risvegliarne tre. Solo un piccolo appunto, non credo che sia il sangue nordico originario, a permettere ai Blackwood di poter avere capacità "magiche", altrimenti tutte le casate del Nord potrebbero avere le stesse potenzialità. Penso piuttosto che sia solo un capacità genetica della loro famiglia e se la teoria R+L=J, fosse vera (come io credo) allora nel nostro Jon abbiamo molto più sangue di Raventree addirittura di Bran o della stessa Daenerys. L'accenno ai tratti tipici era solo per dire che il sangue Targ si mantiene comunque. Non ho mai inteso dire sangue Targ = controllo dei draghi. Credo che sia un prerequisito necessario, ma non sufficiente, al controllo dei draghi. Anche perchè se bastasse il semplice sangue Targ, per quale motivo a un certo punto Targ anche più puri di Dany non sono più riusciti a far schiudere le uova di drago? Quanto al discorso sul Nord, non ho capito il punto, onestamente.
  8. Questo può essere interessante. Viene anche detto che i Blackwood hanno una possibile origine nordica e che sono tra i pochi casati del Sud e credere negli Antichi Dei; Bloodraven, mezzo Targ e mezzo Blackwood, è un metamorfo, possibilmente l'unico "meridionale" e questo significa che il patrimonio genetico di Dany è abbastanza simile a quello di Bloodraven, visto che, dopo Aegon V, i suoi figli e nipoti si sono sposati tra di loro. Se Dany è 50-50 Targ-Blackwood, questo vuol dire anche che, da un certo punto di vista, anche lei può avere "il canto del ghiaccio e del fuoco" e i poteri da metamorfo. Sarebbe clamoroso se magari fosse proprio il sangue Blackwood ad averle dato la capacità di schiudere le uova di drago e/o averne le capacità di controllo dei draghi stessi. Bisogna anche considerare che per quanti incesti siano stati fatti dopo Aegon V, a questo punto ormai il sangue Targ si è veramente affievolito, visto che da Daeron II fino ad Aegon V (compreso) i Targaryen si sono "ibridati" con altre casate senza nemmeno sangue "draghesco" o valyriano. Quindi può anche darsi che Daenaerys sia ormai quasi una vera e propria rarità ed unicità. Non credo proprio che sia un'eventuale parentela con il Nord ad avere dato il potere a Dany di risvegliare e controllare i draghi. Non avrebbe molto senso... i draghi sono legati a Valirya. Nulla a che fare con il Nord. Inoltre, per quanto annacquato, il sangue Targ sembra essere abbastanza forte da fare emergere a ogni generazione i tratti tipici della famiglia. Quindi credo sia ancora forte in Dany. Più interessante l'idea che possa avere in sé la canzone del ghiaccio e del fuoco. Però anche su questo ho qualche dubbio. Mentre per quel che riguarda Jon Martin ha disseminato di apparenti indizi i libri riguardo a R+L=J, ci sono pochissimi o nessun accenno all'eventuale sangue nordico di Dany. Tanto che fino ad ora non mi pare che se ne sia neanche accennato. Il che mi porta a pensare che abbia ben poca importanza per il suo personaggio.
  9. Nessuno. Riprende la moda, iniziata dopo il Watergate e poi usata anche per tipo il Sexgate (Clinton) ecc. ecc. di aggiungere il suffisso finale -gate a un'altra parola per indicare, in genere, un tentativo di insabbiamento. In questo caso, il complotto si riferirebbe all'ipotizzato possesso di Blackfyre da parte di Varys/Illiryo.
  10. I Grandi bastardi sono solo i figli illegittimi che Aegon IV ebbe da altre nobili. Non si fa questa distinzione riguardo a nessun altro bastardo. E' solo normale che un nobile riconosca il figlio bastardo se anche la madre è nobile, per via delle pressioni della famiglia (vedi Edric Storm, appunto). Ma esiste anche Mya Stone, per esempio, che di certo non è di madre nobile. E, se non ricordo male, anche la madre di Ramsay era una popolana che Bolton non avrebbe degnato di un secondo sguardo (forse non l'ha degnata nemmeno del primo) se non fosse stato che ne è nato Ramsay, così palesemente adatto ad essere suo figlio. Si può pensare che lo stesso valga per Larence Snow, dato che non viene indicata la madre (ho verificato sia sulla Wiki inglese che su quella italiana). PS: Grazie ilredelnord :)
  11. No, sappiamo dell'esistenza di 3 bastardi. E di uno sospettiamo che non sia un bastardo. Siamo quasi certi che sia figlio di Lyanna e non di Ned. Ci sono forti indizi che il rapimento di Lyanna non fosse affatto un rapimento. Però, quanto al fatto che sia un bastardo, ci sono solo le nostre teoria basate sul poco che sappiamo del CARATTERE di Rhaegar. Troppo poco per affermare che effettivamente non è un bastardo. Possiamo al massimo dire che sospettiamo, crediamo, speriamo che non lo sia. Tornando ai bastardi, se è per quello conosciamo con certezza solo 3-4 dei bastardi di Robert e abbiamo sentito nominare abbastanza pochi bastardi in generale, a parte le figlie di Oberyn. Basandoci sul numero di bastardi che conosciamo, dovremmo dire che sono pochi i bastardi nei Sette Regni?
  12. Solo perchè Ned non è favorevole a generare bastardi, non vuol dire che gli altri nobili del Nord si comportino allo stesso modo. Sappiamo di almeno altri 2 bastardi del Nord: Ramsay Snow (o Bolton secondo la legittimazione firmata da Tommen) e il bastardo di cui si discute la legittimazione quando Bran sostituisce Robb... non ricordo come si chiamava (qualcuno più ferrato di me si ricorda?). Nulla vieta che nel Nord ci sia qualche emulo di Robert Baratheon che si diverte a seminare figli come noccioline.
  13. Come dice mio padre "coi se e coi ma la storia non si fa". Non ho idea di come sarebbe la Sistina se fosse in mani italiane. Ma questo c'entra poco con il tema. Come c'entra poco il fatto che i soldi del biglietto per la visita se lo tenga il Vaticano. Non è questo il luogo per questi temi ^_* In generale il Rinascimento italiano è un'eccellenza riconosciuta urbi et orbi e anche attualissima, a mio parere. L'arte non ha tempo. Restando su arte e storia, da brava tifosa del mio territorio, segnalo il complesso di Santa Giulia e San Salvatore a Brescia, riconosciuto patrimonio dell'UNESCO per l'importanza del sito, ma valorizzato benissimo... vedere per credere: http://www.bresciamusei.com/santagiulia.asp
  14. Bhuahahahaha No vabbè ho fatto giusto due acquisti e non ricordo nenache quale vettore ha consegnato. Non ho telefonato, anche perchè non mi faccio prendere dal panico, una volta arrivato il pacco me ne dimentico. Una volta un portafogli (non preso da Amazon però) rimase bloccato dal corriere per un errore di indirizzo e me ne ricordai solo dopo 15 giorni. Più che telefonare, intendevo dire se hai fatto la recensione sulla consegna una volta ricevuto il pacco ;)
×
×
  • Create New...