Jump to content

Oathkeeper

Utente
  • Content Count

    830
  • Joined

  • Last visited

About Oathkeeper

  • Rank
    Confratello

Profile Information

  • Sesso
    Femmina

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. Sono arrivata quasi alla fine della storia base di FFXIV A Realm Reborn. Dopo 30 anni di gioco da single player (a parte la pausa con i Dark Souls, che non sono certamente degli MMO), mi sono buttata in qualcosa per me nuovo. La storia di base non spicca per chissà quali qualità, non è certo FFVII, ma è comunque piacevole, a parte l'esecuzione a volte tediosa (consegna quella busta a 5 personaggi diversi nella mappa senza poter usare il teletrasporto e robe simili). Comunque, per quello che riguarda la storia, ho sentito recensioni sempre migliori ad ogni espansione, fino all'ultima, Shadowbringers, che viene ritenuta un capolavoro, quindi non vedo l'ora di arrivarci. Ci ho messo un bel po' per ambientarmi nel mondo mmorpg, a partire dai termini astrusi utilizzati dai players di tutto il mondo, dagli acronimi per ogni cosa in party chat, però una volta superato lo scoglio dell'ignoranza iniziale è diventato tutto molto chiaro. Sono sbloccabili diversi job (io al momento ne ho 2, dragoon e red mage) e anche qui ho dovuto imparare un nuovo modo di giocare perché le skill sono tantissime, vanno eseguite in un certo ordine per fare maggior danno possibile e la difficoltà maggiore che ho avuto è stata imparare...a giocare in gruppo. Mi ha piacevolmente sorpreso la comunità del gioco, davvero amichevole. a parte qualche **** solitario, che si può incontrare in qualsiasi situazione della vita, le persone sono sempre molto cortesi, pazienti e disposte ad aiutare i novellini. Ho trovato una gilda italiana stabile che mi ha accolta a braccia aperte e i cui membri mi hanno aiutata davvero tanto sia a capire le meccaniche del gioco che a fare i dungeon. Non avrei mai pensato che mi sarebbe piaciuto passare le giornate in chat vocale su discord con degli sconosciuti mentre meniamo qualche boss e invece... Bello anche il sistema glamour, cioè la possibilità di personalizzare vestiti e armature e dropparne anche davvero di molto belle e particolari. Il gioco è pieno di attività da fare di ogni tipo, da soli o in gruppo e ti assorbe completamente. Lo consiglio caldamente, c'è sia per PS che per PC. Io lo gioco su PS ma ho dovuto collegare anche una tastiera e mouse perché ha una miriade di funzioni scomode da usare solo col pad, quindi consiglio l'acquisto su pc se possibile.
  2. Piccolo OT: è il mio primo mmorpg, sono una single player incaliita e ho sempre detestato la tossicità delle community online. Io gioco per divertirmi e non per sentirmi f**a e sfogare le mie frustrazioni sugli altri. Ho letto molte recensioni positive, a parte sul gioco, sulla community di FFXVI e questo mi ha convinto a provare. Ho appena iniziato, mi sto facendo le ossa a capire le meccaniche (e il linguaggio ) prima di iniziare un dungeon in party e beccarmi insulti perché non so fare le cose. Spero che sarà un'esperienza positiva.
  3. Io l'hype me lo sgonfio, la mia arriverà a febbraio se tutto va bene. Intanto mi sono infognata con FF XIV online e attendo con apprensione l'uscita di Cyberpunk, quindi ne avrò di cose per distrarmi durante l'estenuante attesa...
  4. Oathkeeper

    serie tv

    Io avevo sia Netflix che Prime tv e Now tv. Ora ho cancellato Now tv, principalmente perché non ha più contenuti che mi interessano, ma anche perché è quella che costa di più e ha un'interfaccia che fa pena. Devi pagare 3 euro in più per l'HD e ogni volta che guardavo qualcosa l'HD andava a scatti, mentre su Netflix e Prime mai avuto problemi. Su now tv ho avuto anche problemi di buffering, cosa mai successa sulle altre due piattaforme, quindi non si tratta della mia connessione adsl. Inoltre Prime e Now tv ad un prezzo minore ti danno sia serie tv che film e docu, mentre con Now tv se vuoi il pacchetto pieno mi pare arrivi a 13 o 15 euro al mese. Insomma, mi è venuta a noia per questi motivi. E' ovvio però che se esce qualche altra serie tv che mi interessa vedere mi riattivo l'abbonamento.
  5. Oathkeeper

    serie tv

    Into the night - Netflix Ho finito questa serie di bassa produzione ieri e sono state ore ben spese (una stagione, la seconda in programma). Un militare italiano sequestra un aereo di linea in Belgio. A bordo un gruppo di persone di diverse nazionalità tra cui l'equipaggio. Il motivo del sequestro è che pare che il sole sia diventato mortale e chi resta a vedere l'alba muore istantaneamente. L'idea quindi è quella di volare verso ovest, anticipando l'aurora, nel tentativo di sopravvivere. Sì, l'ennesimo telefilm7film ambientato su un aereo, però devo dire che è fatto bene. I personaggi sono interessanti, ben presto le differenze (e le diffidenze) culturali e ideologiche creano problemi. Il ritmo è serrato, ci sono pochissimi attimi di calma, è un costante susseguirsi di problemi di ogni sorta che mantengono una suspance costante. Non è certo un capolavoro ma vale la pena vederla.
  6. @osservatore dal nord diciamo che, essendo fifona di base, il primo terzo del gioco l'ho passato a nascondermi. Ben presto ho capito che la IA era più sveglia di me e verso la metà del gioco mi è venuto coraggio, anche perché ormai avevo capito cosa potevo fare e cosa no. La cosa che mi è piaciuta di più, a parte l'omaggio al film eseguito benissimo (sono una grande fan di Alien, Alien 2 è il mio film di sci fy preferito da sempre), è stata proprio la IA del mostro. Per tutto il tempo ho avuto la sensazione che fosse vivo, perché l'intelligenza era evidente e non potevi fare le solite furbate che fai nei giochi. Qualche infarto mi è venuto, tensione costante. L'ho appena finito. Davvero un gran bel gioco. Per me è 9.
  7. Non saprei, non guardavo l'orologio. Perché?
  8. Parlavo del sci fy e fantasy. Inoltre, per quanto posso capire chi apprezza Gomorra e Romanzo Criminale, anche se io non li ho visti, continuo a non capire perché è da 30 anni in Italia si fanno solo film o serie tv sulla mafia, sui preti, sulle dottoresse Jo e i Cesaroni. L'unica cosa che mi è mai piaciuta di ideazione (ma non produzione) italiana è The young pope. Possibile che non c'è nessun altro che osa fare qualcosa di diverso?
  9. Oathkeeper

    serie tv

    Da questo punto di vista è deludente anche la seconda stagione di The Haunting of... La prima stagione è un capolavoro horror, la seconda parte bene per poi diventare
  10. @NonnoOlenno anche a me Detroit era piaciuto molto. Sullo stesso genere ti consiglio, se non lo hai già giocato, Beyond: two souls, che insieme a Heavy Rain è stato un apri pista del genere e secondo me è un capolavoro. Un amico mi ha anche consigliato Life is strange che, per motivi di tempo, ancora non sono riuscita a giocare. Invece al momento sto giocando ad Alien Isolation, in ritardo di parecchi anni dall'uscita. Viene considerato come uno dei più belli survival horror e, anche se sono ad appena una decina di ore di gioco, posso almeno dire che per ora confermo le aspettative. Ha tutto ciò che era il film originale (temporalmente si colloca tra il primo e il secondo). L'ambientazione fredda e asettica, le ombre e le luci che ti giocano brutti scherzi, le musiche agghiaccianti e i silenzi ancor più. L'alien ha un'ottima AI e lo scopo non è di combatterlo con un badass ma di salvarsi la pellaccia nascondendosi, spostandosi furtivamente tra i corridoi e i condotti di ventilazione claustrofobici. I vari nascondigli sparsi per la base spaziale non sono mai posti davvero sicuri perché l'alieno prima o poi ti trova se ti nascondi troppo tempo nello stesso posto. Quindi tutto il gameplay è costellato da ansia costante. Volevo comprarlo per VR ma non so se sarei riuscita a giocarlo, e dire che ho giocato a Resident Evil in realtà virtuale, ma devo ammettere che a volte il cuore mi batte così forte e mi manca il respiro, come se fossi davvero lì, ti dimentichi che è solo un gioco. Bello davvero.
  11. Oathkeeper

    serie tv

    Non capisco tutto questo astio per la seconda stagione di The boys. A me sta piacendo.
  12. Me lo sono sempre chiesta, ancor più in questi ultimi anni, perché l'Italia non sia in grado di sfornare qualcosa di decente. Persino i tedeschi sono riusciti a fare Dark, i russi adesso hanno tirato fuori The lake e in Italia abbiamo ancora questi prodotti imbarazzanti.
  13. Purtroppo di sicuro non esiste nulla. Il rischio dei social non è solo quello di finire in gruppi di ragazzini idioti ma cose ben peggiori. I predatori di bambini e adolescenti sono sempre in agguato. L'unica cosa che puoi fare è monitorare o meglio, spiare tua figlia. E' una cosa detestabile da fare ma è l'unico modo. Anche perché la prima vera difesa è la capacità di discernimento dei figli, c'è chi ce l'ha e chi no. Per quanto riguarda invece i contenuti, so che ci sono modi per mettere filtri per minori su internet ma io non ho idea di come si faccia nè quanto siano efficaci. Forse qualcun altro qui dentro è più esperto in materia.
  14. Aggiungo che Larian è un'azienda serissima e molto attenta ai fan. A me è capitato un bug che ad un certo punto non mi permetteva di andare avanti, ho scritto una mail a Larian e dopo 4 ore mi hanno risposto risolvendomi il problema. Altro che il servizio clienti Enel
  15. Oathkeeper

    serie tv

    Vorrei consigliarvi "To the lake", serie tv Netflix di sorprendente produzione russa. L'ho iniziata senza aspettative (l'ennesima serie tv su una mortale pandemia) ma mi ha sorpresa decisamente. La serie si concentra più sulle dinamiche sociali di un gruppo di sopravvissuti che sul mostrare scene pulp degli effetti pandemici. I dialoghi sono davvero buoni, i personaggi interessanti e anche se ci sono alcuni cliché del genere devo dire che il tutto è stato eseguito molto bene, con un ottimo ritmo, tant'è che mi sono affezionata ai personaggi in due episodi e ho guardato gli episodi tutti di fila.
×
×
  • Create New...