Jump to content

L'ultima guerra di Berlusconi


sharingan

Recommended Posts

  • Replies 377
  • Created
  • Last Reply

vedremo vedremo... gli Usa per esempio li vedo anche loro lanciatissimi verso la demagogia... Obama vs Palin (sì vabbè povero McCain) è uno scontro tra mancati attori di hollywood, più che politici.

 

senza contare tipi come the Governator eccetera.

 

non dico che siano ai nostri livelli, ma ci arriveranno in tempi non molto lunghi. Ovviamente ci saranno delle differenze, perchè gli Usa non sono l'Italia, ma saranno comunque una demagogia fatta e finita.

 

 

comunque alla fin fine il tollerare Berlusconi per i suoi bunga bunga (e non per altre cose) imho è un segno di maturità e consapevolezza.

 

vuol che siamo disillusi, disincantati e cinici. Grandi virtù. Siamo consci che il potere corrompe ed è inevitabile, non cerchiamo un esempio morale nel leader (Berlusconi non ci rappresenta? embè, gli italiani non vogliono essere rappresentati dal capo di Stato, si sa).

Berlusconi ha mentito? Sai che novità. Tutti mentono, non solo sui loro fatti privati, ma anche sui fatti pubblici.

Viviamo in una cortina di menzogne e mezze verità, nessuno si scandalizza più per qualche bugia.

 

l'Italia è il Paese meno moralista del mondo (anche se spesso si proclama diversamente... ma anche ai proclami non crede nessuno, sono una specie di formula vuota che si recita e a cui nessuno presta attenzione... siamo ipocriti anche quando facciamo gli ipocriti, fantastico), ma anche gli altri sono sulla buona strada, imho.

individualismo e relativismo non possono che portare le masse alla tolleranza di questi fenomeni.

 

inoltr, è impossibile riformare le istituzioni e la morale. Nessuno ci è mai riuscito, e nessuno mai ci riuscirà. Servone robe tipo bagni di sangue e guerre mondiali e rivoluzioni tipo caduta degli imperi. Senza bagni di sangue e super-guerre (che immagino nessuno le voglia) sarà sempre peggio. Tanto vale accettarlo.

Link to post
Share on other sites

Credo che bisognerebbe invece considerare l'unicità della situazione italiana.

Il fatto è che populismo e demagogia funzionano con efficacia quando possiedi il controllo dei principali canali televisivi (e il possesso di alcuni giornali) e un patrimonio personale enorme. Gli ultimi 20 anni hanno dimostrato l’importanza del martellamento mediatico e della ricchezza personale.

Questa è stata l’anomalia di partenza, che ha permesso tutto il resto, e che dubito in altri paesi sarebbe permessa.

Stiamo parlando di qualcosa di eccezionale: un uomo che, per i motivi (e gli appoggi) noti, approfittando di un vuoto di potere e del possesso di media fondamentali, ha costruito una struttura personale, e lavorato per costruire quello che è un vero e proprio culto della personalità.

In Usa, per esempio, non potrebbe succedere, perché si rimane all’interno del bipartitismo (Repubblicani, Democratici) e difficilmente potrebbe arrivare un uomo che crei un partito altro, basato soltanto sulla propria persona.

Dalla prima anomalia, ne è derivata un'altra: quel partito non ha un'ideologia definita, e non ammette la pluralità di idee: è un un partito azienda (come mostrano con evidenza i suoi inni) che vive nel servilismo e dove, in 20 anni, nessuno ha mai osato contraddire il presidente-padrone. Lui decide, e agli altri spetta solo difendere le sue idee e applicarle.

Questa struttura si è poi estesa all’intero governo del paese, rafforzata dal posizionare nei ruoli chiave (e non) persone a lui legate personalmente, che non avrebbero dovuto starci, e che devono la posizione (e tutto il resto) al presidente-padrone.

Infine, la situazione è completamente degenerata nel momento in cui l’intera maggioranza parlamentare è finita per legarsi alla sorte di quell’unica persona,e si mostra pronta a qualsiasi atto pur di tenerla in piedi.

Nei momenti di crisi, l’enorme ricchezza del personaggio, e la “comprabilità” dei politici, permettono anche di evitare il naturale sfaldamento della maggioranza.

Prima ancora del rifiuto dell’invecchiamento che rende parodie di uomini, del baciare la mano a dittatori stranieri, l’immoralità è nel creare un circolo vizioso di servilismo e prostituzione fisica e intellettuale, che ha le basi nelle anomalie iniziali.

Sono sicuro che, tra 50 anni, questo periodo italiano verrà studiato in libri italiani e stranieri come un caso unico, e il punto più basso del nostro paese.

 

Si può aggiungere una cosa positiva in questo egocentrismo e insana concentrazione del potere: non è mai interessato creare una successione, il far crescere un delfino (per totale disinteresse ne futuro o per paura di "pugnalata alle spalle"?). In questo modo, caduto il pilastro, cadrà tutto il castello.

Link to post
Share on other sites

vedremo vedremo...

seh tra 50 anni apriamo una discussione apposta ok? <img alt=" />

 

per il resto magari da noi i politici diventassero come Swarzy, saremmo messi molto meglio di adesso, ed è tutto dire..

il problema del tuo ragionamento è che è viziato fin dalla prima frase.. infatti se si sopportasse Ber. solo per i bunga bunga saremmo a cavallo, a parte le ipocrisie finto moraliste della sinistra e le contraddizioni profonde sui valori della destra, che insomma sono robetta che al giorno d'oggi farebbe ridere se i problemi italiani si dovessero solo ricondurre a quelli lì, no?

il problema è che non è così, quello che manca è proprio una classe politica che faccia qualcosa (qualsiasi cosa) su uno dei tanti problemi veri dell'Italia.. mi piacerebbe star qua a discutere pro o contro una politica come quella di Cameron, o di Obama, o della Merkel, o di Sarkozy, e non di bunga bunga, case di montecarlo o trans..

Link to post
Share on other sites

Col conflitto di attribuzione, si inizia ufficialmente la strategia per evitare il processo.

Parallelamente, continuano le manovre per legare le mani alla giustizia, e per completare il controllo dei media.

Stamo bene così.

Link to post
Share on other sites

Parallelamente, continuano le manovre per legare le mani alla giustizia, e per completare il controllo dei media.

 

Sbagli. È evidente a tutti tranne ai bolscevichi stalinisti (ideologia inculcata dai professori politicizzati delle scuole statali) che la legge sulle intercettazioni, la legge sul processo breve, la nuova riduzione dei termini di prescrizione, e se si riesce a convincere la Lega anche la reintroduzione dell'immunità parlamentare in versione pre-1993 sono inderogabili necessità di cui il tessuto sociale e produttivo del nostro Paese abbisogna fortemente e di cui necessita per un pieno compimento sociale, morale, economico e politico.

Piazze gremite di onesti e laboriosi cittadini - che i media faziosi in mano alla sinistra non mostreranno mai all'opinione pubblica - inneggiano all'idea dell'immunità parlamentare, fremono al pensiero della legge sulle intercettazioni e agognano l'accorciamento dei tempi di prescrizione.

Ecco.

Link to post
Share on other sites

maaa...il bunga bunga a casa mia è un reato. <img alt=" /> Non è una questione di moralismo. Se una donna viene pagata per una prestazione sessuale, allora siamo di fronte a un reato di favoreggiamento della prostituzione. Che poi lui li chiami bunga bunga o bordello non cambia niente. La sostanza è che almeno uno dei tanti reati c'è ed è provato dal fatto che le donnine sono state pagate. Poi, se Ruby è minorenne allora c'è anche l'aggravante della prostituzione minorile, ma è sempre parte dell'accusa principale.

Link to post
Share on other sites

maaa...il bunga bunga a casa mia è un reato. <img alt="> Non è una questione di moralismo. Se una donna viene pagata per una prestazione sessuale, allora siamo di fronte a un reato di favoreggiamento della prostituzione.

 

Non mi pare proprio sia così. E' reato solo in luogo pubblico. E infatti non è questa l'accusa rivolta a B.

Link to post
Share on other sites

Veramente pagare una prostituta di per sé non è reato neanche in luogo pubblico <img alt=" />

 

E' reato il favoreggiamento della prostituzione, che però è una cosa ben diversa - l'accusa contro la Minetti, semmai, non quella contro Berlusconi.

E'invece reato a quel che ne so la prostituzione minorile, che appunto è una delle accuse (non la più grave, che è la concussione) nei confronti di Berlusconi.

Link to post
Share on other sites

Oggi un deputato del PDL, Vitali, ha tirato fuori una proposta di legge (con un "velatissimo" scopo &gt;_&gt; ): il giudice, in presenza di un imputato incensurato o che abbia superato i 65 anni di età, è obbligato ad applicare sempre e comunque le attenuanti generiche, il che ha come conseguenza la riduzione dei tempi di prescrizione del reato.

L'intento è talmente sfacciato che persino il PDL ha dovuto dissociarsi.

Il fatto è comunque indicativo del livello di servilismo e prostituzione (qui soltanto intelletuale) cui si è giunti.

Si dovrà creare un nuovo modo di dire: "Essere più berlusconiani di Berlusconi".

 

Nel frattempo, continua il "riempimento" televisivo, con un altro grosso tassello: a tempo di record è stato dato ad un imparzialissimo Giuliano Ferrara lo spazio quotidiano che fu di Enzo Biagi.

Link to post
Share on other sites

Sbagli. È evidente a tutti tranne ai bolscevichi stalinisti (ideologia inculcata dai professori politicizzati delle scuole statali) che la legge sulle intercettazioni, la legge sul processo breve, la nuova riduzione dei termini di prescrizione, e se si riesce a convincere la Lega anche la reintroduzione dell'immunità parlamentare in versione pre-1993 sono inderogabili necessità di cui il tessuto sociale e produttivo del nostro Paese abbisogna fortemente e di cui necessita per un pieno compimento sociale, morale, economico e politico.

Piazze gremite di onesti e laboriosi cittadini - che i media faziosi in mano alla sinistra non mostreranno mai all'opinione pubblica - inneggiano all'idea dell'immunità parlamentare, fremono al pensiero della legge sulle intercettazioni e agognano l'accorciamento dei tempi di prescrizione.

Ecco.

Exit seduptor ad corpore sano! GEDHINI ED ALFANO USCITE DAL CORPO DEL POVERO BERIC!!!

 

il giudice, in presenza di un imputato incensurato o che abbia superato i 65 anni di età, è obbligato ad applicare sempre e comunque le attenuanti generiche, il che ha come conseguenza la riduzione dei tempi di prescrizione del reato.

Quindi facciamo due conti: oltre al signore di arcore, quanti altri tra mafiosi, criminali vari, corruttori, pedofli, criminali generici saranno definitivamente al sicuro?

 

Nel frattempo, continua il "riempimento" televisivo, con un altro grosso tassello:

Sì, perché secondo l'ultima definizione, rilasciata a Radio24 "democrazia non è dare spazio a tutti perché tutti parlino, ma ridurre lo spazio a coloro che parlano troppo, in kodo da garantire la pluralità culturale delle espressioni"... <img alt=" />
Link to post
Share on other sites

Il "caro" Berlusca ora tenta anche di taroccare l'età di Ruby (un soggetto orribile per non dire di molto peggio... ma la Barriera non è il luogo adatto per simili improperi) e farla passare per maggiorenne all'epoca dei fatti. Probabilmente forte delle "sue" capacità persuasive sul governo marocchino riuscirà pure a modificare i suoi dati anagrafici. Ma da chi bacia la mano di Gheddafi questo è uno scherzetto!! VERGOGNOSO!! <img alt=" /> :wacko:

Link to post
Share on other sites

Archived

This topic is now archived and is closed to further replies.

Guest
This topic is now closed to further replies.

  • Upcoming Events

  • Member Statistics

    • Total Members
      5,834
    • Most Online
      1,394

    Newest Member
    ros
    Joined
  • Forum Statistics

    • Total Topics
      15,946
    • Total Posts
      733,013
×
×
  • Create New...