Jump to content
Lord Beric

THE WINDS OF WINTER: news e speculazioni

Recommended Posts

@JonSnow;

 

Sulle primissime righe concordo (lo spiego nella risposta a DaenerysArya2510).

 

Sul seguito non scritto da Martin, non sarei in totale disaccordo e lo preferirei sia a GOT che ad una sintesi della trama. Chiaramente una o più persone scelte dall'autore e per sua volontà. Non sarebbe lui e ne terrei conto, ma sarebbe pur sempre qualcuno che conosce l'opera e ama i personaggi. Ci sarebbe il rischio che esca una schifezza... ma i miei due centesimi li ho dati. XD

Comunque GRRM si è più volte espresso in merito, quindi non mi faccio illusioni: so che non utilizzerà questo metodo.

 

Infine, a me non importa degli spoiler perché non penso che c'entrino poi troppo coi libri e col “viaggio” che m'interessa; solo non li ritengo canon e mi spiace che molti possano considerarli tali al posto di quelli dei romanzi (questa è un'uscita da booknazi infognata e convinta, ma sono spesso una booknazi ragionevole, spero XD).

 

 

Comprendo bene ciò che intendi e non è una filosofia alla booknazi, ma qualcosa di molto vicino ad un dato di fatto. E' amore per carta e inchiostro, la capacità manipolativa di una fantasia invisibile sulla mente, astratta e non banale. Libera. In un certo senso è questo ASOIAF. Il viaggio, il tempo che scorre, la propria crescita personale e quella fittizia, in cui la destinazione diviene relativa e quasi un fastidio. Ma per quanto mi riguarda questo discorso è valido solo fino al momento in cui ci sia la certezza di vederlo ancor più sviluppato e infine completato, quel viaggio.

 

Qualora invece questa certezza dovesse vacillare ed anzi, sparire per sempre, io preferirei sempre conoscere le destinazioni, perfino in modo rozzo e approssimativo, piuttosto che vedermi negato sia il viaggio che la scoperta di dove esso avrebbe dovuto portare.

 

Gli spoiler di GoT, se così possono essere chiamati, sono comunque approssimativi e quasi fini a sé stessi, poiché nati per essere mirabolanti e scenici, più che costruiti con ratio e fantasia. Ma sempre meglio questa piccola fonte di conoscenza, piuttosto che la totale ignoranza.

 

Per quanto riguarda ASOIAF continuato da altre mani... No, non credo saprei abituarmi all'idea. Se si può chiudere un occhio su un adattamento televisivo di dubbio gusto è già tanto. Un adattamento cartaceo risulterebbe forse ancor più scadente. Per quanto li si ami Jon, Daenerys, Tyrion, Euron, Jaime, Theon ecc. sono figli di Martin e di nessun altro. Sono sue creature. E' lui l'incontrovertibile e incommensurabile padre indiscusso, fine conoscitore e violatore della loro intimità. E' lui loro vita e loro morte. Quindi, nel caso, è giusto che condividano la stessa fine o decisione dell'autore. Anche perché mi risulterebbero, un po' come in GoT, delle imitazioni blande, per quanto potrebbero risultare ben riuscite e vicine all'originale.

Share this post


Link to post
Share on other sites

A me invece un adattamento scritto da altri non darebbe troppo fastidio. Alla fine l'importante è il materiale di partenza, non è che lo stile di Martin sia inimitabile o qualcosa di trascendentale, un abile scrittore sarebbe in grado di riprodurlo.

 

Ma tanto ormai non ha più importanza

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io sono dell’idea che prima finirà la serie televisiva con le indicazioni di Martin riguardo al finale, poi qualche sceneggiatore che ha partecipato alla stesura della serie, sempre seguito da Martin, completerà la saga libraria.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sarà che ho più fiducia in uno scritto che in uno show, non so XD per me potenzialmente potrebbe andare bene se fossero scelti da Martin e conoscessero bene i personaggi, insomma, pensiamo a quanti collaboratori avrà già a rileggergli il malloppo e a consigliarlo!

 

Ma no, vi prego, nessuno che abbia collaborato a GoT. XDD Voglio degli scrittori, non giornalisti, non produttori o scenografi... Mi darebbe maggior fiducia, meno influenze da altri ambienti, l'interesse principale è scrivere.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io sono dell’idea che prima finirà la serie televisiva con le indicazioni di Martin riguardo al finale, poi qualche sceneggiatore che ha partecipato alla stesura della serie, sempre seguito da Martin, completerà la saga libraria.

 

Io preferirei leggere i suoi appunti piuttosto che leggere un libro partorito da un'altra penna. E poi perché Martin, essendo in vita, dovrebbe seguire uno sceneggiatore e fargli scrivere il suo libro?

Share this post


Link to post
Share on other sites

State parlando del nulla: Martin ha specificato più volte che non permetterà mai a nessuno di terminare la sua opera, non solo finchè sarà in vita, ma perfino se dovesse morire prima di finire.

Share this post


Link to post
Share on other sites

State parlando del nulla: Martin ha specificato più volte che non permetterà mai a nessuno di terminare la sua opera, non solo finchè sarà in vita, ma perfino se dovesse morire prima di finire.

 

Appunto... stiamo parlando di aria fritta :D

Share this post


Link to post
Share on other sites

State parlando del nulla: Martin ha specificato più volte che non permetterà mai a nessuno di terminare la sua opera, non solo finchè sarà in vita, ma perfino se dovesse morire prima di finire.

 

Ma infatti

 

 

Comunque GRRM si è più volte espresso in merito, quindi non mi faccio illusioni: so che non utilizzerà questo metodo.

 

Penso che l'affermazione di Martin che vietava fanfiction e annessi sia una delle più famose.

 

Si commentava semplicemente se ci sarebbe piaciuta o meno una continuazione scritta da altri.

 

E dicevo che a me sì, più di GoT e più di riassuntini vari. XD

Share this post


Link to post
Share on other sites

Leggo il titolo del topic:

THE WINDS OF WINTER: news e speculazioni.

 

Vado sul vocabolario della Treccani e cerco la parola “speculazione” che riporta:

speculazióne s. f. [dal lat. tardo speculatio -onis «esplorazione; indagine filosofica» (v. speculare2); il sign. 2 ricalca il fr. spéculation]. – 1. letter. L’atto dello speculare, il ricercare e indagare in quanto attività teoretica.

b. estens. Meditazione su problemi di varia natura.

Nei sinonimi:

speculazione /spekula'tsjone/ s. f. [dal lat. tardo speculatio -onis "esplorazione; indagine filosofica"; il sign. 2 ricalca il fr. spéculation]. - 1. [il ricercare e indagare in quanto attività teoretica: s. filosofica] ≈ contemplazione, (non com.) elucubrazione, meditazione, riflessione, teoresi. ‖ indagine, investigazione, ricerca, studio. pragmatismo.

 

Letto questo, penso di essere stata nel giusto se ho espresso la mia opinione, senza aver per altro offeso nessuno.

E sufficiente che ci sia un commento opposto al tuo e subito qualcuno si sente forte, e si accoda scodinzolando e sventolando palloncini facendo il sarcastico.

Perciò il commento ironico sull’aria fritta sa molto di spirito di patate.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Clitennestra: Le rimostranze per motivi di qualsiasi natura vanno fatte in privato, rivolgendosi ai moderatori di sezione. Se si ritiene che qualche utente abbia mancato di rispetto, fatto un'ironia eccessiva o si sia spinto al di là del regolamento lo strumento adibito è appunto quello del messaggio privato, il topic deve essere lasciato libero per parlar dell'argomento di discussione e non per le polemiche personali.

 

Per il resto, invito sempre tutti a misurare per bene le parole anche se in questo caso estremi per un intervento sono molti labili se non inesistenti. Talvolta è facile cadere in fraintendimenti, non esacerbiamo gli animi ma allo stesso tempo non ingigantiamo questioni che sono davvero piccole, o che non non esistono proprio.

 

Buona continuazione (non rispondete al mio messaggio).

Share this post


Link to post
Share on other sites

State parlando del nulla: Martin ha specificato più volte che non permetterà mai a nessuno di terminare la sua opera, non solo finchè sarà in vita, ma perfino se dovesse morire prima di finire.

 

Se dovesse morire prima di terminare l'opera (spero ardentemente che non accada) la decisione spetterebbe agli eredi però, e loro potrebbero pensarla diversamente.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io inizio a credere che la miglior cosa da fare sia non pensare a TWOW: un bel giorno ci si sveglierà e si vedrà l'annuncio sul blog del zio. Mi rifiuto di pensare che non leggerò la fine di questa saga e i tempi biblici di attesa renderanno più dolce la lettura. (Lo so sono troppo ottimista xD)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Beh certo, non è che uno poi stia lì a pensare a Twow ogni momento del giorno.

 

Però quando si passa da ste parti, ma anche in libreria... il pensiero ti viene.

 

Inutile, ci sta mettendo veramente troppo.

Non riesco a pensare invece ad un ipotetico domani, quando ci sarà la notizia dell'uscita di Twow.

 

So benissimo che sarò contento abbestia XD

 

Nel 2018/28 circa...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io mi sono convertita, attendo un annuncio per Natale.

Non posso credere che sia ancora lì a scrivere una paginetta al giorno, quando alla fine di ADWD aveva già un po' di pagine di avanzo, quasi gli fosse tornata la febbre della scrittura (ma diluita).

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io mi sono convertita, attendo un annuncio per Natale.

Non posso credere che sia ancora lì a scrivere una paginetta al giorno, quando alla fine di ADWD aveva già un po' di pagine di avanzo, quasi gli fosse tornata la febbre della scrittura (ma diluita).

 

La cosa triste è che se davvero scrivesse una sola paginetta al giorno, TWOW l'avrebbe finito circa due anni fa...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×
×
  • Create New...