Jump to content

THE WINDS OF WINTER: news e speculazioni


Recommended Posts

Immaginare Giorgione che scrive a ritmi decorosi (e soprattutto costanti) è una visione tanto onirica e surreale quanto lo è quella di un unicorno in autostrada. Giorgione neanche sa cosa sia una tabella di marcia, è più forte di lui perdersi in lungaggini di ogni genere...e penso che a suo tempo se la sia anche presa con se stesso per questo "vizietto". Ora invece si è abituato o non ci bada più di tanto: non ci pensa neanche lontanamente ad alzare i ritmi (come dico sempre, considerati il successo, l'età, gli impegni e via dicendo...è anche una cosa umanamente comprensibile, nonostante risulti odiosa a noi lettori).
A casa dello zio comanda solo l'estro creativo...che tiranno e capriccioso, ci osserva e se la ride... <_<

Link to post
Share on other sites
  • Replies 7.9k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Immaginare Giorgione che scrive a ritmi decorosi (e soprattutto costanti) è una visione tanto onirica e surreale quanto lo è quella di un unicorno in autostrada. Giorgione neanche sa cosa sia una tabella di marcia, è più forte di lui perdersi in lungaggini di ogni genere...e penso che a suo tempo se la sia anche presa con se stesso per questo "vizietto". Ora invece si è abituato o non ci bada più di tanto: non ci pensa neanche lontanamente ad alzare i ritmi (come dico sempre, considerati il successo, l'età, gli impegni e via dicendo...è anche una cosa umanamente comprensibile, nonostante risulti odiosa a noi lettori).

A casa dello zio comanda solo l'estro creativo...che tiranno e capriccioso, ci osserva e se la ride... <_<

Sì ma quando decidi di scrivere e specialmente pubblicare un libro ( che le persone comprano...non lo leggono mica gratis... ) hai un obbligo morale a finire quello che hai iniziato, senza ammazzarsi la vita ma nemmeno senza perdere 5 anni per un libro "quasi" completo (ADWD) e chissà quanto per uno di cui dovrebbe avere le idee abbastanza chiare. .. e specialmente non andando ad ogni singolo evento in cui ti invitano...manco fosse Stan Lee...
Link to post
Share on other sites

 

Immaginare Giorgione che scrive a ritmi decorosi (e soprattutto costanti) è una visione tanto onirica e surreale quanto lo è quella di un unicorno in autostrada. Giorgione neanche sa cosa sia una tabella di marcia, è più forte di lui perdersi in lungaggini di ogni genere...e penso che a suo tempo se la sia anche presa con se stesso per questo "vizietto". Ora invece si è abituato o non ci bada più di tanto: non ci pensa neanche lontanamente ad alzare i ritmi (come dico sempre, considerati il successo, l'età, gli impegni e via dicendo...è anche una cosa umanamente comprensibile, nonostante risulti odiosa a noi lettori).

A casa dello zio comanda solo l'estro creativo...che tiranno e capriccioso, ci osserva e se la ride... <_<

Sì ma quando decidi di scrivere e specialmente pubblicare un libro ( che le persone comprano...non lo leggono mica gratis... ) hai un obbligo morale a finire quello che hai iniziato, senza ammazzarsi la vita ma nemmeno senza perdere 5 anni per un libro "quasi" completo (ADWD) e chissà quanto per uno di cui dovrebbe avere le idee abbastanza chiare. .. e specialmente non andando ad ogni singolo evento in cui ti invitano...manco fosse Stan Lee...

 

Io non credo che lui avverta particolarmente questo obbligo morale. Semplicemente, come ogni scrittore, vuole terminare la sua saga...ma vuole farlo nel modo che ritiene migliore (anche a costo di impiegare molto più tempo del previsto).

Capisco e condivido il tuo punto di vista, ma cerco anche di vederla da un'altra angolazione: il nostro è il punto di vista da lettori, da fan che sono "fruitori di un servizio", e che smaniano all'idea di sapere come va avanti la storia. Per noi, abituati magari ai ritmi di altri scrittori, è assurdo che Giorgione ci metta così tanto...per lui, che invece è il "demiurgo", forse sono esattamente questi i tempi dei quali ha bisogno. Oppure si rende conto che sono ritmi lenti ma non può farci nulla...o può farci poco (tipo scegliere di non scrivere uno degli episodi della quinta stagione perchè "ha un libro da finire"). Io mi immedesimo semplicemente nella persona...e se un po' ho capito il tipo, penso che George non abbia la minima intenzione di accelerare i tempi a scapito della qualità della sua opera.

L'età - inutile dire di no - incide, gli impegni si sono triplicati rispetto ad anni fa, complice soprattutto la serie tv che ha chiaramente amplificato il successo della saga, lui si vuole anche godere il successo, la vita e la sua tranquillità...se ancora un po' glien'è rimasta.

Poi...che si perda in tante distrazioni, è altrettanto vero e di certo non starò qui a spendere parole da avvocato difensore. Non fa impazzire neanche a me l'idea di dover aspettare i secoli tra un libro ed un altro...ma tant'è.

Giorgione è fatto così: ci tiene a finire la sua storia? Sì, naturalmente, ma alle sue condizioni. Il fan spesso desidera (e a volte pretende) ritmi che invece non possono essere standardizzati, perchè dipendono da tanti fattori e variano da persona a persona. Lui stesso ha ammesso che ci sono giorni in cui scrive fiumi di pagine e altri in cui non riesce a buttar giù neanche dieci righe...e questo perchè anche l'ispirazione gioca il suo ruolo importante: se ci si mette alla scrivania senza di essa, il più delle volte ne uscirà un lavoro mediocre e sarà tutto, o quasi, da rifare.

 

Insomma, sull'impazienza sfondi una porta aperta. A me per esempio non convince neanche la scelta di dividersi in quattro per collaborare alla realizzazione di altri libri e progetti...quando forse sarebbe meglio che prima finisse ciò che ha cominciato e che chiudesse la mastodontica parentesi che è ASOIAF.

Ma questo è George...con tutti i suoi pregi e i suoi difetti.

Link to post
Share on other sites

Si ma se ci mette 5 anni a scrivere e lo fa anche male. I primi 3 libri sono stati scritti a distanza di 2 anni l'uno dall'altro e sono stati i migliori,poi invece per gli ultimi 2 libri ha impiegato un eternità facendo uno schifo quasi totale( tranne gli ultimi capitoli di ADWD). Quindi non credo che gli servano per forza tanti anni per scrivere bene. Se si impegnasse solo sui libri senza allungare il brodo a fini commerciali forse riusciamo a vedere la fine della saga.

Link to post
Share on other sites

Si ma se ci mette 5 anni a scrivere e lo fa anche male. I primi 3 libri sono stati scritti a distanza di 2 anni l'uno dall'altro e sono stati i migliori,poi invece per gli ultimi 2 libri ha impiegato un eternità facendo uno schifo quasi totale( tranne gli ultimi capitoli di ADWD). Quindi non credo che gli servano per forza tanti anni per scrivere bene. Se si impegnasse solo sui libri senza allungare il brodo a fini commerciali forse riusciamo a vedere la fine della saga.

 

Gli altri due sono in buona parte brodo allungato, è vero. Però la qualità della scrittura (dialoghi, descrizioni, profondità dei personaggi) permane, ed è soprattutto quella a prendere tempo.

Link to post
Share on other sites

 

 

Si ma se ci mette 5 anni a scrivere e lo fa anche male. I primi 3 libri sono stati scritti a distanza di 2 anni l'uno dall'altro e sono stati i migliori,poi invece per gli ultimi 2 libri ha impiegato un eternità facendo uno schifo quasi totale( tranne gli ultimi capitoli di ADWD).

Mah, io non credo che abbiano fatto tanto schifo. Certo è ovvio che la qualità della narrazione è diminuita moltissimo dal terzo libro (ma d'altronde era difficilissimo continuare sulla striscia di ASOS che ha raggiunto dei livelli talvolta fenomenali). Nel quarto e nel quinto libro si nota, secondo me, che si tratta dell'inizio di una nuova parte (si sente ancora l'influenza originale delle due diverse trilogie). Quindi è ovvio che si vada un po' lenti. Il terzo era così appassionante perché ci trovavamo nel climax della cosiddetta "prima parte". Poi negli ultimi due libri aggiungici capitoli molto più lunghi e tantissime nuove sottotrame, sembra che la qualità sia calata, ma non è per niente vero. È sempre Martin ad ottimi livelli, è sempre un fantasy di prima categoria.

 

Io sono fiducioso per TWOW. Dovrebbe essere finita la transazione, ora dovrebbe arrivare il bello e so che George non ci deluderà.

Link to post
Share on other sites

 

Si ma se ci mette 5 anni a scrivere e lo fa anche male. I primi 3 libri sono stati scritti a distanza di 2 anni l'uno dall'altro e sono stati i migliori,poi invece per gli ultimi 2 libri ha impiegato un eternità facendo uno schifo quasi totale( tranne gli ultimi capitoli di ADWD).

Mah, io non credo che abbiano fatto tanto schifo. Certo è ovvio che la qualità della narrazione è diminuita moltissimo dal terzo libro (ma d'altronde era difficilissimo continuare sulla striscia di ASOS che ha raggiunto dei livelli talvolta fenomenali). Nel quarto e nel quinto libro si nota, secondo me, che si tratta dell'inizio di una nuova parte (si sente ancora l'influenza originale delle due diverse trilogie). Quindi è ovvio che si vada un po' lenti. Il terzo era così appassionante perché ci trovavamo nel climax della cosiddetta "prima parte". Poi negli ultimi due libri aggiungici capitoli molto più lunghi e tantissime nuove sottotrame, sembra che la qualità sia calata, ma non è per niente vero. È sempre Martin ad ottimi livelli, è sempre un fantasy di prima categoria.

 

Io sono fiducioso per TWOW. Dovrebbe essere finita la transazione, ora dovrebbe arrivare il bello e so che George non ci deluderà.

 

 

La qualità onestamente mi è sembrata ottima...semplicemente, come lui stesso ha più volte detto, era intenzionato a scrivere tutto in un libro e invece in due libri ha inserito solo l'80% del totale...mancano due grandi battaglie più tutte le altre sottotrame che voleva completare...

 

Il senso che si ha è di incompiuto non di scarsa qualità...

Link to post
Share on other sites

Esatto. Gli ultimi due sono stati dichiaratamente aggiunti per riempire il buco che aveva in mente...il prossimo dovrebbe essere dove aveva pensato di continuare dopo il terzo, quindi sulla qualità degli eventi sono fiducioso....da qui a farlo e scriverlo proprio come vuole lui ce ne passa, però...

Link to post
Share on other sites

 

Si ma se ci mette 5 anni a scrivere e lo fa anche male. I primi 3 libri sono stati scritti a distanza di 2 anni l'uno dall'altro e sono stati i migliori,poi invece per gli ultimi 2 libri ha impiegato un eternità facendo uno schifo quasi totale( tranne gli ultimi capitoli di ADWD).

Mah, io non credo che abbiano fatto tanto schifo. Certo è ovvio che la qualità della narrazione è diminuita moltissimo dal terzo libro (ma d'altronde era difficilissimo continuare sulla striscia di ASOS che ha raggiunto dei livelli talvolta fenomenali). Nel quarto e nel quinto libro si nota, secondo me, che si tratta dell'inizio di una nuova parte (si sente ancora l'influenza originale delle due diverse trilogie). Quindi è ovvio che si vada un po' lenti. Il terzo era così appassionante perché ci trovavamo nel climax della cosiddetta "prima parte". Poi negli ultimi due libri aggiungici capitoli molto più lunghi e tantissime nuove sottotrame, sembra che la qualità sia calata, ma non è per niente vero. È sempre Martin ad ottimi livelli, è sempre un fantasy di prima categoria.

 

Io sono fiducioso per TWOW. Dovrebbe essere finita la transazione, ora dovrebbe arrivare il bello e so che George non ci deluderà.

 

Esatto. Gli ultimi due sono stati dichiaratamente aggiunti per riempire il buco che aveva in mente...il prossimo dovrebbe essere dove aveva pensato di continuare dopo il terzo, quindi sulla qualità degli eventi sono fiducioso....da qui a farlo e scriverlo proprio come vuole lui ce ne passa, però..

Link to post
Share on other sites

Secondo me la qualità narrativa, che poi si rispecchia nei dialoghi, nelle vidende e nella coerenza con la trama non è mai scesa. Solo che dopo il super climax del terzo libro si è tornati cronologicamente indietro ma tramite diversi personaggi, forse per questo il quarto e parte del quinto sembrano meno belli perché sappiamo già che non succederà nulla di eclatante. Ed anzi, tornare indietro nella storia e rileggerla tramite diversi personaggi deve essere una cosa abbastanza complicata per l'autore, che deve essere doppiamente attento onde evitare anacronismi o vari altri errori.

Detto questo, credo e spero che col sesto libro inizierà l'azione, anche perché già dalla fine di ADWD possiamo intuire che diversi personaggi si incontreranno, riducendo quindi i POV. Speriamo bene...

Link to post
Share on other sites

 

Si ma se ci mette 5 anni a scrivere e lo fa anche male. I primi 3 libri sono stati scritti a distanza di 2 anni l'uno dall'altro e sono stati i migliori,poi invece per gli ultimi 2 libri ha impiegato un eternità facendo uno schifo quasi totale( tranne gli ultimi capitoli di ADWD). Quindi non credo che gli servano per forza tanti anni per scrivere bene. Se si impegnasse solo sui libri senza allungare il brodo a fini commerciali forse riusciamo a vedere la fine della saga.

 

Gli altri due sono in buona parte brodo allungato, è vero. Però la qualità della scrittura (dialoghi, descrizioni, profondità dei personaggi) permane, ed è soprattutto quella a prendere tempo.

 

hai ragione la qualità della scrittura rimane, però io facevo un confronto sul progredire della storia, mi spiego meglio, ad esempio quando ho letto tempesta di spade macinavo capitoli su capitoli, colpi di scena bellissimi e storia intrigante. Invece con gli utlimi 2 ho fatto fatica a leggere, mi annoiavo per buona parte dei libri, solo i capitoli finali erano interessanti e pieni di colpi di scena

Link to post
Share on other sites

 

Si ma se ci mette 5 anni a scrivere e lo fa anche male. I primi 3 libri sono stati scritti a distanza di 2 anni l'uno dall'altro e sono stati i migliori,poi invece per gli ultimi 2 libri ha impiegato un eternità facendo uno schifo quasi totale( tranne gli ultimi capitoli di ADWD).

Mah, io non credo che abbiano fatto tanto schifo. Certo è ovvio che la qualità della narrazione è diminuita moltissimo dal terzo libro (ma d'altronde era difficilissimo continuare sulla striscia di ASOS che ha raggiunto dei livelli talvolta fenomenali). Nel quarto e nel quinto libro si nota, secondo me, che si tratta dell'inizio di una nuova parte (si sente ancora l'influenza originale delle due diverse trilogie). Quindi è ovvio che si vada un po' lenti. Il terzo era così appassionante perché ci trovavamo nel climax della cosiddetta "prima parte". Poi negli ultimi due libri aggiungici capitoli molto più lunghi e tantissime nuove sottotrame, sembra che la qualità sia calata, ma non è per niente vero. È sempre Martin ad ottimi livelli, è sempre un fantasy di prima categoria.

 

Io sono fiducioso per TWOW. Dovrebbe essere finita la transazione, ora dovrebbe arrivare il bello e so che George non ci deluderà.

 

Bè la qualità è rimasta, ma la storia non mi è piaciuta per niente, i capitoli di tyrion erano improvvisamente diventati noiosi, quelli di daenerys sembravano quelli di un adolescente dei libri di moccia, e soprattutto a cosa serviva mettere quentyn martell? . Ecco la qualità come dicevo è rimasta ma mi chiedevo se non era meglio progredire con la storia e lasciar perdere molti dei capitoli e punti di vista aggiunti, magari se avesse accorciato i due libri ci sarebbe stato spazio per aggiungere la battaglia di grande inverno e quella di meeren in ADWD

Link to post
Share on other sites

Penso che il senso di Quentyn Martell lo scopriremo nel sesto libro, o almeno spero. Mi sembra troppo strano che Martin abbia inserito un personaggio, POV per giunta, per farlo fuori subito senza una motivazione.

Probabilmente Doran sapendo che il suo secondogenito è stato fatto fuori da un drago rivedrà i suoi piani e non appoggerà Daenerys?

Link to post
Share on other sites

 

Detto questo, credo e spero che col sesto libro inizierà l'azione, anche perché già dalla fine di ADWD possiamo intuire che diversi personaggi si incontreranno, riducendo quindi i POV. Speriamo bene...

Esatto, io punto molto anche su questo fatto. Innanzitutto, AFFC e ADWD sono due libri "ponte" (non credo che ADWD sia nato con questa funzione...ma poi di fatto l'ha acquisita). Soprattutto ADWD rappresenta un libro di "preparazione" che aprirà la via ad una serie di eventi: le parentesi lasciate aperte in chiusura di libro per forza di cose dovranno portare a qualche avvenimento eclatante o comunque ad un nuovo rimescolamento delle carte in tavola. Mi aspetto che TWOW sia denso di eventi interessanti, se non ai livelli di ASOS, comunque abbastanza simile.

In secondo luogo, come dici tu, molti POV saranno eliminati, quindi la storia comincerà a scorrere in maniera più fluida ed omogenea, molti personaggi si incontreranno e le trame saranno meno "a compartimenti stagni". Questo, secondo me, è anche il bello delle Cronache: mi esalta immaginare le dinamiche nei rapporti futuri tra personaggi che non si sono mai incontrati.

Sulla qualità, anche io penso che il calo non ci sia stato. Piuttosto, è criticabile la scelta di aver gonfiato la trama fin troppo, tanto da darle a tratti un sapore annacquato. Tutto sommato, per i due libri mediani, può anche starci...basta che però gli ultimi due puntino dritti al sodo.

 

Penso che il senso di Quentyn Martell lo scopriremo nel sesto libro, o almeno spero. Mi sembra troppo strano che Martin abbia inserito un personaggio, POV per giunta, per farlo fuori subito senza una motivazione.

Probabilmente Doran sapendo che il suo secondogenito è stato fatto fuori da un drago rivedrà i suoi piani e non appoggerà Daenerys?

Non so quali potranno essere le conseguenze concrete, ma sicuramente l'interazione tra Quentyn e la regina dei draghi, e soprattutto la macabra fine di Quentyn, non è casuale (alcuni pensano che sia solo un semplice riempitivo, ma per me è chiaro che non sarebbe da Martin). Aegon in questo giocherà un ruolo centrale.

Link to post
Share on other sites

daccordissimo sui seguenti punti punti:

1)a differenza dei due precedenti libri,definiti libri ponte,twow sara denso di avvenimenti ,secondo me stiamo aspettando non invano,in quanto sara una specie di ASOS 2 la vendetta

2)hype alle stelle per possibili ,alcuni certi incontri fra personaggi

 

3)la riduzione dei pov rendera la storia piu fluida

 

4)TWOW sara un massacro di personaggi

Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

  • Upcoming Events

  • Member Statistics

    • Total Members
      5,893
    • Most Online
      1,394

    Newest Member
    Carlo67
    Joined
  • Forum Statistics

    • Total Topics
      16,153
    • Total Posts
      752,201
×
×
  • Create New...