Jump to content

M5S odissea nello spazio


Recommended Posts

non credo si possa trattare l'uscita dall'euro nel modo in cui lo ha fatto il m5s o altri partiti in giro per l'europa

non è una cosa da referendum o consultazione popolare,è piu una cosa militare,un atto di guerra in pratica,da attuare in una notte,non da far sapere alla germania mesi prima grazie a un referendum

 

Giusto , 17 agosto 1998 la Russia ha annunciato il default, il rublo è stato svalutato a meno di un terzo del suo valore nel giro di una notte, si è passato da 6 rubli per un dollaro a 21 rubli per un dollaro.

 

Le banche avevano le passività in valuta estera e la attività in rubli, molte sono fallite, i cittadini ci hanno rimesso i risparmi di una vita. Tutti quelli che avevano dei risparmi sono stati derubati, i miei genitori avevano soldi da parte per una macchina, hanno perso solo quelli e si consideravano fortunati.

 

Più del 60% del debito Italiano è detenuto dagli italiani, l'uscita dall'euro con la conseguente svalutazione è un atto di guerra contro il proprio popolo e in maniera molto minore contro la Germania.

Link to post
Share on other sites
  • Replies 406
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

scusa,ma io mica ho detto di uscire dall'euro,ho semplicemente spiegato come si uscirebbe se davvero si volesse

 

hai ragione in parte,nel senso che almeno una politica monetaria serve,la quale non dev'essere evitata o influenzata da un paese solo

si chiama abuso di posizione dominante.

 

per il resto sono favorevole all'europa,non al pangermanesimo

sono eurocritico,non euroscettico

e l'importante non è quello che pensa il fmi o bruxelles,dicevano che l'italia era in crisi,ma il popolo stava bene,ora che davvero stiamo fallendo dicono che siamo a posto,insomma io non credo che uscire dall'euro sia piu traumatico che restarci a queste condizioni

e la grecia è gia terzo mondo,per noi sarebbe diverso ,noi siamo una potenziale superpotenza,ci servono dei governanti,facciamoceli prestare dagli usa :)

Link to post
Share on other sites

L'italia stava meglio ma già si andavano delineando i problemi e si perdeva in potere d'acquisto. E non è svalutando i soldi che si risolve il problema degli stipendifici, della mancanza di competitività, della poca o nessuna intenzione di risolvere altri problemi del paese quali criminalità organizzata e non, losche connessioni tra politica e malaffare e così via.

La questione della moneta è una luce per distrarre l'attenzione dai problemi concreti.

Link to post
Share on other sites

Con l'enorme differenza che negli stati uniti quei soldi non sono finiti negli stipendifici ma in imprese concrete che hanno generato nuova ricchezza che è andata a ripianare il debito prodotto.

Da noi, e la cosa si fa ormai da decenni, il debito non serve a finanziare imprese concrete ma stipendifici e malversazione, con il risultato che invece di investire ci si mangia il futuro, alimentando i meno virtuosi invece che i meritevoli.

Link to post
Share on other sites

Con l'enorme differenza che negli stati uniti quei soldi non sono finiti negli stipendifici ma in imprese concrete che hanno generato nuova ricchezza che è andata a ripianare il debito prodotto.

Da noi, e la cosa si fa ormai da decenni, il debito non serve a finanziare imprese concrete ma stipendifici e malversazione, con il risultato che invece di investire ci si mangia il futuro, alimentando i meno virtuosi invece che i meritevoli.

si ma non è che si smette di costruire ospedali o scuole perchè c'è la probabilita che la mafia sia in mezzo all'appalto

ne il marito si evira per far dispetto alla moglie

Link to post
Share on other sites

Sono cosciente di andare OT ma devo rispondere.

scusa,ma io mica ho detto di uscire dall'euro,ho semplicemente spiegato come si uscirebbe se davvero si volesse

 

hai ragione in parte,nel senso che almeno una politica monetaria serve,la quale non dev'essere evitata o influenzata da un paese solo

si chiama abuso di posizione dominante.

 

per il resto sono favorevole all'europa,non al pangermanesimo

sono eurocritico,non euroscettico

e l'importante non è quello che pensa il fmi o bruxelles,dicevano che l'italia era in crisi,ma il popolo stava bene,ora che davvero stiamo fallendo dicono che siamo a posto,insomma io non credo che uscire dall'euro sia piu traumatico che restarci a queste condizioni

e la grecia è gia terzo mondo,per noi sarebbe diverso ,noi siamo una potenziale superpotenza,ci servono dei governanti,facciamoceli prestare dagli usa :)

L'unico che diceva che "si stava bene" era Berlusconi, l'Unione Europea, la odiatissima Merkel, e chiunque altro avesse un minimo a cuore questo continente aveva avvertito che la crisi finanziaria in America sarebbe ricaduta sull'economia reale in Europa.

Noi abbiamo preferito cullarci nelle illusioni invece che affrontare la realtà è ne abbiamo pagato le conseguenze.

L'Unione per come è ora presenta delle criticità, ma non la si può incolpare per gli errori compiuti dai governi nazionali.

Link to post
Share on other sites

Sono cosciente di andare OT ma devo rispondere.

scusa,ma io mica ho detto di uscire dall'euro,ho semplicemente spiegato come si uscirebbe se davvero si volesse

 

hai ragione in parte,nel senso che almeno una politica monetaria serve,la quale non dev'essere evitata o influenzata da un paese solo

si chiama abuso di posizione dominante.

 

per il resto sono favorevole all'europa,non al pangermanesimo

sono eurocritico,non euroscettico

e l'importante non è quello che pensa il fmi o bruxelles,dicevano che l'italia era in crisi,ma il popolo stava bene,ora che davvero stiamo fallendo dicono che siamo a posto,insomma io non credo che uscire dall'euro sia piu traumatico che restarci a queste condizioni

e la grecia è gia terzo mondo,per noi sarebbe diverso ,noi siamo una potenziale superpotenza,ci servono dei governanti,facciamoceli prestare dagli usa :)

L'unico che diceva che "si stava bene" era Berlusconi, l'Unione Europea, la odiatissima Merkel, e chiunque altro avesse un minimo a cuore questo continente aveva avvertito che la crisi finanziaria in America sarebbe ricaduta sull'economia reale in Europa.

Noi abbiamo preferito cullarci nelle illusioni invece che affrontare la realtà è ne abbiamo pagato le conseguenze.

L'Unione per come è ora presenta delle criticità, ma non la si può incolpare per gli errori compiuti dai governi nazionali.

 

a onor di cronaca si stava meglio di adesso,i ristoranti erano pieni davvero,ora sono chiusi

i conti dello stato erano in disordine,le mie tasche stavano benissimo,c'erano 3 milioni di persone che prima lavoravano e ora sono disoccupate,c'erano centinaia di migliaia di imprese che ora hanno chiuso

non è che berlusconi avesse cosi torto,ma in ogni caso ti è sembrato giusto il trattamento riservato tuttora al popolo italiano,praticamente ha ragione chi smette di pagare le tasse,chi porta i soldi all'estero ecc...

Link to post
Share on other sites

 

Sono cosciente di andare OT ma devo rispondere.

scusa,ma io mica ho detto di uscire dall'euro,ho semplicemente spiegato come si uscirebbe se davvero si volesse

 

hai ragione in parte,nel senso che almeno una politica monetaria serve,la quale non dev'essere evitata o influenzata da un paese solo

si chiama abuso di posizione dominante.

 

per il resto sono favorevole all'europa,non al pangermanesimo

sono eurocritico,non euroscettico

e l'importante non è quello che pensa il fmi o bruxelles,dicevano che l'italia era in crisi,ma il popolo stava bene,ora che davvero stiamo fallendo dicono che siamo a posto,insomma io non credo che uscire dall'euro sia piu traumatico che restarci a queste condizioni

e la grecia è gia terzo mondo,per noi sarebbe diverso ,noi siamo una potenziale superpotenza,ci servono dei governanti,facciamoceli prestare dagli usa :)

L'unico che diceva che "si stava bene" era Berlusconi, l'Unione Europea, la odiatissima Merkel, e chiunque altro avesse un minimo a cuore questo continente aveva avvertito che la crisi finanziaria in America sarebbe ricaduta sull'economia reale in Europa.

Noi abbiamo preferito cullarci nelle illusioni invece che affrontare la realtà è ne abbiamo pagato le conseguenze.

L'Unione per come è ora presenta delle criticità, ma non la si può incolpare per gli errori compiuti dai governi nazionali.

a onor di cronaca si stava meglio di adesso,i ristoranti erano pieni davvero,ora sono chiusi

i conti dello stato erano in disordine,le mie tasche stavano benissimo,c'erano 3 milioni di persone che prima lavoravano e ora sono disoccupate,c'erano centinaia di migliaia di imprese che ora hanno chiuso

non è che berlusconi avesse cosi torto,ma in ogni caso ti è sembrato giusto il trattamento riservato tuttora al popolo italiano,praticamente ha ragione chi smette di pagare le tasse,chi porta i soldi all'estero ecc...

Ascolta ma se ti dico che tra poco piove tu che fai prendi un ombrello o rimani a guardare il sole finché poi non inizia a piovere e ti bagni?

 

I ristoranti saranno anche stati pieni, ma se sai che la situazione potrebbe peggiorare, non fai nulla per limitare i danni?

Oppure ti dimetti quando tutto sta per crollare e poi addossi la colpa di tutto ad altri?

 

Questa recessione ha colpito l'Italia nei suoi punti deboli, in questi anni vediamo tutti problemi che per decenni abbiamo cercato di nascondere e l'unica colpa che ha avuto l'unità monetaria è stato di impedire alla classe politica di continuare a peggiorare la situazione.

La spending review che è stata "imposta", per quanto sia stata fatta male, è necessaria e fattibile dati gli sprechi di denaro pubblico che ci sono un questo paese.

 

Se poi invece di analizzare i fatti vogliamo fomentare l'odio, questo è un altro discorso...

 

Ora la smetto perché non voglio costringere i moderatori a leggere questi post, solo per poi farmi scrivere che sono OT.

Link to post
Share on other sites

 

Con l'enorme differenza che negli stati uniti quei soldi non sono finiti negli stipendifici ma in imprese concrete che hanno generato nuova ricchezza che è andata a ripianare il debito prodotto.

Da noi, e la cosa si fa ormai da decenni, il debito non serve a finanziare imprese concrete ma stipendifici e malversazione, con il risultato che invece di investire ci si mangia il futuro, alimentando i meno virtuosi invece che i meritevoli.

si ma non è che si smette di costruire ospedali o scuole perchè c'è la probabilita che la mafia sia in mezzo all'appalto

ne il marito si evira per far dispetto alla moglie

 

Non hai capito il discorso o forse sono stato poco chiaro io. Se oggi ho a disposizione una certa cifra e non la utilizzo per crescere domani avrò un pò di meno di quella cifra. E così via finchè non ti resta praticamente niente.

Tutto il resto, l'inflazione, i prestiti, gli aiuti etc. sono un palliativo, una presa in giro, lo specchietto per le allodole. Posso utilizzare l'inflazione, ma l'inflazione da solo serve solo a svalutare il potere d'acquisto. L'esempio lampante e la inutilmente compianta lira. 1000 lire era uno stipendio da favola. Dopo con diecimila lire ci facevi tirar avanti un ragazzino una settimana.

O fai crescere l'economia, o tutto il resto è fuffa.

Ergo, la politica dell'austerity è di sicuro antipatica e odiosa, ma gli stipendifici che abbiamo creato hanno posto le basi per disastrarci l'economia. Poi aivoglia a svalutare la moneta, semplicemente cadrà a picco il potere d'acquisto, piaccia o no.

Link to post
Share on other sites

Tornando IT a me sarebbe piaciuta da parte del M5s una proposta di riforma fiscale "vera" ( non il bonus di 80 euro al mese con cui la Picierno fa spesa 123445 giorni) ..

 

Sono consapevole che in Italia è quasi impossibile farla...ma partirei da un obiettivo ridurre l'evasione è aumentare il potere d'acquisto delle famiglie..

come si fa ??? Semplice e allo stesso tempo tremendemente difficile.. bisognerebbe aggredire il nodo centrale dell'evasione..la non emissione di fatture , scontrini ecc ecc ..per quale motivo ..il consumatore finale "subisce" tutti i rincari del prodotto dalla base fino alla vendita al dettaglio...basterebbe permettere allo stesso consumatore di scaricarsi l'iva ( o quanto meno rimborsarla in maggior quota) e allora si che il dentista ,avvocato , barista , parrucchiere , idraulico , aggiusta caldaie ( per citarne alcuni) sarebbero resi inoffensivi . Non si tratta di malcostume italico perchè è evidente che se devi spendere per dire 150 euro per una visita medica che lo Stato ti rimborsa il 19% l'anno dopo se ne paghi 110/120 subito e senza fattura hai comunque un vantaggio ( in special modo in questi periodi di vacche magrissime) . Rimborsare una parte dell' Iva "CARICATA" sul consumatore finale in tempi ragionevoli sarrebbe molto più efficace che spendere "soldi" per stipendifici o altro .

Non dico risolva la questione in maniera definitiva ma un colpo ben assestato ... anche in virtu' del fatto che nel nostro paese una politica repressiva sull'evasione modello USA ( evedi - beccato - ti riduco in mutande - galera) è impensabile .. da noi non vanno in galera manco gli assassini e stupratori seriali figurati ... certo avere in Parlamento una buona fetta di rappresentanti delle "caste" indicate non aiuta certo a smuovere le acque in quella direzione ..

Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×
×
  • Create New...