Jump to content

Gran DM Letterario di Barriera


Maya

Recommended Posts

  • Replies 2.7k
  • Created
  • Last Reply

Finalmente è arrivato il turno della mia amatissima Jane! Ma prima di votare, volevo spiegare il perchè quest'opera è così importante per me. Non vi ruberò troppo tempo, promesso, ma lasciatemi convincervi, curiosi lettori di barriera che non avete mai avuto il piacere di leggere questo capolavoro, ad avvicinarvi a questa perla rara della letteratura inglese, e magari, chi lo sa, oltre a invogliarvi a leggerla, scappi un voticino ...

 

Innanzitutto vorrei esorcizzare questo luogo comune a cui purtroppo la letteratura scritta da donne (in questo periodo storico) è sempre stata legata... eroine affascinanti e di bell'aspetto, con qualche dote particolare, fiumi di lacrime e tanto pizzo e merletto... ebbene, Jane Eyre non è niente di tutto ciò.

 

Già dalla sua prima pubblicazione nel 1847, Jane Eyre non passò innosservata. Per la prima volta questo canone femminile imposto dall'epoca viene stravolto e, la piccola Jane , priva di bellezza, di una posizione sociale agiata e molto sfortunata nella vita, colpì nei cuori dei lettori con la sua forte personalità e i suoi ferrei valori.

È così che nasce la prima eroina imperfetta della storia dalla penna di Charlotte Bronte, che non soltanto mise un'anima a quel personaggio, ma donò le sue proprie esperienze di vita per farla più vera, più vicina a noi.

 

Jane possiede una personalità diversa delle eroine vittoriane tradizionali; vuole disporre della sua vita secondo coscienza, al di là delle convinzioni. Difende la propria dignità e l'indipendenza di giudizio al pari dell'uomo e, come esso, si fa sentire in un mondo strettamente maschile. PASSIONE, INDIPENDENZA e PARITÀ INTELLETTUALE, questo suppone un fenomeno senza precedenti. Inoltre era scandaloso che una donna provasse dei desideri verso un uomo, se teniamo presente che all'epoca, la donna veniva considerata poco più di un oggetto di arredamento, un essere assessuato. Mi piace pensare che quest'opera così «sfrontata» abbia dato il suo piccolo contributo verso l'ancora lontana emancipazione dell'universo femminile. Fortunatamente per noi donne di oggi, questi diritti sembrano normali e scontati, ma in un passato non tanto lontano era quasi impensabile un atteggiamento del genere.

 

«Non sono un uccello; e non c'è rete che possa intrappolarmi: sono una creatura umana libera, con una libera volontà...»

 

Per la prima volta la donna ha una voce e la fa sentire. Non pretende nè desidera «accalappiarsi» un marito per trovare una stabilità economica, ma preferisce mantenersi con il suo proprio lavoro per non dover dipendere da nessuno.

 

«In genere si crede che le donne siano molto quiete: le donne invece provano gli stessi sentimenti degli uomini; hanno bisogno di esercitare le loro facoltà, di poter mettere a prova le loro capacità, come i loro fratelli; soffrono di troppe rigide restrizioni, di un'immobilità troppo assoluta esattamente come ne soffrirebbero gli uomini; è indice di una mentalità ristretta nei loro privilegiati compagni dire che dovrebbero limitarsi a cucinare e a fare la calza; a suonare il pianoforte e ricamare borsette. È insensato condannarle o schernirle se cercano di fare o imparare più di quanto l'abitudine abbia decretato necessario per il loro sesso...»

 

Rispetto e dignità per se stessa, che belle parole, non trovate?

 

E cosa succede con l'amore? Ho sempre pensato che questo romanzo abbia dato uno degli amori più puri e onesti di tutti quelli che ho mai letti . Due anime che si parlano, un amore che va al di là della bellezza esterna, ma è l'intelletto di lei, la sua franchezza, ciò che ha da dire, che fa innamorare il difficile Signor Rochester... lo trovo semplicemente meraviglioso. Una protagonista che senza rinunciare a se stessa e con molta dignità, riesce a trovare la sua strada e la sua ambita felicità.

 

 

Spero di non avervi annoiato con le mie parole e di essere arrivata al cuore di qualche lettore indeciso, in tal caso, buona lettura...

 

Ora sì sono pronta, il mio primo voto va all'unica e indimenticabile JANE EYRE.

Link to post
Share on other sites

Il mio primo voto va a Jane Eyre, un personaggio che ho amato tantissimo e con cui non posso non immedesimarmi.

Vi lascio con la "scena"che preferisco del libro e che forse è la mia preferita in assoluto.
Spoiler Jane Eyre

"Le dico che devo andarmene - replicai, cedendo a un impeto di passione. Crede che possa rimanere non essendo nulla, per lei? Crede che io sia un automa? Una macchina incapace di sentirne? Che possa sopportare di vedermi strappato di bocca il mio pezzetto di pane e allontani le labbra la mia goccia d'acqua vitale? Crede che perchè sono povera, oscura, brutta e piccola io non abbia nè anima nè cuore? È in errore! Io ho un'anima esattamente come lei e un cuore altrettanto ricco. E se Iddio mi avesse elargito la bellezza e la ricchezza, le avrei reso amara e difficile la separazione non meno di quanto ora lo è per me. Io non le parlo più come vogliono l'uso e le convenzioni, e nemmeno come un essere mortale; è il mio spirito che si rivolge al suo spirito, come se entrambi, dopo essere passati per la tomba, ci trovassimo ai piedi del Signore, uguali, come siamo."

 

Link to post
Share on other sites

Il mio primo voto va (ovviamente) a Jane Eyre, la mia eroina letteraria preferita, un personaggio che ammiro per il suo carattere e la sua volontà e probabilmente il primo in cui sono riuscita davvero a immedesimarmi.

Dopo le bellissime citazioni postate dalle mie colleghe Comari, ne aggiungo altre due che mi hanno colpito:

 

La vita mi sembra troppo breve per trascorrerla coltivando risentimenti e prendendo nota dei torti subiti. In questo mondo siamo tutti, e non possiamo non esserlo, carichi di colpe.

 

Le ombre non sono meno importanti della luce. E' bello sognare, ma non devo dimenticare che i miei sogni non hanno alcuna attinenza con la realtà. Io costruisco nel mio cervello castelli incantati e paradisi terrestri, ma sono perfettamente consapevole che ho un duro cammino da percorrere, e che intorno a me si addensa la tempesta!

 

Il secondo voto va a Beren, ma lo ammetto, soltanto perchè è stato sorteggiato come nostro junior :ehmmm: Altrimenti avrei senza dubbio votato il capitano Wentworth, personaggio austeniano che amo quanto (se non più di) Darcy :wub:

Link to post
Share on other sites

Chiudiamo il 12° turno, gran prova di forza delle Comari che portano avanti BEREN e JANE EYRE!

Beren				Il Silmarillion		J. R. R. Tolkien	25
Frederick Wentworth (Cap.)	Persuasione		J. Austen		2
Gimli				Il Signore degli Anelli	J. R. R. Tolkien	6
Jane Eyre			Jane Eyre		C. Brontë		20
Link to post
Share on other sites

Gran DM Letterario
I Girone di Qualificazione – Turno 13
termine: Lunedì 2 Maggio – ore 21:00


Tredicesimo turno del primo girone di qualificazione: di nuovo abbiamo quattro personaggi in corsa, ma solo due vincitori (quelli che avranno ottenuto più voti) passeranno al prossimo girone.

Da questo momento avete due giorni per votare, cioè fino alle 21:00 del giorno 2 Maggio.

Riepilogo delle regole di questo DM:
- possono votare tutti gli utenti iscritti, purché abbiano al loro attivo almeno 10 messaggi postati nell'ultimo anno ad eccezione di post di presentazione e post di voto in giochi analoghi (CDM, MDM ecc.).
- ogni utente ha in questa fase a sua disposizione 2 VOTI. Una volta postate le proprie preferenze non sarà possibile modificarle.
- in caso di parità tra due o più personaggi si procederà con il GOLDEN GOL.
ATTENZIONE: ricordate che in questo caso sarà considerato valido il primo voto a partire dal momento in cui vi daremo il via (qualunque voto postato prima sarà considerato noto e precluderà la possibilità di esprimere la propria preferenza) e che potranno votare solo coloro che non avranno già espresso preferenza per gli sfidanti del Golden Gol.

Ecco invece come dovete trattare gli SPOILER
Non vogliamo essere troppo fiscali, in quanto comunque il gioco si basa sui personaggi di cui si dovrebbe comunque già sapere molto. Tuttavia, mettiamoci una mano sulla coscienza e cerchiamo di non rovinare il libro o la saga a persone che magari non l’hanno mai letto.
Inoltre per ogni spoiler va anche specificato il libro esatto da cui proviene, soprattutto per quanto riguarda libri facente parte di saghe.

A beneficio di chi gioca a squadre vi ricordiamo i punti in palio in questo girone:
La squadra prende punti quando:
- uno dei propri personaggi passa il turno = 3 punti
+ bonus se il personaggio a passare è Junior 2 = 1 punto
+ bonus se vince il Golden Gol = 1 punti
+ bonus se il proprio personaggio passa come primo nel suo girone = 1 punto
+ bonus se passa come primo con il doppio o più punti rispetto al secondo = 2 punti (non cumulabile con il precedente)
si perdono invece punti quando:
- uno dei propri personaggi non passa il turno = -1 punto
+ malus se il personaggio è Top = -3 punti
+ malus se il personaggio è Junior 1= -3 punti

Dulcis in fundo: prendete visione degli utenti che non desiderano essere contattati per votare in questa tipologia di giochi (http://www.labarrier...showtopic=12505)

I referenti per questo gioco, come avrete capito, sono Lady Monica e Maya. In quanto gestori del giochi, vi preghiamo ugualmente di non contattarci per richiedere il nostro voto. :)

Vediamo ora i personaggi che si contendono qui due posti nel prossimo girone:

Achille (Iliade, Omero)

Benjamin Malaussène (Ciclo di Malaussène, D. Pennac)

Martin Eden (Martin Eden, J. London)

Paperon De' Paperoni (Storie Disney, AAVV)

Link to post
Share on other sites

Aggiornamento classifica: ben 8 punti a questo giro per le allegre comari, che portano il loro totale a +3.

 

Nel primo post la classifica completa.

Link to post
Share on other sites

Archived

This topic is now archived and is closed to further replies.


  • Upcoming Events

    No upcoming events found
  • Member Statistics

    • Total Members
      5,843
    • Most Online
      1,394

    Newest Member
    stregaverde
    Joined
  • Forum Statistics

    • Total Topics
      16,037
    • Total Posts
      738,494
×
×
  • Create New...