Jump to content
Viserion

Dillo con parole sue.

Recommended Posts

Salve a tutti. Leggendo caro diario e scorrendo il forum in lungo e largo, ho avuto spesso modo di vedere come ci siano perle di saggezza, umorismo e sagacia nascoste in giro. Lasciando ai vari topic la destinazione che già hanno, ho così pensato, (prendendo ispirazione da una chiacchierata in chat), di creare uno spazio apposito da dedicare a citazioni e perle di saggezza popolare. In questo topic quindi potremo indicare qualunque espressione già detta da altri che ci permetta di esprimere un nostro pensiero o uno stato d'animo. Qualsiasi citazione in lingua diversa dall'italiano (vale anche per il dialetto) dovrà essere messa anche in italiano affinché sia comprensibile ed è preferibile indicarne la fonte. ;)

Andiamo al dunque! Avevo in mente come prima citazione una di Kant, ma ci ho ripensato all'ultimo minuto e vorrei approfittare di Martin almeno in questa apertura. Tratta dal trono di Spade. 

 

Mostra che le loro parole possono ferirti, e non sarai più libero dalla derisione. Se proprio vogliono darti un nome, accettalo, fallo tuo, in modo che poi non possano mai più usarlo per farti del male.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

In realtà non fanno del male ma si qualificano molto bene per quello che sono  :lol: 

Credo che Tyrion parlando con Jon questo sottintenda 

 

Che dire:Una risata li seppellirà ...che pena però :salta: 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Comunque la mia citazione perla tradotta è 

Disse il  vermetto della pasta (pappece)  alla noce :dammi tempo che ti buco ...(ti spertoso)


Questo è un proverbio che insiste sull'importanza della tenacia: per quanto si possa essere piccoli (il piccolo animaletto della farina), se se ne ha tempo e voglia si possono raggiungere gli obiettivi che ci si pone ("spertosare" la noce, bucare la noce, che è molto più grossa del parassita della pasta o pappece).


 

Share this post


Link to post
Share on other sites

"A pensar male si fa peccato ma ci si azzecca" frase del divino Giulio Andreotti che mi piace citare spesso. :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io invece sono stata folgorata da un proverbio che ho sentito da una conoscente

"Hai voglia a mettere rum, lo str***o non diventa mai babá"

Mi fa morire! :stralol:

Esemplare per riassumere che la vera natura di una persona non si può mascherare con alcuna millanteria e/o qualche scusante. E che, in soldoni, presto o tardi viene sempre fuori per quella che è. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

La versione edulcorata è: se uno nasce tondo non può diventare quadrato ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Certo ma il precedente modo di dire è molto più di impatto direi 

Ho Trovato questa discettazione filosofica in tema 

 

Ma è proprio vero che le persone non cambiano, almeno non in
meglio? Oppure, vuoi per carità divina (ossia un miracolo) vuoi per
intervento umano (ossia nù mazziatone) vuoi per rimedi alchimistici
(...il rum!), può esistere un barlume di speranza?


Possono a riguardo individuarsi due autorevoli scuole di pensiero:
I.Teoria "Mutatis Mutandis", secondo la quale il rum avrebbe
proprietà terapeutiche-sinapsi-rigenerante-neurone-mobilitante-
elettrico-stimolante e, pertanto, è possibile che, sotto il suo
influsso, la zucca si trasformi in carrozza, il rospo in principe, ù
strunz' in babbà (...e dopo questa non mangerete più babbà...al
momento dello gnammy vi verrà sempre in mente ù strunz'!!Tiè).
II.Teoria "Vulpes pilum mutat, non mores"(traduzione: "Chi nasc'
tunno nun pò murì quatro"), elaborata dalla dottrina conservatrice,
secondo la quale è meglio che il rum se ne stia con la pera ("A lavà à
cap ù strunz' ci pierd' tiemp', Rum [o era acqua] e sapon'")...
Autorevoli personalità hanno, poi,cercato di svolgere una
tassonomia:
I)Tipologia: "Ma allor' sì strunz' ma si strunz' ò ver'!"
Si tratta, purtroppo, di una razza in rapida evoluzione e
diffusione... sono sempre più numerosi gli avvistamenti... si
definiscono come tali coloro che sono programmati per strunzeggiare:
per loro lo strunz' non è un modo di essere ma una ragione di vita.
II)Tipologia: "U' Strunz' che fà ù strunz'".
Ossia coloro che sono diventati strunz' per varie vicissitudini o
per convenienza.
III)Tipologia: "U' strunz' che è strunz'".
Ci si riferisce a coloro che pur essendo strunz' sono convinti di
essere brav' perchè song' nati scem'.
Ora, sulla base di tali premesse, si chiede alla saggezza popolare 

di risolvere il seguente dilemma badooniano: ma ù strunz'
può addiventà babba’?

da

http://it.cultura.filosofia.narkive.com/QJrME4ZJ/e-voglia-a-mettere-rum-chi-nasce-strunz-nun-po-addiventa-babba

Ecco questi sono quesiti filosofici esistenziali ...

Share this post


Link to post
Share on other sites

@ziowalter1973 per restare in tema Andreotti me ne hai fatta venire in mente una (da Il Divo) che mi trovo ad usare spesso, visto che gli ultimi decenni della nostra contemporaneità sono caratterizzati, ahimè, dalla mancanza di umorismo:

 

Guerre puniche a parte, mi hanno accusato di tutto quello che è successo in Italia. Nel corso degli anni mi hanno onorato di numerosi soprannomi: il Divo Giulio, la Prima-lettera-dell'-alfabeto, il Gobbo, la Volpe, il Moloch, la Salamandra, il Papa Nero, l'Eternità, l'Uomo-delle-tenebre, Belzebù; ma non ho mai sporto querela, per un semplice motivo, possiedo il senso dell'umorismo. Un'altra cosa possiedo: un grande archivio, visto che non ho molta fantasia, e ogni volta che parlo di questo archivio chi deve tacere, come d'incanto, inizia a tacere. 

 

Poi sì, lui aveva anche un grande archivio. Sono vantaggi. XD

Share this post


Link to post
Share on other sites

Questi archivi segreti e immensi di cui tutti parlano (non solo quello di andreotti)  hanno stufato un pò..

Share this post


Link to post
Share on other sites

Hai ragione... ma, come ci insegna Lord Varys, la conoscenza è potere. 

E del resto, come dichiarò Morgan, all'epoca nei Bluvertigo, agli Europe Mtv (o emptyV XD) awards del '98, parafrasando Dante in modo riveduto e corretto:

 

Fatti non fummo per viver come bruti, ma per conseguir virtute e conoscenza.

 

Sono saltata di palo in frasca, ma dò un high-five a chi mi batte a memoria oggi.

Spoiler

Google non vale! XD

 

Certo si può disquisire sulla virtù nel detenere un grande archivio... facciamo i positivi e vediamone la costanza! XD

Share this post


Link to post
Share on other sites

Intendevo che spesso nei giornali si parla di archivi segreti con chissà quali infomazioni esplosive solo per fare scena. Solo che poi passa un pò di tempo e nessuno dei giornalisti ha mai visto l' archivio, chi l' ha visto non ha trovato nulla e la storia finisce lì.. Molto spesso quaesti archivi segreti sono collezioni di articoli di giornale.. In questo caso si potrebbe dire: non ti curar di loro ma guarda e passa. ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 hour fa, ziowalter1973 dice:

Intendevo che spesso nei giornali si parla di archivi segreti con chissà quali infomazioni esplosive solo per fare scena. Solo che poi passa un pò di tempo e nessuno dei giornalisti ha mai visto l' archivio, chi l' ha visto non ha trovato nulla e la storia finisce lì.. Molto spesso quaesti archivi segreti sono collezioni di articoli di giornale.. In questo caso si potrebbe dire: non ti curar di loro ma guarda e passa. ;)

 

:o

Quindi a pensar male si fa peccato e non ci si azzecca neanche...? 

;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ah.. la citazione vale sempre ma il problema è avere le prove di quello che si dice o si pensa.. ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×