Jump to content
Oblivion

Robert Baratheon, il romantico.

Recommended Posts

A molti suonerà strano, ma a mio avviso il personaggio più romantico di Got, trovo sia il vecchio re ubriacone, romantico nel senso più ampio del termine.
Colui che ha iniziato una ribellione per amore di una donna e che, neanche dopo morta, l'ha mai dimenticata.

Credo che in questa scena si riassuma bene quale fosse la vera natura di Re Robert.

https://www.youtube.com/watch?v=uOdhoU-eibk

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Beh ognuno è libero di pensarla come crede ,però io penso che Robert Baratheon fosse un crapulone egoista e incapace di controllare i suoi istinti ben prima che Lyanna morisse .

Un vero romantico non sarebbe corso dietro ad ogni gonnella dei sette regni dimostrando peraltro che nulla gli importava dei sentimenti della donna ,sua proprietà ,che aveva scelto ma usandola per giunta come alibi per il suo fallimento come re, come uomo e come marito.

E ricordo che Lyanna per il suo notorio modo di fare (da p********e incallito )non lo voleva sposare.

E che dire del gusto di mortificare Cersei e Jaime ?E del suo dare fondo all’economia del reame solo per mero divertimento ?Almeno avesse fatto debiti per migliorare la condizioni di un popolo che disprezzava !

E poi quel piangersi addosso strumentale ...

Nessun romanticismo per me in un egocentrico smodato e nessun onore in chi rifugge le sue responsabilità.

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Anche su questo aspetto io ho invece una visione abbastanza diversa; penso infatti che Robert, più che di Lyanna, fosse stato, in gioventù, innamorato dell'idea di conquistare la selvaggia ed indomita, nella sua ottica, fanciulla del Nord, così diversa da tutte le altre ladies, di farla sua sposa, pur non conoscendola in pratica, ed in virtù di questa idealizzazione si è poi convinto di esserne realmente innamorato e di provare per lei autentico affetto, amore e trasporto.

Era una sorta di capriccio, come ne ebbe in futuro molti altri, e, come lo stesso Ned precisa, Lyanna avrebbe accettato con grandissima riluttanza le continue e ripetute licenze cui sappiamo essere stato avvezzo prendersi Robert dopo il matrimonio.

Insomma, per il carattere di Robert Lyanna fu di certo l'ideale dell'amore giovanile, ma difficilmente il loro matrimonio sarebbe stata un'unione duratura e proficua per i Sette Regni.

 

Lo spiega molto bene in questa scena, tra l'altro rivista e riapprezzata da poco, in cui non solo abbiamo un Robert stranamente saggio, scaltro, stratega, ma anche un assaggio del fatto che in realtà egli, prima della fine, fosse arrivato a prendere coscienza di quanto il suo amore per Lyanna altro non fosse che una colossale illusione.

Non lo ammette esplicitamente, ma..  "Com'è lei? […] "Vuoi sapere l'orribile verità? Non ricordo nemmeno che aspetto avesse, so solo che lei era l'unica cosa che avessi mai voluto…." non amato, ma voluto, desiderato, ed a mio parere questa è una sottigliezza non da poco, in un periodo in cui ancora la scrittura di D&D non faceva acqua da tutte le parti.

 

Colossale illusione che negli anni a venire ha di certo utilizzato per giustificare a se stesso tutto ciò che da questa è conseguito, non ultima l'infedeltà perpetua a Cersei, la quale sappiamo che in principio era anche sinceramente affascinata da Robert, ma che ha dovuto combattere tutta la vita con un fantasma.

Oltre naturalmente a coltivare il suo legame malato ed incestuoso con Jaime, quindi anche lei non è esente da colpe nel fallimento del loro matrimonio.

Tuttavia, i due sono più simili di quanto sarebbero mai stati Robert e Lyanna.

 

"Quale miracolo tiene insieme il tutto?"

"Il nostro matrimonio."

"Quanto a lungo l'odio può tenere insieme le cose?"

Beh, direi che anche in questo caso Robert, al netto di pregi e difetti, simpatie o meno, si conferma un signor personaggio, forse troppo a lungo banalizzato.

Quindi, per riprendere il discorso romanticismo, no, per me Robert Baratheon era un sentimentale, non un romantico.

 

 

  • Like 4

Share this post


Link to post
Share on other sites

Beh un sentimentale non ordina di uccidere  una ragazzina solo perchè poteva dare dei figli ad un buzzurro Dothraki che ,come tutta la sua gente aveva il terrore del mare

Forse trattasi di un sentimentale crudele e pragmatico?

Ma sarebbe un ossimoro anche se in quei tempi feroci di crimini se ne facevano molti!

La realtà vera è che era un militare ,amava combattere ed uccidere e poi fare bisboccia ed era pure meschino ( vedi la decisione di far uccidere Lady per non scontentare una Cersei che mortificava di fatto tutti i giorni).

Non sapeva nè poteva nè voleva fare altro.

E Lyanna lo aveva capito perfettamente e anche Ned,lui sì un sentimentale quando gli era concesso esserlo,  poi lo capisce perfettamente

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Personaggio complesso, come (quasi) tutti quelli nati dalla penna di Martin.

Avete ragione tutti: Robert era romantico e meschino contemporaneamente. E infatti in ASOIAF lo vediamo e ne sentiamo parlare da diversi POV: Ned, Davos (per bocca di Stannis), Jaime, Cersei...e ci facciamo diverse idee su di lui, spesso contrastanti.

In GOT la situazione non è molto diversa (siamo nella prima stagione, quando ancora GOT era fedele ai libri): si può simpatizzare per Robert o odiarlo, ma sicuramente non è un personaggio banale

  • Like 3

Share this post


Link to post
Share on other sites
3 minutes fa, Euron Gioiagrigia dice:

Personaggio complesso, come (quasi) tutti quelli nati dalla penna di Martin.

Avete ragione tutti: Robert era romantico e meschino contemporaneamente. E infatti in ASOIAF lo vediamo e sentiamo parlare da diversi POV: Ned, Davos (per bocca di Stannis), Jaime, Cersei...e ci facciamo diverse idee su di lui, spesso contrastanti.

In GOT la situazione non è molto diversa (siamo nella prima stagione, quando ancora GOT era fedele ai libri): si può simpatizzare per Roberto o odiarlo, ma sicuramente non è un personaggio banale


Esatto, l'una non esclude l'altra.
Non sapeva regnare, prendere decisioni, infatti ne fuggiva.
Era un guerriero che, come dicono Ser Barristan e Tywin lannister, credeva che conquistare un regno e governarlo, fosse la stessa cosa.
Ciò non toglie che nel suo personaggio, ci fosse qualcosa di romantico, e per romantico non intendo che inviasse letterine coi cuoricini, ma nelle sue motivazioni, in ciò che faceva, veniva ritenuto da tutti un puttaniere ubriacone, e lo era, ma non era soltanto quello, assolutamente.
 

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 minutes fa, Oblivion dice:

Non sapeva regnare, prendere decisioni, infatti ne fuggiva.

Ma si era fatto RE e non era adatto  : ha solo goduto in senso letterale e metaforico  dello status  di RE e si creava pure l'alibi di un amore infelice odiando Rhaegar per non odiare se stesso ....

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
3 minutes fa, Iceandfire dice:

Ma si era fatto RE e non era adatto  : ha solo goduto in senso letterale e metaforico  dello status  di RE e si creava pure l'alibi di un amore infelice odiando Rhaegar per non odiare se stesso ....

 

A me piacciono le sue motivazioni e le condivido, questo suo amore non corrisposto e la storia del finto rapimento che ha scatenato poi la ribellione lo rende romantico.
Non penso avesse mai avuto reali ambizioni da reggente, finchè non si è trovato col martello in mano ad approdo del Re, le sue motivazioni vere finirono quando sterminò i Targaryen, quel che successe dopo, quasi lo subì ed infatti lo accettò suo malgrado, continuando a vivere da anima in pena fra battute di caccia, bordelli e cene da 34 portate.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ma figurati ,ho detto nel primo post che ognuno è libero di apprezzare chi vuole, ci mancherebbe altro  :) 

Io non apprezzo Robert Baratheon ed ho spiegato perché ma so che resta un essere umano sia pure con troppi difetti il primo quello di autoassolversi chiamando in causa un amore infelice 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Penso anch'io che "romanticismo" per Robert significasse ricordare le iniziali del nome dell'ultima donna con cui era stato, o quantomeno la fisionomia.

Il Robert che vediamo nella saga è quello che è sempre stato; lui stesso dice a Ned "ti ricordi com'ero io a sedici anni? Volevo solo spaccare crani e scopare ragazze"; del resto, nei libri, esiste Mya Stone, la bastarda che Robert genera quando è protetto di Jon Arryn nella Valle, e che costituisce il motivo per il quale Lyanna inizia ad avere dei dubbi sul promesso sposo. Quindi il baldo Baratheon era, prima della Ribellione, quell'erotomane compulsivo che è stato dopo.

Che Robert amasse Lyanna, è fuori di dubbio, ma la amava di un "suo" amore, un'amore possessivo, come dice @porcelain.ivory.steel, legato più alla visione di sè come uomo forte in grado di avere qualsiasi donna desiderasse. Robert desiderava Lyanna; magari sarebbe arrivato ad amarla in seguito, se si fossero sposati, e se fosse stato in grado di accettare una moglie con una personalità più forte della sua. Ned nei libri dice a Robert che lui non aveva mai visto l'acciaio di cui era fatta Lyanna in realtà. Lyanna non era solo forte, era nobile, di una nobiltà d'animo che Robert putroppo era sprovvisto. E che sarebbe stato un notevole ostacolo tra di loro.

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per quanto riguarda il mio averlo definito, banalmente, un sentimentale intendevo fare riferimento solo ed esclusivamente al suo amore infelice/pretesto di Ribellione, non al resto delle scelte che compie, scelte che come alcuni di voi non condivido.

Lo stesso Ned si stupisce nel sentir parlare il suo amico fraterno di omicidi di giovani ragazzi tesi a preservare la propria posizione di dominio dei Sette Regni, non lo riconosce, ne prende le distanze fino a rifiutarsi di avallare questa decisione scellerata rimettendo la propria carica di Primo Cavaliere del Re.

 

Tendo però a pensare che di Robert abbiamo informazioni distorte a seconda della voce narrante di turno; questo accade, a grandi linee, con tutti i personaggi di ASOIAF, ed in particolare con quelli di cui si parla al passato.

In particolare mi riferisco, nemmeno a farlo apposta, a lui ed a Rhaegar: se ci facciamo caso, anche su Rhaegar abbiamo pareri contrastanti, chi ne parla in maniera ossequiosa tende a mettere in luce il suo eroismo, il suo coraggio, la sua condotta onorevole, il rappresentare il sovrano ideale ed illuminato, chi invece ha ragione di nutrire astio e rancore nei suoi riguardi ne parla in maniera diametralmente opposta, prendiamo il punto di vista di Robert, ad esempio.

Questo per dire che ogni personaggio, nelle opere di Martin, è sfaccettato, nessuno è monocorde, e meno male, e questo credo possa valere anche per Re Robert.

Ciò non toglie che ci siano poi dati oggettivi per cui si può concretamente parlare di lui come di un sovrano non adatto a governare, un formidabile coraggioso guerriero che ha messo in moto una ribellione nella convinzione di aver subito un'onta e di vendicarla. Ma che una volta vinta la guerra non ha saputo cosa farne del potere acquisito. 

Dire che non volesse essere re non è a mio parere del tutto esatto, non era certo un ingenuo né uno sprovveduto e sapeva benissimo a cosa andava incontro quando ha dato il via alla ribellione, né erano sprovveduti coloro, e mi riferisco in particolare a Jon Arryn, che ne erano la mente pensante alle spalle.

Lui era irruento ed ambizioso, semplicemente per indole non era portato per il governo, né per la disciplina che questo comportava. Quello che ha fatto da lì in poi è stato la causa della sua insoddisfazione: come dicevo, per me il fantasma di Lyanna è stato solo un pretesto con cui auto assolversi dinanzi ai suoi sudditi, ed a se stesso. Posto che Aerys II andava destituito ben prima che sia arrivasse a tutto ciò. 

 

Credo invece, ma non proseguo oltre per non andare OT, che potremmo avere in futuro rivelazioni su come Robert sia stato mosso da altri che erano a conoscenza di quanto ci fosse tra Lyanna e Rhaegar (che fosse amore o semplicemente la ricerca da parte di Rhaegar di compiere una profezia) ma che abbiano volutamente celato la verità per far sì che la ribellione fosse portata a termine. 

 

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Esatto, @Menevyn, hai espresso perfettamente quello che penso anche io, ma visto che non possiedo il dono della sintesi, come ormai è risaputo, ci ho messo un po' di più a dirlo. :stralol:

Anche io penso che Lyanna fosse per Robert un trofeo da conquistare, magari anzi sicuramente il più prestigioso della sua collezione, ma pur sempre un trofeo, per giunta di alto lignaggio e cuore nobile.

Penso che fosse in gioventù sinceramente persuaso di amarla, e di avere agito spinto inizialmente da questo sentimento, ma che successivamente si sia reso conto di quanto la Stark fosse totalmente distante da lui e lui del tutto inadeguato per lei.

Da qui, da questa consapevolezza, credo derivi la disillusione.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

secondo piu che il fantasma di lyanna, la consapevolezza che, in un periodo in cui, per puro sfizio o vero affetto, la desiderava ardentemente , rhaegar non l'avesse effettivamente rapita, con lei anzi che ne ha approfittato visto che aveva un'opinione molto chiara su di lui! un non ricambiare che robert poi ha scaricato su cersei!

 

 

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
29 minutes fa, porcelain.ivory.steel dice:

ma visto che non possiedo il dono della sintesi, come ormai è risaputo, ci ho messo un po' di più a dirlo

 

Mi piace leggere i tuoi post anche per quello! :glare:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×