Jump to content
Sign in to follow this  
Lady Monica

Music Challange on the Wall - seconda edizione

Recommended Posts

Giorno 10: una canzone che ti rende triste.

 

Idem come per la canzone che ti rende felice, vado di "autolesionismo" musicale a seconda del mood.....e di solito si tratta di "brandelli" di canzone, o strumentali.....i testi sono importanti, ma in genere descrivono una situazione ben precisa in cui è veramente difficile immedesimarsi, a meno che non ci si è ritrovati a vivere quella stessa esperienza o qualcosa di simile.

 

Vabbé, dai visto che bisogna scegliere, più che una canzone che mi rende triste, ne metto una che mi emoziona sempre, a prescindere dalle situazioni e dall'umore.

 

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sono rimasto indietro con la challenge, ma ci tenevo a postare due canzoni a cui tengo particolarmente:

7-      Una canzone per guidare

In generale, ritengo Images and Words, dei Dream Theater l'album ideale per macinare chilometri, giudare ore e ore, con la striscia discontinua dell'autostrada ti sfreccia accanto, alla tua destra, e alla tua sinistra. Pull me Under, testo a parte, ma come andamento ritmico e linee melodiche poi la trovo un vero e proprio inno alla guida

 

10-   Una canzone che ti rende triste

Come Darklady, tendo ad associare la musica al mio stato d'umore, e non viceversa, sará per questo, che sono più attento al mood, che non al testo e al messaggio di un brano.

Una  canzone, che mi piace ascoltare in giornate deprimenti, é sicuramente Trigger degli In Flames. Il ritornello ha una bellezza subterranea, sofferto e potente com'é.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mi sono appena fatta un bel pianto su questa canzone è nonostante il finale abbia comunque una sorta di speranza. 

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 15/10/2018 at 19:15, Lady Monica dice:

 

@silk Creep credo che sia l'unica o quasi canzone dei Radiohead che riesco a sentire.

Dai, almeno questa l'ho beccata, l'altra ti sarà stata più indigesta probabilmente... XD

 

Bellissima la scelta di @Neshira di oggi, fin da quando l'ho ascoltata la prima volta ha sempre avuto il potere di farmi venire i brividi, letteralmente, ogni singola volta.

Mi hai rubato la canzone col nome di persona però... Dovrò pensare a qualcos'altro...

 

Molto belle anche le scelte delle canzoni che trattano di alcol o droga, si potrebbe quasi fare una challenge solo su quelle. Mi sono piaciute molto le selezioni di @Lady DragonSnow e @Darklady. Poi. @Neshira con Pollon, è inarrivabile, fuori serie! XD

Questa categoria me la lascio per un altro post perché non riesco a sceglierne una sola. 

 

7-      Una canzone per guidare

Ma che bello che non posto da sola in questa categoria oggi!

Certo, la mia scelta è abbastanza diversa da quella di @Timett figlio di Timett. Ed è bello così. Con tutta questa varietà c'è un bello scambio. 

 

Scelgo una canzone dei Mercury Rev, che mi accorgo di non aver ancora mai postato (sacrilegio!). 

Molto prosaicamente, perché sentirla mentre sei in macchina e magari proprio su una highway, ti fa sentire un po' Isadora Duncan. Auspicandosi di non andare à la gloire sulla Proménade des Anglais come toccò a lei ovviamente! 

 

She's a goddess on a highway, a goddess in a car
Goddess going faster than she's ever gone before. 

 

Mi piace molto il contrasto tra l'arrangiamento strumentale spensierato e sognante e i lyrics cupi e negativi, ben evidente nel ritornello:

 

And I know it ain't gonna last
And I know it ain't gonna last
When I see your eyes arrive
They explode like two bugs on glass

 

In più, l'omonimia tra le got us iniziali e le goddess successive è una di quelle finezze che mi entusiasma molto. 

 

Ed anche questa immagine è molto suggestiva:

 

Far above the ocean, deep under the sea, 
There's a river running dry 'cause of you and me. 

 

Per non parlare del fatto che l'intero album in cui questa canzone è contenuta è un punto fondamentale della musica degli anni 90.

Curiosità: questa canzone era stata scritta quando ancora Donahue era nei Flaming Lips ed è stata poi ripescata e rilavorata a distanza di 10 anni. In pratica, abbiamo rischiato di non sentirla! 

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

11-   Una canzone che non ti stanca mai

Eh ok inevitabile ripetizione qui con il giorno 1 ... perchè il record ce l'ha Stairway to Heaven ... una volta ne ho fatto il loop per tre ore e tre quarti. E no dopo non me ne è venuta nemmeno la nausea. 

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 6/10/2018 at 16:18, Lady Monica dice:

11-   Una canzone che non ti stanca mai

Il mio software per la libreria musicale ha una funziona statistica sulle canzoni e gli artisti più riprodotti. La mia top five vede: mike oldfild, the who, pink floyd, dream theater e ludovico einaudi.. Si vede che ho le idee chiare in fatto di musica?? :D

Scelgo in any tongue di david gilmour dall' album rattle that lock.

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

11 - Una canzone che non ti stanca mai

 

E anche qui mi tocca ricorrere ai Dream Theater.. >_> OMG, sembra che io ascolti solo tre gruppi OO!

La veritá é che tutto l'album, Images and Words é senza tempo ed estremamente versatile. Per quanto complesso sia, lo si puó ascoltare durante qualsiasi momento, indipendentemente dal mood, dalla voglia di qualcosa di ritmico o di melodico, e dopo anni e anni di ascolti, rimane sempre fresco e avvincente. Saranno le caratteristiche, che fanno di un album un capolavoro?

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Giorno 11 - una canzone che non stanca mai

 

Ecco, Timett, mi hai "rubato" l'idea! Stavo per cercare sul tubo il video di Metropolis......

Bha, vabbé.....tanto sarei comunque caduta sui Dream Theater a questo punto della Challenge; sì perché se c'è una canzone che non mi stancherò mai di ascoltare, una che mi seguirà in eterno qualunque sia il mio umore ed a prescindere dal testo stesso della canzone (che di per sé è triste e suona molto come "un'elegia"), quella canzone sarà "A Change of Seasons"

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Giorno 10: una canzone che ti rende triste

 

In realtà è una canzone bellissima di Leonard Cohen che mi piace moltissimo, ma mi ricorda un'incomprensione che non ho mai risolto e che ormai non risolverò più.

Questa è la cover di Tory Kelly per il film di animazione "The Sing".

 

 

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Giorno 11 - una canzone che non stanca mai

 

Questa è sempre una delle mie prime scelte quando creo una mia playlist quindi - sì - diciamo che non mi ha ancora stancato. ;) (vi sfido ad ascoltarla senza muovere la testa e/o un piede)

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

Giorno 11 - una canzone che non stanca mai

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

8-      Una canzone che parla di Droga o Alcool

Eccoci qua alla categoria che probabilmente meriterebbe una challenge a sé stante. Non si contano i gruppi e gli artisti che hanno declinato la tematica almeno in una loro canzone. C'è addirittura chi vi ha dedicato un intero album.

Alla fine di questa ardua selezione, ero quasi arrivata ad una canzone, poi un'altra mi ha sorpreso dai meandri di altri tempi, quindi, alla fine opterò per sceglierle entrambe. Del resto hanno il fil rouge comune di citare i Velvet Underground.

 

Tristezza & Nutella returns from the ashes.

 

So 90s #1 - Elliott Smith.

Questa canzone del tormentato cantautore americano fa anche parte della OST dei Tenenbaum. Non è una novità la cura e l'intelligenza con cui Wes Anderson sceglie le track che accompagnano i suoi film. Nel film accompagna infatti una delle scene clou. Quindi è possibile che alcuni l'abbiano già ascoltata.

L'atmosfera della canzone invece è estremamente cupa, sarcastica, rassegnata, amara, tormentata, eppure allo stesso tempo delicata e leggera.

 

Gonna walk walk walk
Four more blocks plus one in my brain
Down downstairs to the man
He's gonna make it all okay
I can't be myself
I can't be myself
And I don't want to talk
I'm taking the cure so I can be quiet
Whenever I want
So leave me alone
You ought to be proud that I'm getting good marks.

 

Needle in the hay
Needle in the hay
Needle in the hay
Needle in the hay

 

 

 

So 90s #2 - Brian Jonestown Massacre

Crasi tra Brian Jones e il suicidio/omicidio di massa più imponente della storia degli US. Con loro cambiamo registro. Si passa ad un collettivo, un tessuto sonoro più composito, con evidenti radici nel passato, un'atmosfera lisergica e dilatata.  Il nichilismo pervade la canzone dall'inizio (I wonder why I bother getting out of bed) alla fine (Lie down to sleep but I might stop breathing/ My heart beats so weak I'm so scared of leaving/ I don't wanna die, I don't wanna die/ I don't wanna die, too fucking young to say goodbye). Parole cupe, claustrofobiche, ansiogene, strazianti.

 

Lying here on the floor I can't stand, I'm too weak
I don't dream anymore, there's monsters haunting my sleep
Put a lock on the door to try to keep them outside
But they're in my head I don't know where I can hide
So I'm talking to them 'cause I lost all my friends
I never get what I want so I'll get drunk again
I don't wanna feel anymore 'cause I only feel pain
Put my thoughts in the sink and watch them go down the drain.

 

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...