Jump to content
Lord Beric

Epidemia di Coronavirus

Recommended Posts

5 hours fa, Lyra Stark dice:

Tipo da noi hanno chiuso le università la settimana prossima e stiamo attendendo di capire per le scuole... come dicevo un po' di tempo fa basta una banalità per scatenare un casino. E come volevasi dimostrare noi italiani siamo stati i soliti pasticcioni. 


Eccome!

Intanto, primo caso anche qui in Piemonte, a Torino. E sì, le università di Torino vorrei tanto che le chiudessero: perchè qui, nella mia zona come in tute le altre alla periferia delle regione, è una continua spola di studenti verso e da Torino.


Intanto, poco fa, vergognoso Tg3 regionale: in apertura, un servizio sottotono sulla notizia, in cui il giornalista ha detto più volte che "il ricoverato ha poche linee di febbre e sta bene": ma se il tampone lo fanno soltanto a chi ha avuto contatti a rischio (e costui non ne ha avuti, nè è mai stato in Cina) oppure sta chiaramente male! Se ha avuto questa diagnosi, è chiaro che non sta bene!
Subito dopo, intervista ad un primario, già di per se' molto pacato e portato a minimizzare. Ma il gravissimo è che c'è stato un evidentissimo taglio di montaggio, subito dopo una frase in cui aveva iniziato a parlare di "possibili nessi causali" (nel contagio, immagino: ma non lo sapremo mai, perchè la frase è stata tagliata sul nascere. Non avevano potuto eliminare anche quel pezzo soltanto perchè, nella costruzione del periodo, era strettamente connesso al discorso precedente).

 

Dopodichè, niente: lunghissimo, importantissimo (!) servizio sul carnevale di Santhià (!!) e un altro sulla partita di calcio di domani.

Va bene non fare allarmismi eccessivi, ma il problema esiste, ed è grave: nasconderlo in questo modo, da parte di una tv di stato, è semplicemente vergognoso (sarà un caso che la sindaca di Torino, dove si trova la sede RAI, è dello stesso partito di chi non ha voluto le quarantene per i provenienti dalla Cina e quindi può aver avuto un ruolo non secondario in ciò che sta accadendo?)
Fatte le debite proporzioni, ho pensato all' "informazione" statale in URSS ai tempi di Chernobyl: musica classica, rassicurazioni, e l'unico politico che aveva osato parlare della gravità del caso interrotto (avevano proprio interrotto la trasmissione, come per un guasto tecnico) e da allora misteriosamente sparito dalla scena pubblica.

Dopodichè, visto tg su la7: sembrava parlare di un' altra nazione, di un altro mondo. Paesi, nel lodigiano, intaramente in quarantena; paura; pressanti richieste di interventi statali adeguati, tra cui l'ovvia e quasi indolore soppressione di inutili adunate di folla quali carnevali e simili. E la notizia che in Italia ci sono già stati due decessi, su appena una cinquantina di casi (uno dei morti, a Venezia, è un anziano verosimilmente contagiato nel bar in cui andava a giocare a carte). Da ciò si evinceva chiaramente che stiamo parlando di una malattia molto infettiva, con una mortalità, relativamente al nostro secolo e la nostra società, altissima. Ma quella raccontata dal tg3 RAI sembrava poco più che una brutta influenza.

Aggiungo una cosa: i pronto soccorsi, già sotto organico, sono sull'orlo del collasso, per allarmi veri o spesso fasulli, ma comprensibilissimi. Quale sarebbe la misura più ovvia, in un caso del genere? Rinforzare gli organici. Per esempio assumendo, per ora anche soltanto per un mese, i tanti medici precari che vivacchiano sostituendo, occasionalmente, i medici di base.
Il Governo lo ha fatto? No.
Esattamente come non ha applicato, un mese fa, un'altra procedura altrettanto ovvia: cedere la parola a qualche eminente virologo (vedi Burioni) e seguire le sue indicazioni. Ma siamo in Italia: un Paese dove fare politica ad alto livello significa al 99% fare demagogia e parlarsi addosso. Peccato che con la demagogia e le parole si accalappino, semmai, gli elettori; ma che i virus -realtà oggettive e che seguono precise leggi scientifiche- di parole, rassicurazioni alla membro di bracco, ottimismo stellonico e buonismi vari, se ne facciano un immensissimo baffo.
(Però Conte ieri assicurava che "siamo al livello di allerta massimo". Fantastico, davvero. Mi avrebbe rassicurata di più se avesse detto che questo è il livello medio-basso, o basso tout court, e che del problema se ne stanno fregando in allegria: perchè se questo è il massimo di cui i nostri governanti sono capaci, siamo messi proprio male).
 

EDIT ho la tv accesa in un'altra stanza. Sentito ora, in un tg-flash, che siamo il Paese europeo con più contagi. E siamo riusciti a diventarlo in pochi giorni. Complimenti, davvero.

P.s. Io stessa lavoro negli stessi locali in cui si trovano due cinesi che sono rientrati dalla Cina, ove avevano trascorso un mese per il capodanno cinese, tre settimane fa ed il giorno dopo erano già tranquillamente reinseriti in una collettività di 1000 persone che passano 6 ore al giorno, a volte di più, in spazi chiusi, scarsamente arieggiati e con bagni in comune. E ho condiviso con vari colleghi, in quei giorni, la convinzione che il governo ci stesse mandando completamente allo sbaraglio. Noi adulti e i 900 adolescenti di cui noi dovremmo essere responsabili, quando siamo i primi a non essere tutelati (un allievo, mal che vada, può decidere di non andare a scuola. Un docente, no)

Share this post


Link to post
Share on other sites
10 hours fa, Stella di Valyria dice:

E la notizia che in Italia ci sono già stati due decessi, su appena una cinquantina di casi (uno dei morti, a Venezia, è un anziano verosimilmente contagiato nel bar in cui andava a giocare a carte). Da ciò si evinceva chiaramente che stiamo parlando di una malattia molto infettiva, con una mortalità, relativamente al nostro secolo e la nostra società, altissima.

 

WHAT?

 

La mortalità del virus è la seguente:

 

dqwaoKJ.jpg

 

(fonte, fonte)

 

Vuol dire che la malattia non ha affatto una "mortalità altissima", anzi l'esatto contrario: il tasso di mortalità è rilevante solo per ottuagenari e simili, come appunto il caso dei due decessi avvenuti finora, per altro in un caso con una storia clinica pregressa di complicazioni respiratorie. Per tutte le altre fasce d'età il tasso di mortalità è inesistente.

 

 

Cita

Aggiungo una cosa: i pronto soccorsi, già sotto organico, sono sull'orlo del collasso, per allarmi veri o spesso fasulli, ma comprensibilissimi. Quale sarebbe la misura più ovvia, in un caso del genere? Rinforzare gli organici. Per esempio assumendo, per ora anche soltanto per un mese, i tanti medici precari che vivacchiano sostituendo, occasionalmente, i medici di base.
Il Governo lo ha fatto? No.
Esattamente come non ha applicato, un mese fa, un'altra procedura altrettanto ovvia: cedere la parola a qualche eminente virologo (vedi Burioni) e seguire le sue indicazioni. Ma siamo in Italia: un Paese dove fare politica ad alto livello significa al 99% fare demagogia e parlarsi addosso. Peccato che con la demagogia e le parole si accalappino, semmai, gli elettori; ma che i virus -realtà oggettive e che seguono precise leggi scientifiche- di parole, rassicurazioni alla membro di bracco, ottimismo stellonico e buonismi vari, se ne facciano un immensissimo baffo.

 

A me sembra più demagogico dire "mettiamo i virologi a capo di tutto" o "assumiamo più medici". Somiglia tanto a "se non ci sono soldi, stampiamone di più".

 

Cita

Intanto, poco fa, vergognoso Tg3 regionale: in apertura, un servizio sottotono sulla notizia, in cui il giornalista ha detto più volte che "il ricoverato ha poche linee di febbre e sta bene": ma se il tampone lo fanno soltanto a chi ha avuto contatti a rischio (e costui non ne ha avuti, nè è mai stato in Cina) oppure sta chiaramente male! Se ha avuto questa diagnosi, è chiaro che non sta bene!
Subito dopo, intervista ad un primario, già di per se' molto pacato e portato a minimizzare. Ma il gravissimo è che c'è stato un evidentissimo taglio di montaggio, subito dopo una frase in cui aveva iniziato a parlare di "possibili nessi causali" (nel contagio, immagino: ma non lo sapremo mai, perchè la frase è stata tagliata sul nascere. Non avevano potuto eliminare anche quel pezzo soltanto perchè, nella costruzione del periodo, era strettamente connesso al discorso precedente).

 

Dopodichè, niente: lunghissimo, importantissimo (!) servizio sul carnevale di Santhià (!!) e un altro sulla partita di calcio di domani.

Va bene non fare allarmismi eccessivi, ma il problema esiste, ed è grave: nasconderlo in questo modo, da parte di una tv di stato, è semplicemente vergognoso (sarà un caso che la sindaca di Torino, dove si trova la sede RAI, è dello stesso partito di chi non ha voluto le quarantene per i provenienti dalla Cina e quindi può aver avuto un ruolo non secondario in ciò che sta accadendo?)
Fatte le debite proporzioni, ho pensato all' "informazione" statale in URSS ai tempi di Chernobyl: musica classica, rassicurazioni, e l'unico politico che aveva osato parlare della gravità del caso interrotto (avevano proprio interrotto la trasmissione, come per un guasto tecnico) e da allora misteriosamente sparito dalla scena pubblica.

 

Quindi, per capire....il problema sarebbe che i quotidiani e tg non fanno abbastanza allarmismo? Sul serio?

Posso ricordarti che siamo il paese in cui (da settimane, non da ieri) si sta utilizzando un ridicolo linguaggio da guerra ("caccia al paziente zero", "la pista", "il fronte", "il coprifuoco", "la trincea")? In cui si fanno arditi paragoni col tasso di contagiati di altri paesi, pur essendo questo un dato assolutamente relativo, visto che dipende dal numero di tamponi effettuati, che non procede in maniera omogenea e quindi non si conoscono i dati in proporzione? O che si è scritto che l'anziana signora fosse morta di coronavirus ancor prima che uscissero i risultati dei tamponi (poi risultati positivi) e nonostante i medici avessero subito specificato che non si era certi che il virus fosse la causa della morte poichè la signora (proprio come l'altro pensionato morto) soffriva già in precedenza di una forma di polmonite?

 

Certo, se il parametro di riferimento sono i giornali fasciotrash alla Libero, che titolano robe tipo "PROVE TECNICHE DI STRAGE", allora magari si, gli altri sono "troppo tranquilli".

Share this post


Link to post
Share on other sites

Giusto per divagare, esiste una teoria "ufficiale" su come si sia originato il virus?

 

Cita

i giornali fasciotrash alla Libero

 

Io avrei detto solo trash, ma tant'è...

Share this post


Link to post
Share on other sites
8 hours fa, joramun dice:

Vuol dire che la malattia non ha affatto una "mortalità altissima", anzi l'esatto contrario: il tasso di mortalità è rilevante solo per ottuagenari e simili, come appunto il caso dei due decessi avvenuti finora, per altro in un caso con una storia clinica pregressa di complicazioni respiratorie. Per tutte le altre fasce d'età il tasso di mortalità è inesistente.

 

A sentire te allora verrebbe da chiedersi come mai in tutto il mondo si sia così preoccupati. :unsure:

Tra l'altro un'altra situazione da tenere in considerazione è il nuovo rischio a cui si espongono coloro che per motivi vari (tra cui cure chemioterapiche che purtroppo non sono i soliti 2 casi) hanno sistemi immunitari compromessi. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
%d/%m/%Y %i:%s, Euron Gioiagrigia dice:

Giusto per divagare, esiste una teoria "ufficiale" su come si sia originato il virus?

Non si parlava di virus trasmesso da un serpente o una cosa del genere? 

Io ero rimasta a quella e in effetti i rettili sono portatori di numerose malattie. Che poi le più strane si siano originate sempre in Cina negli ultimi anni è qualcosa che sarebbe interessante capire.

 

Ah gira anche la teoria che sia stata la CIA per indebolire la Cina.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Certo che è un Paese strano il nostro! Se ci attiviamo massicciamente per scovare il maggior numero possibile di contagiati asintomatici, malati ecc. (che evidentemente non sono diventati tali nelle ultime 48 ore), non ci rallegriamo per il fatto di mettere in campo un sforzo diagnostico maggiore di altri Paesi. Guardiamo la cifra e pensiamo piuttosto di essere stati i peggiori a contenere il contagio. :huh:

 

Quindi i 9 contagiati in UK o i 16 in Germania sono tutti eremiti senza una vita sociale analoga a quella dei contagiati di Codogno. E per di più in questi Paesi hanno solo pochi casi evidenti e nessun asintomatico. Inoltre se in Africa non risultano pressoché contagiati non è perché non sanno o non hanno i mezzi per diagnosticarli o perché - ancora più triste - non interessa a nessuno farlo, ma solo perché sono più bravi di noi a contenere un’epidemia. 
 

A me non convince molto come scenario. :ehmmm:

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

@joramun, non perderò tempo a risponderti. Dico solo che ti ringrazio per averci fornito l' esempio lampante del peggiore comportamento italiano. Travisi di propisito (assumere più medici sarebbe come stampare più soldi? Ma cosa c' entra???) polemizzi con tutti, cerchi di trasformare un confronto pacato e civile in rissa.

Ripeto: grazie per averci fornito un esempio del comportamento sterile, polemico e parolaio che stigmatizzavo giorno fa (in un post che, anche allora, attaccasti immediatamente).

Spero che i moderatori intervengano 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Noto ora che, nel finale, joramun mi ha dato non solo della lettrice di materiale trash (tesoro, sono laureata con lode in una materia scientifica, quindi le mie letture sono altre), ma pure, indirettamente, della fascista. Chiedo l' intervento di un moderatore, grazie.

Scusate la penosa parentesi, ma ogni tanto salta fuori il flamer di turno. (Che mi aveva pure attaccata quando avevo scritto che in Italia vige la triste abitudine di, anziché agire, discutere, attaccare e polemizzare. Senza rendersi conto che stava proprio confermando la mia tesi, dandone un esempio concreto) 

Share this post


Link to post
Share on other sites
17 minutes fa, Maya dice:

Certo che è un Paese strano il nostro! Se ci attiviamo massicciamente per scovare il maggior numero possibile di contagiati asintomatici, malati ecc. (che evidentemente non sono diventati tali nelle ultime 48 ore), non ci rallegriamo per il fatto di mettere in campo un sforzo diagnostico maggiore di altri Paesi. Guardiamo la cifra e pensiamo piuttosto di essere stati i peggiori a contenere il contagio. 

Dato che tutto ciò è avvenuto conseguentemente ad un dilagare incontrollato con tanto di vertici straordinari (cosa che mi fa sospettare che la cosa abbia un po' preso tutti in contropiede) e senza che finora non si sia capito bene per quali vie personalmente direi che qualche motivo fondato c'è.

Che poi senza paventare scenari da ecatombe mondiale, anche solo il blocco quarantenale creerebbe i suoi bei problemi. 

 

Aggiornamento: 2 casi a Venezia centro storico. 

 

Ps. Stella quello lo dà sempre a tutti, non ti preoccupare.  :ehmmm:

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 hours fa, Euron Gioiagrigia dice:

Giusto per divagare, esiste una teoria "ufficiale" su come si sia originato il virus?

 

 

Io avrei detto solo trash, ma tant'è...

Grazie per il buonsenso.

Che io sappia, mutazione del virus (sono organismi così semplici che ripriducendosi spesso " sbagliano" qualcosa) che é diventato un grado di attaccare gli esseri umani (prima colpiva solo gli animali). Dopodiché, secondo Burioni yna possibilità realistica é che il passaggio sia avvenuto in uno degli immensi mercati cinesi di animali, dalla grande promiscuità e, penso, regole igieniche inesistenti ("wet market", o qualcosa del genere, in cui gli animali vengono portati vivi e uccisi man mano sul posto. Con - questa é una mia deduzione, nata anche dalla denominazione- spargimento di sangue, escrementi, liquidi organici cari. In mezzo alle persone ed un totale promiscuità). 

Share this post


Link to post
Share on other sites
9 hours fa, joramun dice:

 

WHAT?

 

La mortalità del virus è la seguente:

 

 

Vuol dire che la malattia non ha affatto una "mortalità altissima", anzi l'esatto contrario: il tasso di mortalità è rilevante solo per ottuagenari e simili, come appunto il caso dei due decessi avvenuti finora, per altro in un caso con una storia clinica pregressa di complicazioni respiratorie. Per tutte le altre fasce d'età il tasso di mortalità è inesistente.

 

 

 

Conosco da giorni quelle statistiche.

Dire che il tasso di mortalità sia inesistente è sbagliato. I cinesi riferiscono un tasso di mortalità medio del 2/3%, (superiore in alcune zone), ma anche fosse soltanto il 2%, sarebbe 20 volte più mortale dell'influenza classica (mortalità media 0,1%).

 

Poi c'è una ripartizione tra fasce d'età. Gli anziani (tra cui tanti nostri genitori e nonni) sono ad alto rischio, perchè 8% per dei settantenni è molto alta.

Ma anche dove è bassa, bisogna considerare la questione di grandi numeri.

 

Riporto dei dati sull'influenza comune: Globalmente, ogni anno, il virus influenzale colpisce tra il 5 e il 15% della popolazione adulta (vale a dire da 350 milioni a 1 miliardo di persone), un’incidenza che sale al 20-30% nei bambini.

Rimaniamo soltanto all'Italia, e supponiamo si ammalasse il 10% della popolazione: 6 milioni. Con un tasso di mortalità del 2,5%, sono 150mila morti (con migliaia di "non anziani").

Per non parlare del caos negli ospedali, delle terribili conseguenze per l'economia, e tutto quello che puoi immaginare.

 

Questo è ovviamente lo scenario peggiore, ma è quello che si deve tenere il più lontano possibile. La situazione è ben lontana dall'essere da panico, ma se non agisci, non circoscrivi, e perdi il controllo, il coronavirus segue la strada dell'influenza, e non è per niente una cosa buona.

I cinesi non murerebbero la gente a casa (ci sono foto e video che dimostrano lo stanno facendo) se il tasso di mortalità fosse inesistente per i non ottuagenari.

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

A ciò si aggiunge che almeno qui da noi i numeri dei contagiati variano di ora in ora e finora non si sa ancora come si sia diffuso il contagio. Anche se ormai direi che è superfluo.

 

Ad ogni modo la cosa che mi tranquillizza è che sono certa che quelli che adesso sono ottimisti e/o entusiasti delle misure adottate finora saranno i primi a fare la fila per fare i volontari dovesse rendersi necessario.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il problema è che 80% dei casi danno sintomi lievi, quindi rimangono sotto traccia.

Al momento, potrebbero già esserci dei casi anche nel centro e sud Italia, ma finchè non capita il caso grave, con qualcuno che finisce all'ospedale, nessuno se ne accorge, e nel frattempo le persone infette ne contagiano altre.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Un'altra questione importante è che non si tratta soltanto di un problema nazionale.

Per esempio, se dall'Italia il virus si propaga in altre nazioni europee, anche se qui lo circoscrivi, poi quelle nazioni te lo riporteranno prima o poi.

Più si espande nel mondo, più è difficile controllarlo. 

E non è detto che anche adesso ci siano focolai "dormienti", in Europa e nel mondo, che scoppieranno improvvisamente, come l'Italia. Oltre a nazioni "sospette", come l'Iran, dove i dati potrebbero essere già ben peggiori di quanto ufficialmente riportati.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Joramun parla di tasso di mortalità "inesistente per i non anziani".

A parte che non esistiamo solo noi e gli anziani sono esseri umani (non sono anziana, ma mia madre síí e ci tengo che viva il più a lungo possibile), ma se in Cina é morto pure il medico che aveva lanciato il primo allarme, e che aveva intorno ai 30 anni! In Cina sono morto medici giovanissimi!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×
×
  • Create New...