Jump to content

La politica del Bel Paese


Recommended Posts

Corretto.

Oltretutto purtroppo per i Fattistiquotidiani la questione non cambia il fatto che sarà proprio Renzi a essere determinante per la scelta del capo dello stato. E già mi immagino quei famosi franchi tiratori PD che si mangiano le mani.

1 ora fa, Metamorfo ha scritto:

punto è la falsità e l'ipocrisia delle sue affermazioni, non che guadagni tantissimo.

Se dici che in politica non si fanno i soldi, che un conto corrente da politico deve essere da 15mila euro e se hai di più c'è qualcosa che non va...e poi invece esce fuori che nel conto corrente ha quasi 200 volte quella cifra...

E i soldi gli entrano perchè è stato ed è un politico rilevante in Italia: per esempio, non gli fanno fare conferenze internazionali strapagate per il suo perfetto inglese.

Mah suona anche questo come mal di pancia. Nessuno pensa che i politici tutti abbiano un conto in banca da 15.000, non ce l'ho manco io :ehmmm:

Quindi se c'è chi crede alle favole (penso che nessuno qui abbia creduto a quelle affermazioni) è terreno fertile per i Cinquestelle.

Oltretutto sono abbastanza convinta che pure se facesse le conferenze in Italia ci sarebbe chi avrebbe da ridire. 

Quindi se vogliamo discutere della linea politica di Renzi va bene, ma questo continuo attaccare le persone in quanto tali, così caro a Travaglio, Scanzi e compagnia, e sottolineo questo non è giornalismo è infamia da leoni da tastiera, non mi sembra produttivo.

Link to post
Share on other sites
  • Replies 1.2k
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

3 ore fa, Metamorfo ha scritto:

Se dici che in politica non si fanno i soldi

 

Ahahahha, se non si facessero i soldi non saremmo perennemente in campagna elettorale. Menzognero Renzi a dichiararlo e ingenuo il lettore/spettatore a crederlo. 

 

La maggior parte della stampa italiana credo che con la pandemia abbia raggiunto bassezze da clickbait davvero inconcepibili. 

 

 

Link to post
Share on other sites

Comunque sulla questione credo abbia ragione megadrive. Renzi potrebbe essere stato non etico nel percepire i suoi guadagni, ma bisognerebbe capire che se ha effettivamente trasgredito la legge, e nel frattempo il Fatto ha fatto qualcosa che credo sia ai confini della decenza, perché anche se c'è un'inchiesta in corso il buon senso dovrebbe dirti che non si spifferano al pubblico informazioni private di un cittadino.

Link to post
Share on other sites

Scusate ma il fatto che un esponente di spicco del nostro panorama politico (talmente di spicco che, come suggeriva qualcuno, potrebbe giocare un ruolo importante nella scelta del futuro Presidente della Repubblica) abbia dei contatti cosi stretti con un regime di assassini non è solo una questione etica. Ma proprio no.

 

 

@Mar

 

Cita

Resta il fatto che il Presidente della Repubblica, da noi e non solo, ha il potere che ha. Può fare il giusto, cioè davvero davvero poco. Il mito di Capo dello Stato dominus che fa e disfa, appartiene alla mitologia politica appunto.

 

Veramente è più un mito quello che vuole il PdR come mero taglianastri. Il PdR è garante della Costituzione, e può rigettare dei provvedimenti che ritiene non costituzionali. È capo delle forze armate ed ha l'ultima parola sul fatto che si vada in guerra oppure no. Soprattutto, nomina una parte dei giudici della Corte Costituzionale, e quindi gioca un ruolo determinante nel fungere da contrappeso politico (e per rendersene conto basterebbe immaginare una consulta formata da giudici nominati in parte da un parlamento a maggioranza salvin-meloniana e in parte da un Berlusca PdR...lo cito io Cuore di Tenebra o lo fai tu?)

 

Cita

Quanto a Draghi, Draghi è (regolarmente, legalmente, come Costituzione comanda) Presidente del Consiglio. Capo del Governo. Letteralmente il vertice della politica italiana.

 

Certo. Dov'è che avrei avanzato dubbi sulla regolarità della carica ricoperta da Draghi?

 

Cita

Al 'lo si ritenga', si è già in pieno platonismo.

 

Quello che tu chiami "platonismo" non è altro che una semplice riflessione sul fatto che ciclicamente in Italia cadiamo nell'inganno dei "tecnici superpartes" che arrivano a fare le cose "giuste" in quanto "nè di destra nè di sinistra, ma soltanto utili al paese". Questa cosa è una fregnaccia che non esiste.

 

"Non esiste un punto di vista neutro, oggettivo, equidistante, disinteressato, universale, «neutro» in quanto rappresentativo di una totalità indifferenziata (che sia la nazione o altro)e al di sopra degli interessi e delle fazioni  – neanche nelle questioni della cultura e dell’arte. Chi parla lo fa sempre da un luogo preciso, da un corpo preciso, da un nodo della storia, da un insieme di interessi di cui è portatore, dall’interno di una classe sociale, di un sesso o di un genere. Il discorso è sempre un discorso storicamente e socialmente determinato. E sta all’analisi critica smascherare il falso universalismo di cui – a volte – i discorsi si ammantano e si travestono, per portare sotto gli occhi di tutti “di che lacrime grondi e di che sangue” anche la più innocente apologia dell’esistente." [Antonio Caronia]

 

 

Link to post
Share on other sites
23 minuti fa, joramun ha scritto:

Scusate ma il fatto che un esponente di spicco del nostro panorama politico (talmente di spicco che, come suggeriva qualcuno, potrebbe giocare un ruolo importante nella scelta del futuro Presidente della Repubblica) abbia dei contatti cosi stretti con un regime di assassini non è solo una questione etica. Ma proprio no.

 

Allora deve essere la magistratura a stabilire le irregolarità, non l'ultimo dei giornali.

 

23 minuti fa, joramun ha scritto:

"Non esiste un punto di vista neutro, oggettivo, equidistante, disinteressato, universale, «neutro» in quanto rappresentativo di una totalità indifferenziata (che sia la nazione o altro)e al di sopra degli interessi e delle fazioni  – neanche nelle questioni della cultura e dell’arte. Chi parla lo fa sempre da un luogo preciso, da un corpo preciso, da un nodo della storia, da un insieme di interessi di cui è portatore, dall’interno di una classe sociale, di un sesso o di un genere. Il discorso è sempre un discorso storicamente e socialmente determinato. E sta all’analisi critica smascherare il falso universalismo di cui – a volte – i discorsi si ammantano e si travestono, per portare sotto gli occhi di tutti “di che lacrime grondi e di che sangue” anche la più innocente apologia dell’esistente." [Antonio Caronia]

 

L'hai già condiviso in passato, ma non riesco ancora a convincermi che sia vero, anche perché lo stesso Caronia era politicamente schierato (e guarda caso, schierato dalla tua stessa parte politica). Anzi, oserei dire che lo stesso punto di vista di Caronia riflette la sua stessa parzialità, quindi non può essere considerato affidabile a priori.

Link to post
Share on other sites
19 minuti fa, Euron Gioiagrigia ha scritto:

Allora deve essere la magistratura a stabilire le irregolarità, non l'ultimo dei giornali.

 

Il punto è che il problema non è nemmeno legale. Anche dovesse risultare che si tratta di finanziamenti assolutamente leciti, resta il dato, ed è un dato non etico o giudiziario ma politico, che un importante esponente del parlamento italiano riceve soldi da un paese straniero, un paese che loda in ogni occasione possibile nonostante sia un regime dittatoriale ed omicida.

Link to post
Share on other sites
1 ora fa, Euron Gioiagrigia ha scritto:

 

Allora deve essere la magistratura a stabilire le irregolarità, non l'ultimo dei giornali.

 

 

 

Come dice Jaramun, non è un reato se un politico italiano prende soldi da un governo estero per delle prestazioni.

Si pone però un problema politico, perchè si crea una relazione di tipo personale-finanziaria tra quel politico e lo Stato estero, che lo rende potenzialmente imparziale.

 

Altra situazione che riguarda Renzi: tramite l'Associazione Spadolini, ha preso soldi per un'altra conferenza, organizzata da Altran, un'azienda francese che si occupa di settori strategici, e che è considerata rivale di gruppi strategici italiani come Next.

Anche questo potrebbe essere considerato un comportamento potenzialmente inopportuno (e potenzialmente una informazione di pubblica utilità)

 

Senza parlare di Renzi nello specifico, mi sembra importante considerare da dove arrivino le entrate dei politici, non soltanto per scovare illeciti, ma anche per controllare che non si creino situazioni ambigue, con possibili favori di varia natura verso governi o aziende straniere dovuti a legami personali e finanziari.

Link to post
Share on other sites
6 ore fa, joramun ha scritto:

Scusate ma il fatto che un esponente di spicco del nostro panorama politico (talmente di spicco che, come suggeriva qualcuno, potrebbe giocare un ruolo importante nella scelta del futuro Presidente della Repubblica) abbia dei contatti cosi stretti con un regime di assassini non è solo una questione etica. Ma proprio no.

 


Vero. Questo è forse l'unico motivo per cui violerei la mia regola dell'autoresponsabilità (vedi sotto), in questo caso con riferimento alle elezioni nel 2023 (Italia, hai votato questi? e questi ti tieni per tutto il tempo dovuto, non ti piace? allora fai per bene, e cambia le cose formalmente). Che ci si tolga davanti Renzi e i renziani, che si punisca lui per il suo comportamento e che si tolga a tutti gli altri la scusante di questo grilletto sparlante che riesce a far ballare tutti al suono del suo pifferino.

 

 

6 ore fa, joramun ha scritto:

Veramente è più un mito quello che vuole il PdR come mero taglianastri. Il PdR è garante della Costituzione, e può rigettare dei provvedimenti che ritiene non costituzionali. È capo delle forze armate ed ha l'ultima parola sul fatto che si vada in guerra oppure no. Soprattutto, nomina una parte dei giudici della Corte Costituzionale, e quindi gioca un ruolo determinante nel fungere da contrappeso politico (e per rendersene conto basterebbe immaginare una consulta formata da giudici nominati in parte da un parlamento a maggioranza salvin-meloniana e in parte da un Berlusca PdR...lo cito io Cuore di Tenebra o lo fai tu?)

 

Mica ho detto che è un mero taglianastri, è una figura importante, soprattutto in tempi di crisi e sbandamenti ideologici. Per dire, sono fiero di Mattarella, lo adoro, ho il massimo rispetto. Ma ogni suo potere (e ciò vale comunque per ogni Potere dello Stato, anche per quelli meno cerimoniali e super partes) è predeterminato e bilanciato, in una logica di costante dialettica con gli altri, dall'ordinamento italiano, come da quello europeo e internazionale. PdR Malvagio per esempio, non potrebbe mica rigettare provvedimenti che ritiene incostituzionali, se tali non sono, e comunque non all'infinito, se il Parlamento continua ad approvarli e se la Corte non li ghigliottina. Non può farlo quello USA (altro mito, derivante dalla potenza americana, l'onnipotenza presidenziale americana), figuriamoci il nostro. Non potrebbe (riprendendo un vecchio discorso) mica imporre il suo PdC di fiducia, se il Parlamento non gliela da. Non potrebbe mica sciogliere il Parlamento di sua pura volontà. La guerra, come più in generale la materia internazionale (anche senza considerare la posizione ITA all'interno di UE, NATO e ONU) è questione del Parlamento, ne occorre delibera e autorizzazione, in virtù delle quali PdR la dichiari. Capo forze armate non proprio, presiede (in qualità di Capo dello Stato) il Consiglio supremo di Difesa, organo legislativamente regolato e di cui fanno parte anche PdC e Ministri maggiori, oltre al Capo di stato maggiore della Difesa. Un terzo dei giudici della CC sono di nomina Presidenziale, ma mica significa che ogni PdR (idem per il Parlamento) ne nomina 5, bisogna che ci siano i posti liberi, la loro carica dura 9 anni, appositamente più di quella del PdR che a sua volta è appositamente più lunga di quella delle Camere. E le nomine non sono mica libere, sono previsti importanti requisiti professionali a garanzia.
Non dico che non possano realizzarsi scenari paurosi, ma che i meccanismi per diluirli, interni ed esterni, ci sono. Del resto per quanto mi riguarda abbastanza pauroso è stato il clima pre e durante il Conte I, guarda che fine ha/nno fatto.

 

 

 

7 ore fa, joramun ha scritto:
Cita

Quanto a Draghi, Draghi è (regolarmente, legalmente, come Costituzione comanda) Presidente del Consiglio. Capo del Governo. Letteralmente il vertice della politica italiana.

 

Certo. Dov'è che avrei avanzato dubbi sulla regolarità della carica ricoperta da Draghi?


Non ho detto che l'hai fatto. (Tra parentesi, a voler essere davvero davvero corretto avrei dovuto dire 'vertice dell'amministrazione italiana). Ho precisato molte volte che quando commento e anche quando quoto, cerco di sfruttare ciò che diciamo per fare riflessioni che non sono necessariamente limitate al solo botta e risposta tra utenti.

 

 

 

7 ore fa, joramun ha scritto:

Quello che tu chiami "platonismo" non è altro che una semplice riflessione sul fatto che ciclicamente in Italia cadiamo nell'inganno dei "tecnici superpartes" che arrivano a fare le cose "giuste" in quanto "nè di destra nè di sinistra, ma soltanto utili al paese". Questa cosa è una fregnaccia che non esiste


Ma assolutamente no, accidenti ! In questi anni, ultimi giorni compresi, ho dedicato ore della mia vita :ehmmm:proprio a cercare di far comprendere che il concetto di Tecnico e Governo Tecnico, semplicemente non esiste, punto. E' una narrazione della Politica, e quindi in quanto tale pienamente parte del dibattito per sua natura parziale, ideologico, non oggettivo, al pari di quando si diceva che il Governo o il Presidente non è eletto dal poppolooo, o che non vogliono farci votaree (per dirne solo due). Io mi batto ! perchè si consideri oggettivo quel poco che di oggettivo c'è, e perchè non si pretenda di considerare oggettivo ciò che oggettivo non è, e non può essere. Perciò dico, tornando allo scambio in questione, che Draghi "sia ritenuto" o meno X o Y o §, ha il valore che ha. Punto. Dopodichè nessuno sarebbe più felice di me se questa roba dei tecnici sparisse dal dibattito pubblico. Mi batto, di nuovo, perchè i Partiti non si vergognino di fare i Partiti e la Politica con le P maiuscole. Perchè tornino a prendersi la responsabilità delle loro azioni e idee. La responsabilità, responsabilizzare ognuno, è fondamentale, è la mia personale filosofia di vita. Insieme alla chiarezza e alla certezza delle regole, motivo per cui mi batto, ancora, perchè si migliori un testo costituzionale scritto (almeno limitatamente alla parte parlamentare) con un bastoncino sulla sabbia. E perchè faccio così spesso riferimento ad esperienze estere, sfido a trovarne una sola, una, come la nostra !

 

 

 

Tornando alla questione Renzi, esistono i luoghi appositi per stabilire se sia politicamente, civilmente o penalmente colpevole, e giudicarlo ed eventualmente punirlo. Che non sono le piazze (virtuali o meno). E non è la gogna. Questo fa di noi una Democrazia. Per quanto detestabile possa essere il soggetto e le sue azioni, spacciare per diritto di cronaca la diffusione dei suoi dati personali (non penso che nessuno possa davvero sostenere di aver bisogno del suo conto corrente in prima pagina, ma poteva essere l'indirizzo di casa, o le sue passioni sessuali, per criticarne nella maniera più forte possibile il coinvolgimento, da Politico, in attività di quel tenore), non suona degradante solo in un Paese la cui storia democratica è macchiata dal sangue di innumerevoli uomini e donne di Stato. Abituato a leggere con nonchalance intercettazioni private. Alle fughe di notizie ad hoc. A considerare gli imputati colpevoli sino a prova contraria, e neanche, perchè tanto si sa come vanno queste cose. Tutto rigorosamente in nome di quella lotta politica portata avanti con ogni mezzo e ad ogni costo. Perchè la propria causa è più giusta delle altre. E c'è sempre un Bene Superiore.

 


P.S. Che poi, ci fosse una volta in cui questo modo di fare e pensare abbia portato bene. Pensate agli Anni Settanta. Pensate agli Anni Novanta. Pensate agli Anni Duemiladieci. Pensate che bellezza quando Berlusconi sarà Presidente della Repubblica* e Renzi sarà rimasto ricco e libero. Vuoi mettere la purezza morale però? O N E S T A' !

* P.P.S. A scanso di equivoci, perchè so come vengono interpretate queste cose, non vorrei. Non lo voterei. E però, mai sottovalutare l'incapacità altrui !

Link to post
Share on other sites
3 minuti fa, Mar ha scritto:

O N E S T A' !

Mi pare che il Copasir stia indagando anche sui finanziamenti al presidente Bolsonaro, noto campione di diritti civili.

 

4 minuti fa, Mar ha scritto:

Vuoi mettere la purezza morale però?

Diceva qualcuno chi è senza peccato scagli la prima pietra. Quindi nel caso specifico non mi pare ci sia manco tutta sta purezza, è solo scocciatura.

8 ore fa, joramun ha scritto:

Non esiste un punto di vista neutro, oggettivo, equidistante, disinteressato, universale, «neutro» in quanto rappresentativo di una totalità indifferenziata (che sia la nazione o altro)e al di sopra degli interessi e delle fazioni  – neanche nelle questioni della cultura e dell’arte. Chi parla lo fa sempre da un luogo preciso, da un corpo preciso, da un nodo della storia, da un insieme di interessi di cui è portatore, dall’interno di una classe sociale, di un sesso o di un genere. Il discorso è sempre un discorso storicamente e socialmente determinato. E sta all’analisi critica smascherare il falso universalismo di cui – a volte – i discorsi si ammantano e si travestono, per portare sotto gli occhi di tutti “di che lacrime grondi e di che sangue” anche la più innocente apologia dell’esistente." [Antonio Caronia

Non è che ciclicamente in Italia ci cadiamo, di fatto però è sicuramente meno di partes di tanti altri esponenti di singoli partiti.

Che poi quello che sostiene la citazione non è neanche questa gran scoperta dell'acqua calda, quando si spiega il concetto di descrizione oggettiva e soggettiva emerge chiaramente che per quanto attento ognuno di noi filtra la realtà attraverso la sua percezione. Ma in questo caso cadiamo nel mero accademismo perché nella pratica a cosa ci serve puntualizzarlo in questa sede?

Nessuno crede che Draghi sia impermeabile alla realtà esterna che lo circonda, come nessuno crede che i politici guadagnino al massimo 15.000 euro, ma ad alcuni piace sottolineare la fallibilità altrui perchè in questo modo pensano di sottolineare l'inadeguatezza di personaggi che non gli fanno comodo. E magari porsi pure sull'Aventino dell'idealismo fine a sé stesso.

Link to post
Share on other sites
8 ore fa, joramun ha scritto:

"Non esiste un punto di vista neutro, oggettivo, equidistante, disinteressato, universale, «neutro» in quanto rappresentativo di una totalità indifferenziata (che sia la nazione o altro)e al di sopra degli interessi e delle fazioni  – neanche nelle questioni della cultura e dell’arte. Chi parla lo fa sempre da un luogo preciso, da un corpo preciso, da un nodo della storia, da un insieme di interessi di cui è portatore, dall’interno di una classe sociale, di un sesso o di un genere. Il discorso è sempre un discorso storicamente e socialmente determinato. E sta all’analisi critica smascherare il falso universalismo di cui – a volte – i discorsi si ammantano e si travestono, per portare sotto gli occhi di tutti “di che lacrime grondi e di che sangue” anche la più innocente apologia dell’esistente." [Antonio Caronia]


Ma amen !

Storicamente, socialmente .... e ideologicamente, culturalmente, geograficamente, e latitudinamente, longitudinalmente, eccetera, eccetera. Abbasso la Verità, abbasso il Verbo. "Le cose sono un po' più complicate ... ". Perchè allora detesto parlare di Destra e Sinistra in maniera astratta, come se fossero concetti oggettivi e immutabili? Validi ovunque e sempre. Perchè contesto quando si fa paragone tra Italia e Paesi Bassi o Svezia ? Perchè specifico che "Nord e Sud Italia, si, giusto, ma ... " . Ma se persino a proposito di Nazismo e nazisti ! "Si, ok, cattivi, male, va bene, adesso però vi va di parlarne per davvero? Perchè Nazismo? Come Nazismo? Cosa l'ha determinato ? ... "

Link to post
Share on other sites
17 ore fa, Mar ha scritto:


Ma amen !

Storicamente, socialmente .... e ideologicamente, culturalmente, geograficamente, e latitudinamente, longitudinalmente, eccetera, eccetera. Abbasso la Verità, abbasso il Verbo. "Le cose sono un po' più complicate ... ". Perchè allora detesto parlare di Destra e Sinistra in maniera astratta, come se fossero concetti oggettivi e immutabili? Validi ovunque e sempre. Perchè contesto quando si fa paragone tra Italia e Paesi Bassi o Svezia ? Perchè specifico che "Nord e Sud Italia, si, giusto, ma ... " . Ma se persino a proposito di Nazismo e nazisti ! "Si, ok, cattivi, male, va bene, adesso però vi va di parlarne per davvero? Perchè Nazismo? Come Nazismo? Cosa l'ha determinato ? ... "

 

Si ma occhio a non scambiare quella che vuole essere una critica del principio per cui "la virtù sta nel mezzo", con un elogio del relativismo.

Link to post
Share on other sites
Il 4/11/2021 at 19:13, joramun ha scritto:

Tanto per avere dei numeri di riferimento...

Su circa tre milioni di percettori di reddito di cittadinanza, quelli sottoposti ad una forma di controllo sono stati 87.198.
Da questi controlli le denunce emerse sono state 3.484 (meno del 4 per cento), di cui 1.338 già note alle forze di polizia, 422 con precedenti penali, 64 già condannate per associazione mafiosa.
Insomma l'indagine era (giustamente) mirata a svelare una specifica rete di malaffare e non randomica per dimostrare l'inefficacia della misura.
 

Presumo che anche queste rientrino nel novero dei già noti alle Forze dell'Ordine.

Cito una fonte che so andare per la maggiore e ritenuta affidabilissima 

Il Fatto Quotidiano: Reddito, 9mila false richieste: sventata maxi truffa da 60 milioni.
https://www.ilfattoquotidiano.it/2021/11/11/reddito-9mila-false-richieste-sventata-maxi-truffa-da-60-milioni-governatori-lega-stop-a-rifinanziamento-orlando-no-a-speculazioni/6388027/

 

 

Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

  • Upcoming Events

  • Member Statistics

    • Total Members
      5,876
    • Most Online
      1,394

    Newest Member
    James231295
    Joined
  • Forum Statistics

    • Total Topics
      16,129
    • Total Posts
      749,433
×
×
  • Create New...