Jump to content
Darrosquall

Commenti su film appena visti

Recommended Posts

Mulan II (2004) di Darrell Rooeny e Lynne Southerland

 

Seguito del mio film d'animazione Disney preferito. Ovviamente non raggiunge l'epicità, la complessità e l'elevatezza di temi del predecessore, ma questo era impossibile e la Disney lo sapeva bene visto che non è uscito al cinema ma direttamente in homevideo. È comunque una storia molto gradevole e con disegni assolutamente all'altezza (altro che il digitale di oggi), e con un femminismo genuino e sincero (non come quello di oggi) ancora maggiore rispetto al primo film. Nel complesso promosso.

 

Voto: 6,5

Share this post


Link to post
Share on other sites

Spider-Man 2 (2004) di Sam Raimi

 

Dopo la duologia su Hellboy, un altro magnifico cinecomic d'altri tempi, evoluto negli effetti speciali ma soprattutto nella trama. I primi 15 minuti delineano alla perfezione la difficile situazione economica e sociale di Peter Parker con una grazie ed una capacità di sintesi che ormai non si vedono più nel cinema moderno, e Otto Octavius/Dottor Octopus è un villain magnifico e shakesperiano (a proposito, carina la citazione di J. J. Jameson a Doctor Strange!). E Kirsten Dunst è la miglior Mary Jane mai vista sullo schermo.

Un film assolutamente privo di difetti, uno dei casi particolari di sequel migliore del primo film e un ode al personaggio di Spiderman, oltre che una lezione di cinema.

 

Voto: 10

 

EDIT: peccato che la Dunst non sia rossa naturale di capelli, altrimenti sarebbe già entrata nel mio immaginario erotico personale.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Hai mai visto Kirsten Dunst recitare meno che benissimo? Io no. Vabbè la sua audizione per Intervista col Vampiro è storia.

 

Colossal (2016)

Film tanto assurdo quanto geniale. Sceneggiatura astuta, girato benissimo, con qualche perdita di ritmo a metà film ma tutto sommato trascurabile, cast stratosferico con una Anne Hathaway in stato di grazia (come spesso le accade). 

Costato 15 milioni di dollari, ne ha incassati 4,5 e in Italia nemmeno è uscito in sala.

Il regista, Nacho Vigalondo, che sfoggia un controllo dell'inquadratura che farebbe felice un Fincher, adesso dirige una web serie per Hulu, mentre gente che non sa manco riempire un frame come si deve gira film che incassano un miliardo di dollari.

Boh.

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Spiderman 3 (2007) di Sam Raimi

 

Forse il meno bello della trilogia, ma comunque notevole. Finalmente, grazie al personaggio di Venom, possiamo vedere il lato oscuro di Spiderman, e anche le psicologie degli altri personaggi sono ben approfondite. Il Mereghetti ha bastonato male questo film ritenendolo incomparabile rispetto al n. 2, ma non vedo grossi cali rispetto ai primi due film. Probabilmente il problema principale è una certa confusione nel plot generale con mille sottotrame, e alla fine manca un "vero" cattivo: ma quest'ultimo fatto è forse un pregio più che un difetto. Per tutto il film il nemico principale di Spiderman è sé stesso. Quanto avrei voluto facessero un n. 4...

 

Voto: 8.5

Share this post


Link to post
Share on other sites

Vista la rivisitazione dei primi film su Spider-Man, volevo fare la mia solita e superflua classifica, magari sui film dedicati al Ragno.

 

Sono 7:

 

Amzing Spider-Man credo sia il peggiore, con un Uomo Ragno troppo legato a persone appena conosciute, un Lizard bruttissimo, una trama invece interessante ma sviluppata non benissimo.

Punti a favore: Gwen Stacy/Emma Stone, Garfield più moderno di concezione per Spidey, il cameo di Stan Lee. Punti contro: Lizard, l'identità segreta conosciuta da tutti a naso, il girato non sempre eccelso e limpido.

 

Amazing Spider-Man 2 più o meno allo stesso livello del predecessore, migliora il dedicato a Gwen Stacy fino alla rielaborazione della famosa morte, interazione di Peter e Gwen convincente, nefasto ElectroFantozzi, e la prima avvisaglia di Sinistri Sei non è così promettente, Rhino è bruttissimo! 

 

Spider-Man Tre di Raimi ha un esagerato stacco dalla realtà col dualismo Peter buono/cattivo, con tanto di frangia ridicola ad accentuarne il cambiamento. 

Venom buttato a caso nella mischia.

Caratterizzazione di Peter sempre troppo grottesca, che estremizza quei momenti già accennati nel secondo Spider-Man. 

L'Uomo Sabbia ha uno stile retrò, ma il suo emotivo passa e va a segno, almeno.

Per fortuna la regia è sapiente.

 

Spider-Man Homecoming snatura non poco il solito Ragno e il suo utilizzo quotidiano delle sue abilità. Iron Man ridonda fino al punto di essere il sostituto di Zio Ben, e non va bene!

Azzeccato invece l'Avvoltoio, che con qualche elemento preso al Goblin di Dafoe, rende il personaggio ben caratterizzato, facendone il punto migliore del film.

Regia meh.

 

Spider-Man Far From Home invece denota una gran crescita del regista nel girato e pone un bel dilemma di contrasto tra il supereroe e il ragazzo ancora adolescente.

Ancora un ottimo villain, ottima la rappresentazione dei poteri e anche l'approfondimento sul senso di ragno, peccato per la squadra di delusi ancora una volta tutti "creati" da Tony Stark, che sembra relegare le questioni dei super solo ad un gruppo ristretto di persone coinvolte.

Sarebbe ora di vedere un bel film su Authority.

 

Spider-Man Due ha probabilmente uno dei migliori villain visti su schermo, Octopus di Molina è fantastico.

Ottima anche l'epicità e il sacrificio che mostra Spider-Man/Peter, mostrando quanto metta in gioco per proteggere e salvare.

Qualche stupidata di troppo tipo il coinvolgimento di zia May nello scontro tra Spidey e Ock, palesemente comico, e la mancata accortezza che un pugno di Spidey basti a metter ko il doc, come invece viene mostrato con il recente Mysterio. 

Film decisamente migliore degli altri finora analizzati comunque. 

 

Spider-Man, il primo, è ancora il migliore secondo me, con un altro villain quasi perfetto, a parte la realizzazione grossolana dell'armatura, e le interazioni personali del Peter scolastico, dove Maguire sembra essere Parker fatto vivere dai fumetti.

Col suo successore comunque rappresenta il miglior trasposto del Ragno fino ad oggi.

 

Voti!

Spider-Man 7,5

Spider-Man Due 7+

Spider-Man Far From Home 6,5

Spider-Man Homecoming 6-

Spider-Man Tre 5+

Amazing Spider-Man Due 5

Amazing Spider-Man 5-

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Zoolander 2 (2016) di Ben Stiller

 

Sequel demenziale e sgangherato del primo film di quindici anni prima, è meno originale del prototipo ma altrettanto divertente. Alcune scene mi hanno fatto cappottare dalle risate:

Spoiler

- L'arrivo di Zoolander e Hansel all'albergo fatto di feci umane;

- L'apparizione di "Tutto", interpretato da Sua Maestà Benedict Cumberbatch;

- Ogni volta che Zoolander diceva "figoso";

- Il primo incontro tra Zoolander e Mugatu, e l'evasione di quest'ultimo;

- Il finale, con riapparizione del fantasma di Matilda!

Spero solo che non servano altri 15 anni per un terzo episodio...

 

Voto: 7

Share this post


Link to post
Share on other sites

Into the Spider Verse:

Film molto bello. Non ha la profonditá dei film di Raimi, ma riesce a divertire e a intrattenere. Soprattutto mi é piaciuto il fatto che SPOILER:

Spoiler

Lo Spider Man iniziale (quello che muore) é in realtá uno Spider alternativo, mentre "l'originale" é lo Spider Man adulto, ingrassato e stanco di combattere: 

"Mi sono fidanzato. Mi sono sposato. Ho fatto degli investimenti sbagliati. E mi sono separato"

Ovviamente hanno un pó esagerato con la sua caratterizzazione di eroe disilluso, ma mi é piaciuto questo ritorno alla sfiga dell'eroe, che negli ultimi film si era un pó persa. Allo stesso modo mi é piaciuto Myce, imbranato come il giovane Spider Man, ma alla stesso tempo con caratteristiche tutte sue e con una storia che, se da un lato rieccheggia quella di Peter Parker, dall'altro se ne distacca profondamente (é il classico procedimento dell' imitatio cum variatio). La storia del mutiverso alla fine funziona, a metá tra la parodia e l'omaggio (pare che quasi tutti gli Spider Man alternativi siano presenti nei fumetti).

I disegni sono molto belli.

Share this post


Link to post
Share on other sites

La tartaruga rossa (2016) - Michael Dudok de Wit

 

Anime di produzione francese, in collaborazione con lo Studio Ghibli, candidato a miglior film animato del 2016. Visivamente é molto bello, la creazione dei paesaggi, il sonoro, tutto molto limpido, un'esperienza particolare. La trama da Robinson Crusoe esoterico perché sì, mi é piaciuta un po' meno. Va bene voler far riflettere, ma almeno qualche appiglio me lo devi dare, altrimenti le interpretazioni possono essere tutto e il contrario di tutto.

 

Per quanto non mi piaccia dare mezzi voti, si merita un 6,5, non di più.

Share this post


Link to post
Share on other sites

The Lego Movie 2 (Mike Mitchell, 2019)

Venerdí sera, serata film con i bimbi. Abbiamo scelto questo, sebbene io non fossi entusiasta perché temevo fosse solo una robetta messa insieme per monetizzare il successo del primo. Temevo che, come il primo, fosse un film "gag-driven" con ancor meno sostanza (seppure il primo sia piacevole da guardare e divertente). 

E in parte é stato cosí. Ma, devo dire, mi é piaciuto. Ho apprezzato soprattutto che, proprio come il primo, sia riuscito ad avere un paio di twists interessanti (seppure non originalissimi) ma che contribuiscono a dare un pó di spessore ad un film comunque denso di gag e riferimenti pop.

Lo consiglio certamente a quelli a cui il primo é piaciuto.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Detective Pikachu

Presa da curiositá e trovandolo disponibile sono riuscita a vedere i primi 10 minuti ma poi presa da imbarazzo ho abbandonato.

Voto: non ho l'età, e poi non ho mai sopportato i Pokémon. 

 

Passando a qualcosa di più serio e ciccioso

Hunter killer - caccia negli abissi 

Il più recente film su sottomarini militari con Gerard Butler (che è pure produttore). Incredibile come dopo tanti anni Caccia a Ottobre Rosso dia ancora punti alle produzioni sul tema. Dimostrazione che aldilà degli effetti speciali è la storia a fare un film.

Registicamente non male, con molte immagini suggestive rese possibili anche dalle nuove tecnologie. Il punto debole è purtroppo appunto la storia che inizia coi sottomarini, passa per gli intrighi di potere del Pentagono, fa una deviazione con le forze speciali dei Marines, riprende i topoi piú famosi del genere (allarme rosso e caccia a ottobre) e li infarcisce con alcuni salti mortali tripli carpiati parecchio esagerati e moltissima retorica che si concentra soprattutto attorno al protagonista comandante del sottomarino. Ovviamente inutile aspettarsi approfondimento dei personaggi in questo contesto. Comunque non brutto per passare una serata.

Voto: sono indecisa perché tutto sommato non è malfatto ma a parte l'inizio non ha proprio guizzi. Facciamo un 6,5

Share this post


Link to post
Share on other sites

La forma dell'acqua - (2017) - Guillermo del Toro

 

Premi Oscar per il miglior film, migliore regia, migliore colonna sonora originale, migliore scenografia, il big winner della cerimonia del 2018, il candidato perfetto per scalzare lo scomodo Three Billboards Outside Ebbing,  Missouri, che guarderò prossimamente.

È un bel film, sognante, le talvolta difficili riprese sono armoniche e fluenti. Sebbene manchino i grandi star un particolare merito va anche gli attori, tutti, forse perché interpretano dei personaggi con dei tratti grotteschi (tutti :stralol: ).

L'assoluto punto di forza del film é l'incredibile equilibrio con cui si alternano i momenti in cui si naviga un mare favoleggiante, ad episodi in cui si "emerge" a tratti nella dura realtà per una scena sessuale più esplicita, un episodio di razzismo o un momento cruento (dei quali ce ne sono in abbondanza).

 

Personalmente non mi ha fatto impazzire la realizzazione della creatura, molto "meccanica", a tratti impacciata, e se nel mondo del cinema c'é una relazione 

Spoiler

che poteva tranquillamente rimanere platonica, era quella della protagonista con la creatura, mi ha fatto venire in mente Fantozzi quando gli piazzano la piovra nel letto e lui si rammarica di essere diventato un "maniaco sessuale ittico" :D:D:D 

Mi é mancato un momento wow, qualcosa che renda questo film più di un bel film. 

 

Voto 7/10

Share this post


Link to post
Share on other sites

A me è piaciuto molto piu La forma dell'acqua invece e sicuramente per l'Oscar è stato determinante il modo in cui tratta il tema del diverso e la tematica ambientale. Personalmente una statuetta meritata rispetto a tante altre distribuite negli ultimi anni.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Adesso mi vedrò gli altri film nominati, finora ho visto l'horror Get Out, che per quanto spassoso, non è certo da Oscar e Dunkirk, che ha un certo grandeur, ma con il suo montaggio è ostico e anche questo manca di quel guizzo di genialità.

Vorrei vedermi ancora almeno The Darkest Hour, per l'interpretazione apparentemente formidabile di Gary Oldman e poi il grezzo Tre Manifesti...

 

Poi mi sono fatto una panoramica accettabile direi ^_^

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...