Vai al contenuto

La Barriera Forum uses cookies. Read the Privacy Policy for more info. To remove this message, please click the button to the right:    I accept the use of cookies
HOME || NEWS || GEORGE R.R. MARTIN || BIBLIOGRAFIA || INTERVISTE || WIKIBARRIERA || FORUM || SOCIAL || LINKS || ARCHIVIO

Foto

TOTÒ IL SUBLIME, 50ANNI SENZA IL RE DELLE MASCHERE.


  • Per cortesia connettiti per rispondere
4 risposte a questa discussione

#1 GIL GALAD

GIL GALAD

    confratello

  • Utente
  • 3857 messaggi
    • Time Online: 44d 8h 15m 56s

Inviato 15 apr 2017 - 17:49

Premessa per i mod, ho aperto qui questa discussione dedicata all'anniversario del 50esimo dalla scomparsa di Totò perché secondo me è limitativo inserire questo enorme personaggio solo nell'ambito cinematografico.

 

 

 

gif-toto.gif

 

 

 

 

 

Bene, detto questo mi sembrava assolutamente opportuno dedicare una discussione al grande principe Antonio De Curtis che scomparse proprio un sabato come oggi il 15 Aprile del 1967. Credo che ognuno di noi abbia visto più o meno i suoi film, io almeno una volta tutti gli oltre 100 a cui ha partecipato e i più belli e famosi molte volte. E in ogni occasione è come se fosse la prima, i suoi film non annoiano mai neppure se li vedi decine e decine di volte.

Totò è stato molto più di un'attore, di un comico o di una maschera. E' stato arte pura unica ineguagliabile irraggiungibile.

Fin dagli esordi impose la sua straordinaria capacità parodistica e la sua disarticolata gestualità; i suoi sketch nascevano in effetti dal connubio fra questi due elementi: una dialettica stravolta, dalla sintassi inoppugnabile ma semanticamente assurda, che scherniva la retorica e l'altezzosità e al contempo misurava la goffaggine del sottoproletario che vuol darsi una dignità da borghese rispettabile, o addirittura da aristocratico di alto lignaggio; e un movimento frenetico da marionetta, ereditato dai clown e dai saltimbanchi, che riportava la maschera a dimensioni infantili (il riso beffardo con gli occhi divaricati e le membra scomposte). Mezzo nobile decaduto e mezzo miserabile, Totò condensava secoli e secoli di tradizioni comiche napoletane adattandole a questa sua maschera reale, alla schizofrenia napoletana che di ogni povero fa un aspirante ricco.

Si può dire che fosse il vero Pulcinella in carne ed ossa, ma ricordiamo che interpretò anche parti impegnate.

Ma come detto in precedenza Totò era molto di più di un'attore di cinema o teatro, scrisse molte canzoni (Malafemmena forse la più famosa) e molte poesie: chi non ha mai sentito menzionare la 'A Livella? Assolutamente straordinaria! Ebbe una vita certo non facile che sarebbe troppo lungo qui ripercorrere e chiunque ne sia interessato può trovare in rete riassunti della sua biografia. 

Totò è stato un'artista completo a tutto tondo, sublime e spesso come accade con i geni apprezzato più dopo la morte che durante la vita. È nell'Olimpo dei più grandi insieme ad altri geni come Charlie Chaplin o Stanlio e Ollio per dirne qualcuno. 

La sua comicità non fu mai volgare, un maestro non solo della risata ma anche di vita, di valori e morale.

Ebbe molte spalle, da Peppino De Filippo (quella storica) ad Aldo Fabrizi e persino Fernandel, tutti eccezionali attori a cui Totò dava luce ed onore.

Personalmente se dovessi fare un podio dei suoi tre film più belli sarebbe dura ma ci provo:

 

1) Miseria e Nobiltà (credo il suo capolavoro)

2) Toto', Peppino e la Malafemmina (la sequenza della lettera e quella dell'arrivo a Milano credo siano epiche)

3) Il Coraggio

 

Spesso ci sono tante cose che ci fanno vergognare di questo paese o di essere italiani (almeno a me), ebbene Totò al contrario mi inorgogliesce di esserlo perché appartiene a noi alla nostra cultura alla nostra migliore essenza.

 

Per finire ed onorarlo al meglio ecco:

 

 

totoanimate.gif

 

 

'A livella

 

Ogn'anno,il due novembre,c'é l'usanza
per i defunti andare al Cimitero.
Ognuno ll'adda fà chesta crianza;
ognuno adda tené chistu penziero.

Ogn'anno,puntualmente,in questo giorno,
di questa triste e mesta ricorrenza,
anch'io ci vado,e con dei fiori adorno
il loculo marmoreo 'e zi' Vicenza.

St'anno m'é capitato 'navventura...
dopo di aver compiuto il triste omaggio.
Madonna! si ce penzo,e che paura!,
ma po' facette un'anema e curaggio.

'O fatto è chisto,statemi a sentire:
s'avvicinava ll'ora d'à chiusura:
io,tomo tomo,stavo per uscire
buttando un occhio a qualche sepoltura.

"Qui dorme in pace il nobile marchese
signore di Rovigo e di Belluno
ardimentoso eroe di mille imprese
morto l'11 maggio del'31"

'O stemma cu 'a curona 'ncoppa a tutto...
...sotto 'na croce fatta 'e lampadine;
tre mazze 'e rose cu 'na lista 'e lutto:
cannele,cannelotte e sei lumine.

Proprio azzeccata 'a tomba 'e stu signore
nce stava 'n 'ata tomba piccerella,
abbandunata,senza manco un fiore;
pe' segno,sulamente 'na crucella.

E ncoppa 'a croce appena se liggeva:
"Esposito Gennaro - netturbino":
guardannola,che ppena me faceva
stu muorto senza manco nu lumino!

Questa è la vita! 'ncapo a me penzavo...
chi ha avuto tanto e chi nun ave niente!
Stu povero maronna s'aspettava
ca pur all'atu munno era pezzente?

Mentre fantasticavo stu penziero,
s'era ggià fatta quase mezanotte,
e i'rimanette 'nchiuso priggiuniero,
muorto 'e paura...nnanze 'e cannelotte.

Tutto a 'nu tratto,che veco 'a luntano?
Ddoje ombre avvicenarse 'a parte mia...
Penzaje:stu fatto a me mme pare strano...
Stongo scetato...dormo,o è fantasia?

Ate che fantasia;era 'o Marchese:
c'o' tubbo,'a caramella e c'o' pastrano;
chill'ato apriesso a isso un brutto arnese;
tutto fetente e cu 'nascopa mmano.

E chillo certamente è don Gennaro...
'omuorto puveriello...'o scupatore.
'Int 'a stu fatto i' nun ce veco chiaro:
so' muorte e se ritirano a chest'ora?

Putevano sta' 'a me quase 'nu palmo,
quanno 'o Marchese se fermaje 'e botto,
s'avota e tomo tomo..calmo calmo,
dicette a don Gennaro:"Giovanotto!

Da Voi vorrei saper,vile carogna,
con quale ardire e come avete osato
di farvi seppellir,per mia vergogna,
accanto a me che sono blasonato!

La casta è casta e va,si,rispettata,
ma Voi perdeste il senso e la misura;
la Vostra salma andava,si,inumata;
ma seppellita nella spazzatura!

Ancora oltre sopportar non posso
la Vostra vicinanza puzzolente,
fa d'uopo,quindi,che cerchiate un fosso
tra i vostri pari,tra la vostra gente"

"Signor Marchese,nun è colpa mia,
i'nun v'avesse fatto chistu tuorto;
mia moglie è stata a ffa' sta fesseria,
i' che putevo fa' si ero muorto?

Si fosse vivo ve farrei cuntento,
pigliasse 'a casciulella cu 'e qquatt'osse
e proprio mo,obbj'...'nd'a stu mumento
mme ne trasesse dinto a n'ata fossa".

"E cosa aspetti,oh turpe malcreato,
che l'ira mia raggiunga l'eccedenza?
Se io non fossi stato un titolato
avrei già dato piglio alla violenza!"

"Famme vedé..-piglia sta violenza...
'A verità,Marché,mme so' scucciato
'e te senti;e si perdo 'a pacienza,
mme scordo ca so' muorto e so mazzate!...

Ma chi te cride d'essere...nu ddio?
Ccà dinto,'o vvuo capi,ca simmo eguale?...
...Muorto si'tu e muorto so' pur'io;
ognuno comme a 'na'ato é tale e quale".

"Lurido porco!...Come ti permetti
paragonarti a me ch'ebbi natali
illustri,nobilissimi e perfetti,
da fare invidia a Principi Reali?".

"Tu qua' Natale...Pasca e Ppifania!!!
T''o vvuo' mettere 'ncapo...'int'a cervella
che staje malato ancora e' fantasia?...
'A morte 'o ssaje ched''e?...è una livella.

'Nu rre,'nu maggistrato,'nu grand'ommo,
trasenno stu canciello ha fatt'o punto
c'ha perzo tutto,'a vita e pure 'o nomme:
tu nu t'hè fatto ancora chistu cunto?

Perciò,stamme a ssenti...nun fa''o restivo,
suppuorteme vicino-che te 'mporta?
Sti ppagliacciate 'e ffanno sulo 'e vive:
nuje simmo serie...appartenimmo à morte!"

 


  • 3

#2 Darklady

Darklady

    Bardo Spadaccino dalla corte di Kellgeard

  • Attendente
  • 5273 messaggi
    • Time Online: 52d 18h 4m 25s

Inviato 15 apr 2017 - 18:45

Gil, mi dispiace, ma nonostante la tua premessa, non possiamo tenere questa discussione qui in Approdo; è palesemente argomento di Myr, anche se a te sembra riduttivo.

Quindi, sposto.


  • 0

#3 Iceandfire

Iceandfire

    confratello

  • Utente
  • 2286 messaggi
    • Time Online: 147d 15h 59m 27s

Inviato 15 apr 2017 - 19:30

Che cosa sono le nuvole...un Totò diverso...ma struggente,diretto da PP Pasolini

 

 

Aggiungo

 

La banda degli onesti

I tartassati

Totò e Cleopatra

Guardie e Ladri


  • 1

#4 Euron Gioiagrigia

Euron Gioiagrigia

    confratello

  • Utente
  • 1350 messaggi
    • Time Online: 12d 17h 41m 19s

Inviato 16 apr 2017 - 12:10

Bè, direi che avete già detto tutto voi.

 

Grandissimo attore innamorato del suo lavoro, comico leggendario ma anche capace di riflessioni profonde (la sua suddivisione tra uomini e caporali, le poesie tra cui "La Livella"), personaggio mai destinato a tramontare. I suoi attriti con la censura e i critici cinematografici non hanno fatto altro che aumentare la mia stima nei suoi confronti.

 

I suoi migliori film (secondo me):

 

- Totò, Peppino e la Malafemmina;

- I Soliti Ignoti (anche se non è in realtà tra i protagonisti veri e propri);

- Miseria e Nobiltà;

- Siamo uomini o caporali;

- Totò Diabolicus: non è profondo a livello di tematiche, ma adoro il suo trasformismo che lo porta a interpretare diversi personaggi contemporaneamente


  • 1

#5 AemonTargaryen

AemonTargaryen

    confratello

  • Utente
  • 197 messaggi
    • Time Online: 21d 52m 51s

Inviato 23 apr 2017 - 12:13

Direi che avete già detto molto.

 

In ogni caso, complimenti a Gil per aver aperto la discussione. Totò è stato di certo uno degli artisti più grandi di sempre, e trovo triste il fatto che, spesso, lo si etichetti semplicemente come "comico". È stato molto, molto di più, e senza ripetere cose già dette, mi limito a dire che basterebbe già "soltanto" 'A livella come testimonianza della grande profondità di un artista che era capace di andare ben oltre, il "saper far ridere".

Insomma, come è stato già detto, un artista a tutto tondo. Un vero artista, che sapeva emozionare gli altri e che, però, aveva dentro di sé una tristezza immensa.

 

Alla lista dei film che avete già citato, mi limito ad aggiungerne uno: Uccellacci e uccellini, diretto da Pier Paolo Pasolini.

 

 

Aggiungo, infine, che sarebbe stato arduo, trovare un aggettivo migliore di sublime.


  • 0