La Barriera 3.0 - Sito Italiano non Ufficiale su George R.R. Martin

NEWS

Intervista a Jerome Flynn.


Con l’arrivo della terza stagione della serie fantasy ed epica della HBO, Game of Thrones, la cui premiere sarà tra meno di due settimane, stiamo dando uno sguardo a cast e crew per farci dire quello che ci aspetterà.
Abbiamo avuto l’opportunità di parlare con George RR Martin di un potenziale spin off sul prequel di GOT e Lena Headey, Cersei Lannister, di quello che ci si può aspettare da Joffrey il Crudele o il Re marionetta (nome non ufficiale) e il destino della sua spietata famiglia nella serie in arrivo.
 
Game of Thrones è una serie piena di personaggi bel disegnati e dinamici. Uno dei preferiti è la guardia del corpo mercenaria di Tyrion Lannister, Bronn, interpretato da Jerome Flynn. Abbiamo avuto l’opportunità di sederci con lui, che è anche il coprotagonista di Ripper Street della BBC America, a parlare della relazione tra Bronn e Tyrion nella terza stagione, il lavoro con Peter Dinklage e la possibilità che la serie TV sopravviva oltre i libri. Oh e abbiamo anche chiesto chi vincerebbe tra Bronn e il Mastino.
 
Quando Flynn ci ha detto che ha trovato più disturbante interpretare il rude sergente Bennet Drake di Ripper Street più che lo spietato Bronn di Game of Thrones, siamo rimasti un po’ sconcertati.
 
IGN: Questo è interessante. Nella mia mente pensavo che è più difficile interpretare Bronn, perchè non ha nessuna compassione morale.
 
Jerome Flynn: Bhe, forse perchè mi immedesimo nelle esperienze di Bennet Drake; perchè è usato nel dipartimento di polizia come un picchiatore, ma non è totalmente a suo agio con questo. Per Bronn, d’altro canto, tutto è come acqua fresca. Lui ucciderà quando dovrà uccidere, ma magari potrò essere smentito... Tyrion gli chiede “Uccideresti un bambino se te lo domandassi?” e Bronn risponde “Dipende quanto mi paghi”. Io non so se è vero. Io penso che lui sia molto bravo a dire quello che Tyrion vuole sentirsi dire e mostrando a Tyrion quello che vuole vedere. È un uomo intelligente, Bronn. È come se stesse interpretando una parodia, un qualche tipo di personaggio. È molto ambizioso.
 
IGN: la relazione tra Bronn e Tyrion è molto affascinante. Continuerà nella terza stagione? Le cose cambiano un po’ nei libri, quanto è simile lo show al libro?
 
Flynn: Come nel terzo libro, loro sono ancora insieme. Bronn è fastidioso, frustrato e si sente sottopagato. Quindi è pronto per nuove strade, il che è triste. Cioè per me è molto triste, perchè amo lavorare con Peter (Dinklage). È una grande divertimento avere questi due personaggi da interpretare. Peter è un magnifico attore e ha un carattere di natura sofisticato e spassoso e un grande umorismo. È un uomo divertente, veramente divertente. È un sogno interpretare questo ruolo.
 
IGN: Sei riuscito a mantenere quel tipo di rapporto durante la stagione (Che è basata sulla prima metà del libro A Storm of Swords)?
 
Flynn: Sì, Bronn è un piccolo cammeo, da un certo punto di vista. Non sono sicuro, ma è presente in cinque, sei episodi, ma è mantenuto. Ed è molto carino che mi abbiano tenuto dentro. Io penso che lui debba prendersi le sue possibilità e ci sono molte opportunità in arrivo. Quello che mi interessa, e che spero perchè ci si sente come se potesse accadere, è che questi due tornino insieme, qualsiasi cosa succeda a Tyrion. Lui se ne va ed a me piace pensare che loro tornino in gruppo assieme.
 
IGN: I produttori te ne hanno parlato?
 
Flynn: bhe, io non so se George (RR Martin) ha detto “questo è dove stiamo andando”, ma loro stanno continuando a trasportare lo scritto in una serie TV. Quindi se George non va avanti con il libro, io penso che dovranno farlo da soli. E quindi ci sarà più libertà. Cioè, questa è una mia idea, ma penso che sia un problema e George lo sa.
 
IGN: pianificando, ci sarà un conflitto fra Game of Thrones e Ripper Street?
 
Flynn: i tempi sono molto stretti, soprattutto adesso. Ci sono due mesi che si sovrappongono, ma per un colpo di fortuna sono entrambi girati in Irlanda. Molte delle scene di Bronn sono li, forse uno o due giorni in Croazia, ma soprattutto a Belfast, due ore e mezza in macchina, quindi spero che nessuna delle due parti sia compromessa.Il set è in Croazia, ad Approdo del Re. Oh, Dubrovnik è una delle città più belle del mondo. Ci ho passato un paio di settimane. E poi Belfast, Titanic Studios, dove è stato costruito il Titanic.
 
IGN: Hai visto qualcosa della stagione che sta arrivando?
 
Flynn: Ho visto un po’ di ADR, ma questo è tutto. E’ bello Epico.
 
IGN: Durante la puntata Blackwater Bronn arriva quasi allo scontro col Mastino. Se lo scontro dovesse avvenire, chi pensi che vincerebbe?
 
Flynn: Penso che Bronn creda di poter vincere. Ha visto come lotta il Mastino e per lui è abbastanza. Bronn doveva pensare di aver vinto, ma credo che fosse abbastanza nervoso quando il Mastino non voleva tirarsi indietro. Credo fosse nervoso, quindi alla fine tutto può succedere.
 
IGN: avevi già familiarità con i libri prima che fossi scelto per Bronn?
 
Flynn: Non ho letto tutto, ho letto una specie di Sinossi. Lo show è molto ricco e io non voglio restare deluso o anche solo preso dai libri. Voglio solo pensare a quello che sta per arrivare. E non sono un tipo che legge fantascienza, ok questa non è fantascienza, ma non è il mio genere. Come attore lo è ed è incredibile farne parte. È un lavoro da sogno. Così molti attori chiedono “Oh mio dio, come ci si sente a far parte di Thrones?” non ho mai realizzato quanti fossero in fila per un posto in essa. Quindi sono tipo in una setta di attori. È bello perchè la HBO ha versato un sacco di soldi nella produzione e quindi hai molto tempo per le scene. Molto tempo. Anche un’intera giornata per una scena. Per Ripper Street possiamo arrivare a setto, otto scene al giorno. Sono molto diversi, ma ci sono cose buone in entrambi.
 
IGN: é interessante perchè i due personaggi sono completamente diversi. Bronn è molto metodico, è un pensatore, invece Drake è più viscerale, apparentemente.
 
Flynn: sì ed instintivo. Potresti essere il mio maestro di recitazione.
 
IGN: Oh un lavoro nuovo! Questa è stata una intervista molto produttiva per me!
 
Flynn: (Ridendo) è la mia influenza su di loro. Drake non è un calcolatore e manipolatore e intelligente come Bronn. Ma è complicato e impegnato e sta cercando, come Bronn, di togliersi di dosso certe catene con cui è nato a causa della sua classe sociale. Penso che Bronn sappia come farlo, solo che non ha la stessa bussola morale di Bennett Drake. Così. 

FONTE


Commenta sul Forum