La Barriera 3.0 - Sito Italiano non Ufficiale su George R.R. Martin

NEWS

In memoria di Locke: intervista a Nohan Taylor


Fonte: Vulture

Quando Locke ci è stato presentato per la prima volta in Game of Thrones, era il sostituto di Vargo Hoat, il mercenario alleato con Roose Bolton che ordina di mozzare la mano della spada di Jaime Lannister nella serie di libri di George R. R. Martin, A Song of Ice and Fire. Locke nella scorsa stagione ha portato a termine il proprio lavoro sporco e poi si è nettamente distaccato dall’arco narrativo di  Vargo Hoat nei libri, ritornando in questa stagione ad eseguire altre richieste di Bolton. La scorsa settimana è tornato alla Barriera, dove ha fatto conoscenza con un inconsapevole Jon Snow e, essendo segretamente in missione per trovare a uccidere Bran Stark, si è offerto volontario per l’attacco alla Fortezza di Craster. 

 

Quindi nessuno basandosi sulla lettura poteva predire che Locke stava per morire, e morire in un modo orribile per mano di un Hodor controllato da Bran. Nohan Taylor, l’attore che ha interpretato Locke, dichiara che preparandosi a filmare la quarta stagione non sapeva di non arrivare alla quinta, ma la sua dipartita non è stata uno shock per lui, visto che nessuno a Westeros è al sicuro, specialmente dato il cattivo seme gettato mozzando mani ai Lannister. Vulture ha chiacchierato con Taylor riguardo a come ha scoperto che l’ora di Locke stava per arrivare, se è stato difficile girare l’ultima scema e perché lui probabilmente non recupererà l’episodio fino all’anno prossimo. 

 

Quando hai scoperto di essere destinato a morire?

Avevo già supposto di morire in questa stagione, quindi non è stata una grande sorpresa o una delusione. E mi andava bene così. In qualche modo mi aspettavo che Locke in qualche modo se ne andasse, un po’ per via di ciò che ha fatto a Jaime Lannister, e nella mia immaginazione Jaime avrebbe avuto in qualche modo a che fare con questo, e ho pensato che ad un certo punto si sarebbe una verificata una vendetta karmica. Ma nessuno lo sapeva. Nessuno nel cast lo sapeva davvero prima dell’uscita dello script e loro in qualche modo si tutelano da questo. Ma la scena comprendeva delle protesi e queste vengono fatte mesi prima, e fu quello il momento in cui seppi di essere destinato a morire. Ti mandano alla fabbrica di protesi per provare una colonna vertebrale rotta e questo è sempre un buon indizio del fatto che ti accadrà qualcosa di brutto. [Ride] Non c’è modo di tornare indietro, sapevo che era in programma qualcosa. Questo è accaduto prima che ricevessi la mia sceneggiatura ed è stata la mia soffiata.

 

Come hai provato la colonna vertebrale rotta?

Si tratta solo di passare tanto tempo coperto di latex, con il collo piegato da un lato, quindi non è particolarmente comodo. Sei costretto a stare immobile e il tuo collo diventa rigido. Nell’intero show c’è tanta scomodità, con gente che ti colpisce in testa e cose del genere.  Ci sono molte possibilità di ferirsi, ma ci sono delle controfigure davvero eccellenti e tu fai le prove di tutto, quindi è raro che succeda qualcosa, ma sei in mezzo al fango, ti danno le protesi e cose simili. Ma fa tutto parte del lavoro e ti ci abitui. E’ semplicemente così. Però è divertente avere un personaggio che viene ucciso. Carino e definitivo. E’ una morte buona, orribile e drammatica. E’ bello uscire in un modo spettacolare.

 

Le controfigure sono abbastanza coinvolte. Com’era girare quella scena? 

In verità, la parte più difficile è stata correre trasportando Isaac [Hempstead-Wright], perché ha iniziato come un bambino piccolo, ma ora sta attraversando l’adolescenza ed è cresciuto. E' fondamentalmente della mia stessa altezza e io sto invecchiando, quindi questa è stata la parte più difficile, correre in giro con questa persona sulle mie spalle per un paio d'ore. Comunque, anche se hai le migliori controfigure del mondo, ciò che rende il pubblico ansioso e sulle spine è il loro interessamento per il personaggi. Per quanto si tratti di uno show visivamente spettacolare, è la scrittura a guidarlo, capisci cosa intendo dire?  Questo è il dramma della sceneggiatura, e tutto il resto lo potenzia per renderlo più vero agli spettatori. E' una sintesi tra questi due elementi. 

 

Hai giù visto l'episodio?

No. Non possiedo una televisione e sono un uomo di mezza età, quindi non sono mai riuscito a capire come scaricare le cose illegalmente. Sono un po' quadrato. [Ride.] E siccome lo show è così complicato, ho intenzione di mettere da parte un po' di tempo l'anno prossimo e procurarmi tutti i cofanetti, e fare una maratona. Quindi sicuramente non vedrò la mia morte fino all'anno prossimo, o fino a quando non uscirà il cofanetto.

 

Dovrebbero regalarti un'iscrizione ad HBO Go come regalo di addio quando muore il tuo personaggio, in modo che tu non debba aspettare. 

[Ride] Oh, questo sarebbe grandioso. Intendo, ricevi una bella giacca in neopreme o qualcosa del genere, e questo è tutto. Lo so, è triste, ma è così! Non conosco queste cose, HBO Go. Io ascolto ancora i miei dischi in vinile e cerco di vivere nel XX secolo. Sono un po' Luddite.

 

Quanto sei Luddite?

Beh, possiedo un iPad, quindi in fondo non così tanto, immagino, ma sono abbastanza indietro con la tecnologia. Non possiedo nessuno CD e non ho la televisione. Non guido la macchina, ma non vado nemmeno a cavallo, tranne che nello show! [Ride.] Non mi sono fatto coinvolgere da tutta questa roba tecnologica quando ha iniziato a uscire. Certo, scrivo email e ho un telefono cellulare, ma semplicemente non sono interessato a re-imparare in continuazione tutte queste cose. Non è una decisione consapevole, né una questione di principio politica. E' semplicemente una combinazione di pigrizia e stupidità, probabilmente più di ogni altra cosa. Probabilmente vivrei senza tutta questa roba se potessi, ma il lavoro in qualche modo insiste che tu abbia queste cose, perché rendi le cose più facili a chiunque altro.

 

Quando Joffrey è morto, la gente ha iniziato a chiedersi chi odiare al suo posto. Alcuni avranno pensato a Ramsay Snow o Locke, a causa della loro tendenza a tagliare parti del corpo. E ora? 

Beh, io non considero Locke particolarmente cattivo! E' un mondo brutale, ma anche in questo contesto lui è soltanto un uomo che cerca di ritagliarsi un'esistenza per sé stesso. E ha una sorta di avversione verso l'aristocrazia. A modo suo è una sorta di figura rivoluzionaria, come ha detto in un discorso a Jaime Lannister: "Hai sempre avuto tutto sulla sua strada, con il potere del tuo paparino e i soldi del tuo paparino." E' una questione di classe a guidarlo più di ogni altra cosa.

 

Ma ha tagliato una mano a Jaime! Quindi tu sostieni che ci sia una giustificazione politica per questo. 

Sì, prova un piacere sadico nella sofferenza degli altri, ma è fondamentalmente un mercenario, quindi gioca coi i cambiamenti di alleanze. Però non penso che sia totalmente malvagio o qualcosa del genere. E Jaime Lannister se l'era cercata, penso. [Ride.]


Commenta sul Forum