La Barriera 3.0 - Sito Italiano non Ufficiale su George R.R. Martin

NEWS

Intervista a Martin - BadTV


Fonte www.badtv.it.




Come spieghi il fatto che il continente di Westeros sia privo dell'evoluzione propria di una civiltà e che sia bloccato nel Medioevo da millenni?

Questa domanda ha due risposte. La prima è che alcune civiltà davvero esistite, come ad esempio gli Egizi o i Cinesi, sono rimaste per secoli senza un effettivo progresso. Intere dinastie si sono susseguite senza grossi cambiamenti. La seconda risposta è che non bisogna credere a tutto ciò che c'è scritto nei libri in generale, per esempio nella Bibbia ci sono personaggi che hanno vissuto più di cento anni, ma è realmente così o è una diceria che si racconta da generazioni? Allo stesso modo, nei miei libri ho voluto intenzionalmente lasciare che la storia del passato di Westeros si perdesse in miti e leggende cosicché essa rimanga incerta.


Come fai a rendere i tuoi banchetti così vividi? Sembra quasi di assaporare le pietanze che descrivi.

Ho letto molti libri di usi e costumi medievali, mi sono ampiamente documentato riguardo le vere tradizioni dei banchetti e dei tornei perché ho sempre amato questo mondo. Nei miei libri cerco però di mescolare gli elementi reali con quelli provenienti dalla mia fantasia.


Ci parli di A DANCE WITH DRAGONS, il nuovo libro che uscirà il 12 Luglio in UK e USA?

Ciò che posso dirvi è che gli eventi narrati avranno luogo contemporaneamente a quelli narrati in A FEAST FOR CROWS e che ci saranno tre personaggi principali che occuperanno più del 50% del libro, ovvero Tyrion, Jon Snow e Dany, e ci sarà spazio per altri personaggi minori. Inoltre se qualcuno ha scritto che l'ultimo libro era particolarmente perverso e oscuro, aspettate di leggere questo.


Quando ti dedicherai alla stesura di THE WINDS OF WINTER?

Devo prima tornare da questo viaggio, poi finire la sceneggiatura della battaglia delle Acque Nere, guardare le audizioni per i nuovi personaggi della seconda stagione, finire il quarto libro della serie DUNK&EGG. A proposito di ciò, volevo inizialmente chiamarlo FEMME FATALE, ma ho optato invece per DANGEROUS WOMEN dopo essere stato consigliato dal mio editore perché secondo lui molti non ne avrebbero capito il significato. Dovrò poi partecipare ad una serie di eventi e convention in America per la presentazione di ADWD e infine potrò forse iniziare a dedicarmi a THE WINDS OF WINTER.


Molti hanno definito la tua saga un fantasy per lettori non amanti del fantasy. Quali sono le tue opinioni in merito?

Ai tempi, era il 1991, stavo lavorando per Hollywood quando mi venne in mente un racconto e cominciai a scriverlo. Improvvisamente mi si formò la vivida immagine del primo capitolo in cui Bran trova i cuccioli di metalupo e fino alla fine dell'estate non feci altro che scrivere abbandonando il precedente racconto. A quel punto però gli impegni di Hollywood mi sottrassero tanto di quel tempo che dovetti abbandonare anche questo. Ci ritornai nel 1994 e, fu l'unica volta in cui ripresi un lavoro abbandonato, l'idea iniziale era quella di scrivere un racconto che non avesse i tipici tratti fantasy quali la magia, draghi e poteri soprannaturali. Al momento di scegliere la copertina del primo libro, l'editore optò per una copertina prettamente fantasy, con castelli, cavalieri, spade e stendardi. Dopo le prime critiche, la copertina della seconda edizione venne stampata di colore grigio raffigurante solo il trono di spade. Alla fine il target è diventato più chiaro e gli amanti del fantasy sono rimasti soddisfatti.


Cosa rispondi a chi trova delle incongruenze all'interno dei tuoi libri?

Innanzitutto non dico di non commettere errori, cerco di non farne ma è normale che succeda. Spesso mi è stato contestato il fatto che alcune cifre riguardanti eserciti o battaglie varino da libro in libro... Beh, ti posso dire che questi non sono errori ma sono scelte volontarie. Ti faccio un esempio: se vai a leggere nei libri di storia la Guerra dei Cento Anni, troverai che a seconda del punto di vista, francese o inglese, i numeri degli eserciti e delle battaglie, se non perfino gli esiti, variano. Questo è un aspetto che non trascuro e ho cercato di ricrearlo all'interno dei miei libri.


Come ti vengono in mente i personaggi?

Molti scrittori a questa domanda rispondono che i personaggi comunicano con loro oppure altri ricevono ispirazioni divine... Io non so qual è la mia fonte di ispirazione, ma i miei personaggi sono sicuramente frutto di qualcosa fuori dal mio controllo, come l'inconscio.


Hai sempre pensato di inserire i draghi nella tua saga?

All'inizio potevo scegliere di impostare la saga in tre maniere diverse. Nella prima non avrei inserito nella saga nessun elemento soprannaturale; nella seconda non vedevo i draghi realmente esistenti, ma vedevo una manifestazione psichica dei loro poteri nella famiglia Targaryen, qualcosa che avesse delle caratteristiche Sci-Fi, con capacità di controllare il fuoco e roba simile. La terza, che è quella che ho infine scelto sotto consiglio di Melinda Snodgrass, a cui ho dedicato uno dei miei libri, è stata quella di creare dei draghi in carne e ossa.


Qual è il tuo personaggio preferito?

Quello che più si avvina al mio modo di essere è Tyrion Lannister, anche se io sono un po' più alto.


Chi vorresti essere tra i tuoi personaggi?

Vorrei avere l'arguzia di Tyrion, l'abilità e la bellezza di Jaime e di sicuro mi farebbero comodo i draghi di Dany.


Chi porteresti in vita per una giornata?

Partendo dal fatto che HBO li ha già portati in vita tutti, di sicuro sceglierei Daenerys, la trovo molto carina, o anche Shae oppure Asha, la cui corrispettiva interprete nella serie mi ha colpito molto.


Sai come va a finire tutto?

Certo, ma non ve lo dico.


Commenta sul Forum