La Barriera 3.0 - Sito Italiano non Ufficiale su George R.R. Martin

NEWS

Intervista a Melisandre


Fonte: Vulture


L’attrice olandese Carice van Houten si è presentata per la prima volta all’attenzione del pubblico americano  nel film d’azione sottotitolato sul nazismo di Paul Verhoeven, Black Book (e poi nei panni della moglie di Tom Cruise nel film sottotono Valkyrie). E’ tornata con il lancio della seconda stagione della serie HBO Game of Thrones, in cui interpreta la sacerdotessa rossa Melisandre, che starà dietro a Stannis nella suapretesa della corona. Prima di ciò, comunque, l’attrice avrà due nuovi film in teatri a marzo: una piccola parte nel film horror Intruders, e un ruolo come una poeta suicida sudafricana (e favorita di Nelson Mandela) Ingrid Jonker in Black Butterflies, un film per il quale ha vinto il premio di miglior attrice nel Tribeca Film Festival dell’anno scorso. Houten fece una chiamata transatlantica a Vulture l’altro giorno, per parlare di com’è essere una piccola superstar, del suo bisogno di progetti più pittoreschi, e delle scene di nudo.
 
Amo il tuo Twitter feed, soprattutto la nota in cima su come hai fatto così tanti film con black nel titolo: Black Book, Black Death, e ora Black Butterflies.
Non lo so, uomo. “Black” è un cliché nel titoli. Ho bisogno di qualcosa di bianco, come una commedia. Con Twitter ho un rapporto di amore e odio. Ci sono momenti in cui sento che il 99% delle persone che scrivono sono le persone più dolci, e poi un ragazzo o una ragazza pazza rovina tutto. So che non dovrei leggere tutto questo, ma quando sei una celebrità nel tuo stesso paese, è un modo facile per mostrare che sei fatta della loro stessa pasta. Voglio che sappiano che sono una di loro, che non mi trovo su una qualche isola a nuotare nel denaro, sai cosa intendo dire? [Ride.] E’ una cosa molto olandese, quella di non voler essere una diva.
 
Tu interpreti Ingrid Jonker nel film, e sua figlia Simone era un extra. Com’è stato?
Se sbatti gli occhi, te la perdi. Era la più dolce, e così intensa. Di base lei voleva che sua madre tornasse di nuovo viva, e in qualche modo è andata troppo oltre in questo. C’era una scena in cui mi dovevo allontanare da lei, e lei ha detto, “Mamma, non andare!” Era una sorta di scherzo, ma al tempo stesso mi ha dato i brividi. Per la prima volta, ho davvero capito quanto stesse soffrendo per sua madre, proprio come Ingrid stava soffrendo per suo padre. Forse sto diventando troppo psicologica, ma sento che in Ingrid e in sua figlia ci sia troppa rabbia che non possa essere espressa. Per entrambe, la loro madre è morta e loro sono state lasciate indietro. E nel caso di Ingrid, lei non poteva esprimere la rabbia per essere stata abbandonata, quindi questa rabbia si è rivoltata contro di lei, ed è per questo che è diventata autodistruttiva. Questa è la mia teoria, comunque. [Ride.]
 
Liam Cunningham interpreta qualcuno che ti ama in questo film. In Game of Thrones, interpreta qualcuno che ti odia. [Nota dell’editor: Interpreta Ser Davos Seaworth.]
E’ così divertente lavorarci di nuovo. E questa volta, riuscirò a gettarlo in prigione. Ma è meglio che non dica troppo su Game of Thrones, o Mr. HBO mi ucciderà.
 
Nonostante il fatto che ciò che fa Melisandre sia nei libri? Puoi davvero preoccuparti degli spoiler a questo punto?
Non tutti hanno letto i libri. Inclusa me! E a volte gli sceneggiatori si discosteranno leggermente dal sentiero.
 
Non li hai ancora letti?
Li ho tutti in una pila nella mia stanza, così posso iniziare a leggerli quando non sono occupata. Aspettano di essere letti. Probabilmente morirò in qualche modo terribile, e ancora non lo so.
 
Finora, fino a A Dance With Dragons, [spoiler alert] Melisandre è ancora viva e in forze.
Davvero? Qualcuno mi ha detto che è morta, ma forse erano solo persone che mi sfottevano. Faccio prima a leggerli in fretta io stessa, perché tutti i geek fantasy ne sanno più di me, e questo non mi piace. Ha qualcosa nascosto nella manica?
 
Letteralmente.
Bene, perché ha delle maniche enormi. Ho grandi maniche, e una grande parrucca, grandi capelli rossi. Tutte hanno una parrucca, eccetto la ragazzina che interpreta Arya. Ha tagliato i capelli. E io ho un grosso rubino, ma non penso che brilli. E i miei occhi non sono rossi. Credo che cerchino di dare a Melisandre un aspetto un po’ più umano.
 
Entrambi i ruoili di Ingrid e Melisandre richiedono una certa quantità di nudo… a meno che tu non sia nuda quando fai ne scene della magia nera dopo tutto? Cosa ne pensi dellasexposition?
E’ bizzarro: uccidiamo chiunque nei film, vediamo sangue, vediamo la guerra, vediamo macchine per uccidere, ma non puoi vedere un seno che ha tua madre. Deve essere elegante, certo. Ma chi indossa un reggiseno durante il sesso? E’ molto più facile se lasci  tutto il libertà. Lasciate che la gente veda un po’ di carne. Non è necessariamente la mia cosa preferita da fare; non che corra in giro senza reggiseno in ogni set, o dica “Hey, posso togliermi il reggiseno?” Ma sono abbastanza fortunata da essere ancora sufficientemente giovane, quando è okay. Posso capire che non si voglia che lo faccia se sono più vecchia. Se stai facendo l’amore in un film, devi toglierti il reggiseno. Stessa cosa se stai partorendo un’ombra.
 
Inizialmente eri in lista per un’altra parte nella serie. Chi?
Cersei. Ho pensato che quella della regina sarebbe stata una grande parte, e mi hanno chiesto di fare un’audizione, ma non potevo farla, perché stavo girando altro. Mi sembra che fosse Intruders, con Clive Owen, e non c’era modo. Interpreto la moglie di qualcuno lì.
 
Trovi frustrante interpretare ruoli nei film di Hollywood in cui sei rilegata a essere una moglie o una fidanzata? Sono difficili da trovare ruoli più sostanziosi?
E’ solo un po’ frustrante, considerando la posizione che ho nel mio paese, che è come una mini-Hollywood, dove posso scegliere i miei registi, produttori e co-attori. Quindi è problematico. E’ bello essere in un film di Hollywood con Tom Cruise — l’ho fatto una volta [in Valkyrie] — ma ogni volta che mi avvicino a cose per cui sono interessata fare un’audizione, la parte va sempre a qualcuno con un nome più grande. E’ così che funziona.
 
Quale sarebbe la parte che sogni?
Voglio lavorare in un progetto su Greta Garbo, e ho pure pensato di scriverlo. Ne stavo parlando coi produttori. Potrei farlo in Olanda, ma non è un film olandese: è su un’attrice di Hollywood; Garbo è nata in Svezia, ma è un’attrice americana. Ma sarei fortunata a interpretarla. Le attrici americane hanno più problemi di me; sono fortunata di poter interpretare quello che voglio per un pubblico ristretto, perché ho il mio paese per farlo. Ma mi piacerebbe fare più cose americane. Non è per via degli Oscar, dei soldi o cose simili. E’ per il fatto di comunicare con più persone. Non mi fraintendete: non direi no a un Oscar!


Commenta sul Forum